Trapani, in casa non si passa: niente PalaIlio per l’Expert Napoli

Trapani, in casa non si passa: niente PalaIlio per l’Expert Napoli

Commenta per primo!

Tra le mura amiche del PalaIlio la Pallacanestro Trapani conquista la terza vittoria in altrettanti incontri. Al cospetto della fortissima Napoli, Ianes e compagni hanno sciorinato una prestazione sopra le righe che è valsa i due punti. Partita mai in discussione che i granata hanno condotto dal primo all’ ultimo possesso, eppure i partenopei, che sembrano ancora lontani dalla forma migliore, piazzano nell’ultimo quarto un 10-2 utto firmato dalla vecchia guardia Brkic- Allegretti-Malaventura, che riaccende le speranze del colpaccio con meno di due minuti dalla conclusione. Renzi però dalla lunetta fa 2/2 con il 75-71 a 1’2”0 dalla fine – ne fa le spese Allegretti con il suo quinto – quindi Parker va a segno da 2 e va per il libero supplementare che realizza il 78-71, da quel momento sfida davvero chiusa.

Da segnalare per gli uomini di coach Lardo i 22 punti di Kelvin Parker condite anche da 7 assistenze ed i 19 di Giancarlo Ferrero con 4 triple; Napoli chiude con 18 di Tim Black con 6/13 dal campo e 4 assist, i 17 di David Brkic impreziositi da 7 rimbalzi, e i 15 di Kyle Weaver (ma pesa l’1/5 dalla lunga).

LIGHTHOUSE TRAPANI – EXPERT NAPOLI 82-75

PARZIALI: 21-11; 39-30; 63-49

TRAPANI: Renzi 13, Lowery 15, Baldassarre 9, Parker 22, Ferrero 19, Bartoli, Bossi ne, Rizzitiello 2, Ianes 2, Tabbi ne. All. Lardo.

NAPOLI: Malaventura 5, Black 18, Bryan 2, Weaver 15, Brkic 17, Allegretti 8 ,Valentini 10, Montano, Izzo ne, Ceron. All. Cavina.

Al Palailio va in scena un interessante turno infrasettimanale che vede la Pallacanestro Trapani sfoderare una prestazione convincente che le permette di superare Napoli, una delle squadre costruite per stazionare stabilmente nei piani alti della classifica. Tra le fila granata solamente l’under Tabbi accusa qualche guaio muscolare, mentre la formazione campana deve fare a meno di Marco Ceron, fermo per la lesione del legamento della caviglia sinistra.

Coach Lardo si affida al quintetto classico (Parker-Lowery-Ferrero-Baldassarre-Renzi), dall’altro lato Cavina opta subito per Bryan con Allegretti in panchina, rinunciando così al quintetto coi due lunghi atipici. Trapani serve con continuità Baldassarre e Renzi (4/6 da due nel primo periodo), Napoli soffre il pick and roll granata e perde troppi palloni, così un break lungo di 17-2 porta lo score sul 19-7 per i padroni di casa. Si va alla prima mini sirena sul 21-11 per la formazione granata.

Nel secondo quarto, subito il 9-0 ospite (21-20) chiuso dalla bomba di Black, coadiuvato nel frangente da Valentini. Trapani però non sbaglia un colpo da fuori, due bombe consecutive di Lowery e Parker ridanno il +9 a Trapani (30-21). I ragazzi di coach Lardo allungano ulteriormente con un buon Parker (35-23) ma gestiscono male l’ultimo possesso e vanno al riposo sul 39-30. Napoli paga le 9 palle perse, Trapani tiene egregiamente botta a rimbalzo (19-15). Parker è già a quota 13 punti con 3/3 da tre. Weaver non ne azzecca una e chiude con 0/4 dal campo e 3 palle perse.

Al rientro dagli spogliatoi la bomba in transizione del playmaker americano spinge Trapani sul 48-33. Lardo ordina la zona per preservare i lunghi dai falli. Rizzitiello scrive il 57-41. Lì Napoli produce un break di 8-1, favorito anche da qualche attacco affrettato di Trapani. La bomba di Black manda le squadre sul 58-49 quando mancano gli ultimi 10’.

Lowery e soci perdono tre palloni in un amen, la squadra ospite ci crede e ricuce lo strappo con un break di 4-0 (58-53). A quel punto è Ferrero a diventare protagonista del match, prima segna due triple consecutive che danno respiro a Trapani (64-53), poi assieme a Lowery confeziona un 5-0 che porta il punteggio sul 74-61 in favore dei granata. L’inerzia pare nelle mani di Trapani ma le triple di Allegretti ed un tecnico alla panchina di casa producono un 10-0 per gli ospiti che riapre nuovamente i giochi (74-71). Lì due grandi difese di Trapani ed il gioco da tre punti di Parker (78-71) chiudono di fatto il match con i granata che superano i partenopei con il punteggio finale di 82-75.

Trapani tira così così da due, 17/39 (44%), molto bene da tre (10/21, 48%), distribuendo ben 13 assist e dominando a rimbalzo (+7). Napoli paga a caro prezzo la serata no di Malaventura e Bryan, in campo per soli 10 minuti. Tra i singoli segnaliamo i ben 10 rimbalzi di Baldassare, la solidità di Renzi che chiude con 13 punti (5/7 da due) e 5 rimbalzi, la mano calda di Ferrero (4/6 da tre) ed i numeri dell’MVP Parker (22 p.ti, 3/8 da due, 4/5 da tre, 7 assist oltre 6 falli subiti). Il prossimo impegno per Trapani sarà l’insidiosa trasferta in terra marchigiana contro la Fileni BPA Jesi.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy