Trapani gioca da grande, continua la crisi della Viola

Trapani gioca da grande, continua la crisi della Viola

Commenta per primo!

Pallacanestro Trapani – Bermè Reggio Calabria 89-81 ( 25-24, 49-35, 67-59)

Pallacanestro Trapani: Mays 18, Renzi 13, Tommasini 6, Gloria, Chessa 5,Molteni, Ganeto 20, Viglianisi 9, Filloy 3, Griffin 15

Bermè Reggio Calabria: Freeman, Costa 4 , Lupusor, Mordente 8 Rullo 21 Ghersetti 4 Pandolfi ,Sindoni, Crosiariol 17, Brackins 27

Le due triple di Tommasini e Griffin mettono a referto i primi punti granata, mentre le buone percussioni di Rullo e Brackins danno dinamicità ai calabresi, che dopo 5 minuti di gara sono sotto di 1 sul 11-10. Brackins e Rullo non perdonano, regalando a Reggio il sorpasso ospite al 7′ sul 16-19. La gara è bella e le due squadre puntano decisamente ad offendere. È Ganeto a dare nuova linfa ai granata, che nel testa a testa riporta avanti i suoi con 9 punti negli ultimi minuti regalando il contro sorpasso granata sulla prima sirena sul 25-24.

In avvio di secondo quarto Trapani prova a spezzare l’elastico. I buoni raddoppi in difesa di Filloy e Chessa regalano ottimi rimbalzi, mentre i canestri di un Ganeto e i primi due punti di Mays, permettono ai locali il primo allungo del match, che con la tripla del giovane Viglianisi tocca il +8 (38-30) al 15′ minuto di gara. Griffin c’è, portando sostanza in attacco ma anche in difesa. Brackins arranca e il solo Rullo non basta più agli ospiti. Mordente e Crosiariol restano nell’ombra e i 5 punti di fila di Griffin, 14 in 20 minuti come Ganeto, porta Trapani al massimo vantaggio sul +14 (47-35), che mette fine al secondo quarto.

Rullo e un ritrovato Mordente in avvio di ripresa provano a dare linfa e gioco ai calabresi, tenuti pero a bada da un paio di percussioni di Mays e dal redivivo Renzi,per il 55-42 dopo i primi 3 minuti di gioco. Costa e Crosiarol al 5′ accorciano sul -10 calabro, 58-48.Trapani fisiologicamente rifiata, e quando Brackins ritrova la via del canestro riporta i suoi a -8 sul 61-53  a 2 minuti dalla terza sirena.Nell’ultimo minuto di gara, i granata restano ancora un filo impacciati sotto canestro, allargando anche le proprie maglie in difesa.Con Crosariol e Mordente Reggio arriva sul 64-59 a 2 secondi dal termine, prima che Griffin s’inventi una tripla dall’angolo sulla sirena, che fa esplodere il Palaconad per il 67-59 che mette fine alla terza frazione.

La tripla di  Brackins e il piazzato di Costa ridanno però nuove speranze ai calabresi, che si riavvicinano sul -4 (68-64) in avvio di ultimo periodo, inducendo coach Ducarello a “sprecare”un time out. La partita si rianima, cosi come i circa 30 sostenitori ospiti presenti La tripla di Mays prova a ricacciare indietro la viola, che si tiene a galla ancora con Brackins, sempre più presente in area granata. Il 2+1 di Renzi al 35′ minuto da ossigeno a Trapani, che resta avanti 76-68, ma la partita resta vivissima. Chessa risponde presente e Ganeto, prima di uscire per 5 falli, torna a bucare la retina, minando le certezze di Beckins e compagni che tengono sul 81-72 a 3 minuti dalla fine. L’americano ospite però finisce la benzina e senza aiuti Reggio si spegne. Un -9 che resta  tale anche a 60” dalla fine, prima di innescare la girandola dalla lunetta a cui si affida inevitabilmente la Viola. Renzi e soci restano freddi e precisi  e la seconda vittoria di fila dei granata è servita sul definitivo 89-79.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy