Trapani dilaga a Barcellona, Briosa in crisi d’identità

Trapani dilaga a Barcellona, Briosa in crisi d’identità

Commenta per primo!

Sentito confronto con la Lighthouse Trapani per un derby tutto siciliano che, storicamente, non ha mai risparmiato emozioni. Barcellona avrà l’occasione di riabbracciare in una volta sola gli ex Ugo Ducarello, Demian Filloy e Gabriele Ganeto, ma sa anche di dover dare il massimo sul parquet per provare ad addolcire una fase di stagione travagliata, caratterizzato da brucianti sconfitte e costellata da infortuni. Non facendo mistero di voler ricorrere al mercato invernale i giallorossi di coach Bartocci cercheranno nel derby di profondere il massimo impegno per risalire dall’ultimo posto della graduatoria che li vede a serio rischio declassamento. Trapani ha perso in volata la sentita sfida con Agrigento e nel secondo incrocio tutto siciliano cerca i punti per rimanere inserita tra le squadre di vertice del torneo nonostante qualche battuta a vuoto di troppo in trasferta ma sfruttando ottime qualità in possesso al gruppo granata.

La cronaca: il pubblico del PalAlberti chiede il successo ai propri ragazzi, presente anche una nutrita rappresentanza ospite che carica a dovere l’evento. Sempre out Cefarelli operato in Campania per i locali che schierano il quintetto con Centanni, Fallucca, Smith, Loubeau e Capitanelli Trapani con Mays, Ganeto, Tommasini, Renzi e Griffin. La prima tripla è di Fallucca recuperato in extremis nello scacchiere di casa, risponde dopo alcuni errori di troppo con l’ex paladino Mays che poi serve sotto Renzi per il 3-4. Dall’angolo seconda bomba dei locali con Capitanelli che scuote i suoi ma consente a Griffin il canestro col fallo. Nuovo sorpasso ospite con Renzi che elude il raddoppio difensivo. Ganeto poi dopo la rubata appoggia a canestro (6-11). Minuto di Bartocci ma Trapani sale di giri con i chili sotto canestro che Barcellona gioco forza soffre, è il turno di Griffin che segna nuovamente col fallo e la Lighthouse prova l’allungo (6-14). Mays punisce col marchio di fabbrico, i piedi oltre l’arco mentre si sblocca Loubeau (8-17). Si rivede capitan Migliori con Maccaferri che subito segna col fade away da 3. Briosa in crescita, recupero in difesa ed alto-basso per Loubeau. Un Smith più deciso risponde a Renzi ma Trapani ha nuove soluzioni con Chessa (15-23). Il quarto si chiude sul 17-23 con Bianconi abile ad eludere la marcatura granata sotto al ferro. Si riparte con lo 0-5: la Lighthouse ruota uomini e circola bene la palla pescando la tripla di Tommasini, predominio ospite a rimbalzo (8-11), poi Renzi dai cinque metri riallunga in doppia cifra. Fallucca muove il tabellino ai liberi ma Trapani non concede repliche dai 6 e 75 con Chessa (19-31). Margine arrotondato da Viglianisi e break di 2-9 che sfiducia la Briosa. Griffin imita sotto il ferro per due volte consecutive il fratello Los Angelino con Trapani vera padrone del match (19-36). Tocca a Loubeau nelle difficoltà farsi notare ma Griffin schiaccia trovando poca opposizione. Bianconi in zingarata da fosforo al suo attacco ma ancora Griffin dall’arco sale già a quota 14 punti personali. Mays da il ventello di vantaggio ai suoi, Smith lotta nel pitturato e segna il secondo canestro personale. Ingenuità di Bianconi allo scadere, Chessa al 20’ sigla il parziale sul 26-45, break di 9-22. Poderoso il parziale inferto da Trapani nel secondo quarto e Ducarello conferma gli attori in campo, la risposta di Mays da tre è istantanea mentre la Briosa appare ancora scossa e inerme. Centanni col jump e la transizione spezza il digiuno locale. Gli Usa di Trapani fanno faville e i granata sono di nuovo a più 20. Gioco da tre punti per Smith, Ganeto dopo due errori segna da sotto. Smith attacca con profitto il ferro ma Tommasini gli segna in 1vs1 da 3 (35-55); Renzi abile col giro e tiro in area, Mays ruba e vola in contropiede coi granata che dilagano (35-59). 2/2 ai liberi per Capitanelli ma Renzi è inarrestabile sotto per la batteria di lunghi di casa. Nel basket però basta un amen e Smith in un minuto e mezzo si mette in proprio con tre triple mostrando tutte le sue qualità al tiro (14 punti nel quarto) per il 46-63 dopo il canestro di Tommasini. Due liberi per Loubeau cui risponde appoggiando al tabellone Renzi. Nuova tripla di Migliori, Mays però in velocità è incontenibile. Allo scadere la tripla di Viglianisi che fissa al 30’ il punteggio sul 51-70. In penetrazione Loubeau sale in doppia cifra, idem per Chessa che da saggio del suo tiro. Festival delle triple al quale Centanni si unisce (56-75). Trapani amministra l’ampio vantaggio col totem Griffin, Filloy risponde a Smith e per la Briosa è notte fonda. Preciso Chessa dalla Lunetta, Centanni raccoglie il palleggio e segna (60-85). Si è già in garbage time con Barcellona che spera finisca presto l’agonia. Entra Varotta per il finale mentre vanno a segno Loubeau e Tommasini. Cinque punti per l’accoppiata Fallucca e Capitanelli. Finale 70-91 con le bombe di Centanni e Molteni, Briosa sempre più ultima.

La Briosa Barcellona-Pallacanestro Trapani 70-91

Parziali: 17-23; 26-45; 51-70; 70-91
Barcellona: Varotta, Centanni 12, Fallucca 8, Loubeau 12, Capitanelli 7, Bianconi 4, Pettineo ne, Smith 21, Maccaferri 3, Migliori (K) 3. All: Bartocci
Trapani: Mays 20, Renzi 14, Tommasini 9, Gloria, Chessa 16, Molteni 3, Ganeto 4, Viglianisi 5, Filloy 3, Griffin 17. All: Ducarello
Arbitri: Urso, Scudiero e Bianchini

Fotogallery a cura di Antonio Caracciolo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy