Veroli, sette vite come…Gatto!

Veroli, sette vite come…Gatto!

Commenta per primo!

Quintetti base 

Prima Veroli: Penn, Jackson, Rosselli, Gatto, Kavaliauskas
Umana Reyer Venezia: Clark, Young, Allegretti, Slay, Di Giuliomaria

 La partita inizia con tre possessi consecutivi di Veroli e la bomba di Gatto. La Reyer risponde con Slay e la tripla di Allegretti (6-7). Veroli fa vedere subito di cercare maggiormente il gioco interno e le penetrazioni. Young firma l’8-11, Clark la tripla del +6. Veroli litiga con il ferro ma la Reyer non ne approfitta così Brkic può infilare il -2 a 1’50” dalla prima sirena. Prima ancora che finisca la prima frazione Bryan si ritrova con tre falli e Mazzon lo toglie inserendo Lechthaler che segna il canestro del 13-18 sul quale finisce il primo quarto. Il pubblico ciociaro prova a spingere la squadra di casa alzandosi tutto in piedi. Clark apre la seconda frazione con la bomba del +6 (15-21). Dall’altra parta è Brkic a rispondere. La tensione sale, il gioco si fa duro, i punteggio si abbassano incredibilmente ed in campo ogni pallone pesa come un macigno. Anche Rosselli commette il suo terzo fallo con la Reyer sul 18-22. Gli orogranata recuperano palloni importanti in difesa ma non capitalizzano. Un tecnico a Maestrello ed una tripla di Brkic valgono l’aggancio da parte dei padroni di casa (24-24). Si va all’intervallo con la bomba di Jackson che vale il sorpasso dei padroni di casa mentre il clima si scalda per alcune interpretazioni arbitrali. Il terzo quarto si apre con il quarto fallo di Rosselli. Si continua a segnare con il contagocce. Jackson leva le castagne dal fuoco a Veroli con una tripla a fil di sierna, lo stesso fa Penn ed i padroni di casa vanno sul 37-32 al 27′. Il palasport ciociaro diventa una bolgia. A 2′ dalla fine del terzo quarto succede di tutto young prende una botta alla spalla che lo leva dai giochi ma il fallo viene sanzionato a lui e pure un tecnico per proteste. Veroli ne approfitta e il clima si fa incandescente. Ma la Reyer pareggia i conti e chiude il terzo quarto sul 39-39. Rullo trova il +4 a 6’40” dalla fine mentre in campo volano colpi proibiti. Kavaliauskas e Rosselli confezionano il 49-41 a 5’43” dalla fine ed il pubblico di casa va in visibilio. Spetta poi a Jakson a firmare il +10. Mazzon prova il tutto per tutto con un quintetto “piccolo”. Clark infila dalla lunetta il -4 ma risponde subito Gatto e poi viene sanzionato sfondamento a Slay. Finisce di fatto lì la partita e la Reyer è costretta ad arrendersi pur provando fino all’ultimo a ribatare la situazione.

PRIMA VEROLI 59-55 UMANA REYER VENEZIA (13-18; 27-26; 39-39; 59-55)

Prima Veroli: Penn 7, Fontana ne, Rosselli 2, Iannone, Rullo 4, Gatto 11, Kavaliauskas 5, Rossetti 1, Mariani ne, Jackson 14, Iannilli, Brkic 15 all. Cavina
Umana Reyer Venezia: Stefanini ne, Clark 12, Allegretti 10, Causin, Slay 6, Di Giuliomaria 6, Meini 6, Jovancic ne, Young 7, Lechthaler 2, Maestrello 0, Bryan 6 all. Mazzon

Arbitri: Masi, Provini, Ciaglia

Note: 2800 spettatori. Uscito per 5 falli: Rosselli (Prima Veroli)

MVP BASKETINSIDE: Ivan Gatto (Prima Veroli)

[Copyright Foto Ivan Gatto –>www.solobasket.it/news.asp?ID=12558]

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy