Triche superstar, il derby dell’Adige è di Trento

Triche superstar, il derby dell’Adige è di Trento

Commenta per primo!

Dopo due trasferte consecutive, l’Aquila Trento torna a calcare il parquet di casa per la 5a giornata Adecco Dna Gold. Ad opporsi ai trentini i gialloblù scaligeri della Tezenis Verona. Il confronto era assai atteso per entrambe le compagini, Trento era reduce dall’ennesima vittoria in trasferta in quel di Forlì, dove i ragazzi di Buscaglia hanno esibito l’ennesima partita con la P maiuscola (55 a 59 il punteggio conclusivo), mentre la Tezens non è sicuramente nel suo momento migliore, e brutta la sconfitta casalinga con la rimaneggiata Torino per 96 a 85 che seguiva all’altro stop subito a Trieste. Dopo il doveroso prologo di presentazione, ritorniamo alla sintesi dei 4 tempi della partita odierna dove i due coach scelgono in avvio i seguenti quintetti:

Aquila Trento: Triche, Pascolo, Elder, Baldi Rossi e Forray.

Tezenis Verona: Smith, Carraretto, Taylor, Callahan e Da Ros.

1° quarto: Match al via con le squadre che si affrontano subito a viso aperto, con repentini cambi di fronte, primo canestro di Davide Pascolo, giocatore straordinario; Buscaglia in partenza mette Baldi Rossi nel quintetto base, giocatore che si sta inserendo benissimo nel nuovo ambiente. Dopo 2’ di gioco Trento avanti di sei lunghezze, 8 a 2. Trento parte fortissimo, e trova l’ennesimo canestro con capitan Forray che trova la bomba da tre punti. Grande entusiasmo dei tifosi che accompagnano la partita con cori e boati, a 6’ dalla sirena del primo tempino Trento non molla una palla e tiene Verona a distanza, 15 a 4 per i padroni di casa che statisticamente ne mettono sette su sette dal campo. Baldi Rossi in forma strepitosa, recupera l’ennesima palla sotto canestro innescando il contropiede che porta a canestro l’americano Triche che si dimostra perfetto in fase realizzativa. Verona sbaglia palle su palle e dopo 6’30” di gioco l’Aquila resta avanti 19 a 8. Timida reazione della Tezenis che trova un bel cesto con Boscagin, punteggio di 21 a 12 per l’Aquila, partita comunque bella. Ad un minuto dalla fine del primo quarto gran bomba di Triche che porta altri tre punti in casa Aquila. Si va alla prima sosta con il risultato di 24 a 17 per l’Aquila Trento.

2° quarto: Nel secondo quarto la Tezenis parte subito bene riportandosi sotto, sicuramente Ramagli durante la pausa a strigliato i suoi. Dopo 3’ di gioco Verona è a meno uno. Modificato tutto il quintetto, facendo girare tutti i suoi uomini “base”, Verona è trascinata da un ottimo Da Ros, e si porta ora sopra di 5 lunghezze con 4’ da giocare, Trento 28 – Verona 33. Buscaglia chiama un time out, ma l’Aquila sembra completamente in palla, e gli schemi che nel primo quarto erano perfetti sembrano ora un lontano ricordo. Rientra sul parquet Elder e trova subito una delle sue bombe, 33 a 35 Tezenis ancora avanti con Trento che prova a reagire. A 2’ dalla pausa lunga Smith pesca dal cilindro un tiro fantastico che regala altri 3 punti ai gialloblù, Verona 40 Trento 35. Bella partita, combattuta e con grande agonismo, da segnalare l’emblematico duo Lechthaler- Carraretto che sembrano ancora molto lontani dalla loro miglior forma. Si va alla pausa con la Tezenis avanti di 1 punto, Aquila 40 – Tezenis 41.

3° quarto: Ripresa che vede subito Triche protagonista, dopo una serpentina trova canestro e fallo, Trento si riporta avanti 46 a 44. Il match comincia ad entrare nel clou, le due formazioni cominciano a spendere i propri falli; da segnalare una “ditata” di Forray a Callahan che costringe l’americano ad andare negli spogliatoi per essere curato. Partita sempre molto in bilico, si gioca punto a punto, e 5’ dalla sirena del terzo tempino siamo sul 51 pari. Ancora Triche – che oggi sta dimostrando tutta la sua esplosività – trova prima altri due punti, e nell’azione successiva fallo e relativi due punti facendo il suo ventiseiesimo punto di giornata. A 3’50” dalla fine del terzo tempo l’Aquila si porta ancora avanti per 56 a 53, la squadra di Buscaglia sembra tornata quella del primo quarto, trovando schemi e smalto. La partita complessivamente non decolla, bloccata da difese molto attente e dove il solito Triche trova ancora un fallo e uno dei due punti possibili, nella ripartenze però Verona trova dalla sua i due punti con l’ottimo spunto di Reati, che non riesce a mettere nel cesto il punto pro fallo annesso, 61 a 58 per Trento all’ultima pausa.

4° quarto: Ultimo quarto che parte con due bei punti di capitan Forray che mantiene Trento avanti di misura, da segnalare l’ennesima prodezza dell’americano Triche che cerca e trova altri due punti personali; Verona trova in Jerry Smith il giocatore più estroso, che crea moltissimo per i compagni e resta il miglior realizzatore dei suoi. Dopo 4’ di gioco Aquila 66 – Tezenis 62. A 5’34” dal termine ovazione di tutto il palazzetto per Davide Pascolo: stoppata, ripartenza per i due punti più fallo con punto nel cesto, partita sempre viva, incandescente da entrambe le parti a 4’41” Aquila Trento avanti di 5 lunghezze. Ultima frazione contraddistinta dai falli, lamentela di Spanghero per un presunto fallo, replica Verona con un fallo subito da Da Ros, punteggio sul 71 a 67 per l’Aquila a 1’12 dalla sirena. Ancora un fallo su Forray che ne mette un su due, Trento avanti di tre a 1’ dal termine dell’incontro, ultimi due punti del match firmati Baldi Rossi. Trento batte Verona e scappa in classifica.

Ne è emersa una partita bella e combattuta, tra due squadre che si conoscono bene, sirena finale che fissa il punteggio sul 76 a 70 portando i tre punti e il così detto derby dell’Adige ai padroni di casa di Coach Buscaglia, tra cui si erge mattatore di giornata uno scatenato Brandon Triche, con i suoi 31 punti personali e un 59% all’attacco; menzione speciale ad un Davide Pascolo in doppia/doppia, stratosferico 11 punti e 15 rimbalzi per lui. Verona rimane a quota 4 punti, sicuramente una squadra con delle potenzialità ancora non espresse, mentre l’Aquila Basket Trento sale a 8 punti e rimane in testa alla classifica di LNP Gold.

MVP per BasketInside: Brandon Triche

Aquila Trento – Tezenis Verona 76 – 70 ( 24-17, 40-41, 61-58 )

Trento: Triche 31, Pascolo 11, Baldi Rossi 6, Forray 10, Fiorito, Elder 12, Lechthaler 2, Spanghero 4. All. Buscaglia.

Verona: Smith 11, Taylor 9, Carraretto 3, Callahan 11, Da Ros 11, Grande 2, Reati 9, Boscagin 8, Gandini 6. All. Ramagli.

Arbitri: Claudio Di Toro di Perugia, Pierantonio Riosa di Trieste e Mauro Pansecchi di Pavia.

Spettatori circa 2200.

Fotogallery a cura di Alvise Grancelli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy