Treviglio, che colpo all’esordio: Scafati KO al PalaFacchetti

Treviglio, che colpo all’esordio: Scafati KO al PalaFacchetti

Risultato di spessore per la Remer, alla Givova non bastano i 23 di Santiangeli.

Commenta per primo!

Grande vittoria della Remer Treviglio che alla prima giornata di questa nuova stagione sfrutta il fattore campo e sconfigge sul parquet del PalaFacchetti una squadra di livello come la Givova Scafati: il punteggio finale di 77-73 a favore dei biancoblu è frutto di un match molto combattuto tra due squadre mai dome e desiderose di ben figurare in questo inizio di campionato; Treviglio ha sfruttato un’altissima intensità difensiva e una grande abilità a non mollare mai sino alla fine, sospinta dal pubblico trevigliese, e ha giovato di ottime prestazioni da tutti gli elementi del roster trevigliese, fattore che l’anno scorso troppo spesso è mancato e che proprio stasera si è rivelato una delle carte in più.

Coach Vertemati sceglie di iniziare la partita con Marino in regia, Marini e Sollazzo sugli esterni, Sorokas e Nwohuocha sotto le plance; dall’altra parte coach Markowski opta per Panzini in regia, Fischer e Santiangeli sugli esterni, l’ex Baldassarre e Fantoni sotto canestro.

Partono bene gli ospiti con la tripla frontale di Santiangeli, la Remer sbaglia un piazzato con Sollazzo ma poi trova i primi punti della sua stagione con un appoggio a canestro di Nwohuocha. È ancora l’ala gialloblu a fare impazzire la retroguardia trevigliese con altri 4 punti mandati a bersaglio, Treviglio è in diverse occasioni sfortunata alla conclusione ma riesce a ricucire lo strappo con i canestri di Marino e Marini (6-7). L’attacco della Givova pare ora incepparsi davanti a una grande difesa trevigliese con il trio Marini-Sorokas- Nwohuocha ad annullare ogni tentativo avversario, prestazione che permette alla formazione di casa di guadagnare il primo vantaggio del match con il canestro dell’ex Roseto (8-7). Entrambi gli allenatori fanno ruotare i giocatori a loro disposizione, riuscendo comunque da ambe le parti a mantenere una situazione di equilibrio nel punteggio. Treviglio ha più volte in mano il pallone per mettere un possesso di vantaggio tra lei e i campani senza però riuscire a concretizzarlo e allora ne approfittano gli uomini di Markowski per chiudere il primo quarto in vantaggio con la tripla dall’angolo di Crow (13-15).

Genovese inaugura il secondo parziale con una conclusione vincente da dietro l’arco riportando avanti i suoi (16-15). Scafati pare essere rimasta in panchina e la Remer ne approfitta per allungare ulteriormente con altri 4 punti del tandem Sorokas-Rossi (20-15), costringendo il coach dei campani a chiamare time out. Al rientro sul parquet è ancora la BluBasket a colpire da sotto con Nwohuocha, parziale reazione campana con il 2/2 ai liberi di Fantoni ma è sempre la difesa trevigliese a farla da padrone con un’intensità altissima (da segnalare i 13 rimbalzi sommati dall’ala lituana di Treviglio dopo 20’ di gioco) che manda gli avversari fuori giri costringendoli a errori grossolani. Scafati si affida a Nicholas Crow e ai suoi 4 punti per provare a riportarsi a contatto, risponde la Remer con Genovese ma ha il demerito di non mandare a segno diverse buone conclusioni che va creandosi con una rapida circolazione di palla in attacco e dando la possibilità agli ospiti di ritornare avanti con 4 punti di Baldassarre (24-25). I 3’ che rimangono prima dell’intervallo vedono le squadre rispondere colpo su colpo ai canestri della controparte avversaria: Treviglio vede l’esordio del giovane Mezzanotte e trova i primi punti del match di Pecchia e Sollazzo, Scafati viene trascinata dall’ex Baldassarre e trova la zampata del pareggio con Santiangeli in chiusura e va negli spogliatoi sul 34-34.

2/2 di Fantoni dalla lunetta al rientro sul parquet, risponde Treviglio con un piazzato dall’area di Marino. Seguono diversi errori da entrambe le parti, Scafati torna a colpire con il gioco da tre punti di Fantoni ma Treviglio ribatte colpo su colpo e ritorna avanti con la tripla di Marini e la penetrazione di Sollazzo (41-39), oltre a un Nwohuocha decisamente roccioso sotto le plance. L’equilibrio non accenna minimamente a volersi spezzare: i campani si affidano ai canestri (e ai liberi soprattutto, con la difesa biancoblu molto spesso punita troppo severamente) di Fischer e Crow, dall’altra parte coach Vertemati fa girare il quintetto e trova grandi idee da uno scatenato Marini e un Sollazzo finalmente entrato in gara dopo due quarti sottotono, oltre alla solita zampata da dietro l’arco di un chirurgico Genovese che costringe coach Markowski al time out a 1’37’’ dal termine del quarto (51-49). Al rientro è Sollazzo a trovare una magia cadendo all’indietro per una Remer che colpisce ancora con il piazzato di Cesana e chiude il terzo quarto avanti 55-51 dopo il canestro da 2 punti sulla sirena del solito Fischer.

Si ritorna in campo e Totò Genovese torna a colpire implacabile da dietro l’arco, facendo esplodere il pubblico del PalaFacchetti; Scafati risponde con Santiangeli che, dopo un terzo quarto anonimo, manda a segno un gioco da tre punti e con il piazzato dalla media distanza di Perez. Sollazzo fa 2/2 ai liberi ma fatica in attacco e Scafati ne approfitta per riportarsi a -2 con il canestro da sotto di Fantoni (60-58) che costringe coach Vertemati a chiamare time out. Nwohuocha ridà fiato ai suoi con un piazzato dalla media distanza, risponde Perez in penetrazione ma la Remer vuole far sentire di esser tornata quella del terzo quarto e colpisce da dietro l’arco con Sorokas (65-60, 4’34’’ sul cronometro), spingendo ora coach Markowski al minuto di sospensione. Reazione campana con l’1/2 dalla lunetta di Fantoni e il contropiede vincente di Fischer (65-63), Marino fa 3/3 ai liberi con Scafati a rispondere con la tripla di Santinangeli e a mantenersi vicina nel punteggio. Con 2’ sul cronometro è Treviglio a trovare un piccolo allungo con l’1/2 dalla lunetta di capitan Rossi e il piazzato dalla media distanza di Marini (72-66), coach Markowski chiama time out e al rientro i suoi accorciano con il 2/2 ai liberi di Santiangeli (72-68), aprendo così l’ultimo e decisivo giro di lancette: errore di Sorokas, palla persa in modo grossolano da parte di Santiangeli con i campani che passano al fallo sistematico e mandano in lunetta Marino che però sbaglia entrambi i tiri, rimbalzo offensivo di Sorokas che si guadagna il fallo di Baldassarre e fa 1/2 dalla lunetta (73-68); 2/2 di Fantoni e 2/2 di Marino (75-70), sul ribaltamento di campo Santiangeli trova una tripla importantissima con 10’ sul cronometro (75-73), si va ancora in lunetta con un Marino implacabile che fa 2/2 e consegna ai suoi la vittoria con il punteggio finale di 77-73.

La palma di MVP va a Paulius Sorokas: l’ala lituana ha dimostrato una grande abilità su entrambi i lati del campo, risultando dominante a rimbalzo (ben 13 dopo i primi 2 quarti) e molto efficace in attacco e confermando quanto di ottimo aveva fatto vedere nelle amichevoli di pre-campionato, chiude con una doppia doppia da 10 punti e 18 rimbalzi. Fondamentali anche le prestazioni di Marini (top scorer dei biancoblu con 15 punti, molto intenso in attacco come in difesa, ha dimostrato di essersi inserito perfettamente nei meccanismi della formazione trevigliese), Nwohuocha (preferito a Rossi in quintetto, l’ex Cantù si è dimostrato roccioso nella lotta sotto le plance e ha avuto la meglio molte volte sui diretti avversari, chiude con 8 punti e 7 rimbalzi), Marino (13 punti, 4 assist e ben 9 falli subiti), Genovese (solo 11 minuti sul parquet ma una freddezza assoluta quando si tratta di scaraventare il pallone nel canestro, chiude con 11 punti e un 3/4 da 3 punti) e Sollazzo (10 punti e 3 assist, con una prestazione in crescendo dopo un inizio un po’ sottotono).

Dall’altra parte non basta la grande prestazione di Santiangeli (top scorer del match con 23 punti e 5 rimbalzi), oltre alla doppia cifra di Fischer (12 punti) e Fantoni (14 punti, 6 rimbalzi e 8/9 ai liberi).

 

Remer Treviglio 77–73 Givova Scafati (parziali: 13-15, 34-34, 55-51)

Remer Treviglio: Cesana 2, Pecchia 2, Sorokas 10, Marino 13, Marini 15, Mezzanotte, Genovese 11, Rossi 6, Nwohuocha 8, Sollazzo 10. All. Vertemati

Givova Scafati: Fischer 12, Crow 7, Fantoni 14, Baldassarre 9, Ammannato, Panzini 2, Naimy n.e., Perez 6, Matrone, Santiangeli 23. All. Markowski

StatisticheTreviglio: 21/42 da 2, 7/19 da 3, 28/61 totale, 14/20 ai liberi; Scafati: 18/34 da 2, 5/23 da 3, 23/57 totale, 22/28 ai liberi.

Arbitri dell’incontro: Enrico Bartoli di Trieste (TS), Gabriele Gagno di Spresiano (TV), Daniele Yang Yao di Vigasio (VR)

Spettatori: 1675 persone

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy