Viola, la prima non va: Casale firma subito il colpaccio

Viola, la prima non va: Casale firma subito il colpaccio

Commenta per primo!

Un brutto risveglio per la Viola Reggio Calabria che cede il passo nella prima uscita stagionale a cospetto di una Junior organizzata, sorniona e convincente che raddrizza la situazione nella seconda parte di gara dopo essere stata sotto anche di dieci punti.

Gara intensa ed emozionante a cospetto di 3.500 persone: la gara è stata animata da un finale incerto e risolto da un canestro di Blizzard(in controtempo con grandissima tecnica) e due errori dei reggini che hanno vanificano l’entusiasmo dei tifosi giunti al Palacalafiore.

Il primo quintetto della nuova stagione di A2 coach Benedetto lo affida al play Spinelli, Rullo e Freeman esterni con Ghersetti, e Brackins sotto canestro. Mordente e Crosariol, quest’ultimo recuperato in extremis dopo un fastidioso infortunio partono dalla panchina. Il bravo Coach Ramondino sceglie invece di partire con Tommasini play,Bray e  Natali esterni con il Capitano Martinoni in  ala grande accanto  Fall.

Casale parte meglio. In avvio di gara si nota subito una buona intesa i due americani della Viola, Brackins e Freeman, imbeccati al meglio dall’abile regia di Spinelli. Casale risponde con una difesa a zona che dopo qualche minuto produce buoni effetti, una tripla di Bray firma il primo allungo ospite (8-15). Sempre dalla distanza i piemontesi trovano i canestri per restare avanti (15-20). Il primo time out reggino produce gli effetti sperati dallo staff tecnico, l’ingresso di Mordente in tandem con Spinelli da maggiore ordine alle fase offensive, chiuse ancora da Freeman e Brackins che firmano il recupero (21-20). Nel secondo quarto coach Benedetto offre piu’ minuti al pivot Crosariol(lo stoppatore micidiale della serata), soluzione che porta buoni benefici in difesa.

Il lungo nero-arancio si presenta subito con tre stoppate e cinque rimbalzi. Anche in attacco si fanno sentire gli effetti grazie ai canestri di Rullo (28-21) e Mordente (31-26) che tengono a freno i tentativi di recupero di Saunders. Il massimo vantaggio della Viola arriva con Brackins (39-30). Sulla sirena di meta’ gara il tabellone si ferma sul (39-32). Alla ripresa dopo la pausa i nero-arancio trovano un nuovo break (44-34), vantaggio che costringe Casale a riproporre la difesa zona che bene aveva fatto in avvio di gara. Gli ospiti pur lentamente riescono a recuperare fino al (50-50) grazie alle triple di Bray e i canestri di Martinoni. Con Spinelli e Ghersetti fuori dai giochi per problemi di falli coach Benedetto rimescola spesso il quintetto, subendo anche qualche fischio di troppo dalla terna arbitrale che apre le porte al nuovo vantaggio dei piemontesi (50-53) proprio in avvio di ultimo quarto. La partita resta comunque intensa e combattuta, Casale prende fiducia, insistendo con una zona difensiva mal digerita dai reggini. Bray firma un mini break (54-59) sfruttando l’assenza sul parquet di Freeman. Negli ultimi due minuti Benedetto si affida ai “veterani” Spinelli, Mordente e Ghersetti e i due USA, Freeman e Brackins. La soluzione produce un illusorio recupero (61-60), vanificato da due errori in gestione offensiva prima di Spinelli e poi di Freeman che sprecano le azioni della possibile vittoria. Non sbaglia invece Blizzard che gela il pubblico di casa con il canestro della vittoria (61-62).

Bermè Viola Reggio Calabria – Novipiù Casale M.F.: 61 – 62 (23-20, 39-32, 50-50)  

Viola RC: Freeman 20, Costa, Lupusor, Mordente 3, Rullo 8, Ghersetti 8, Sindoni, Crosariol 2, Brackins 12, Spinelli 8.Coach Benedetto.

Casale: De Nicolao, Bray 16, Tommasini 9, Natali 5, Blizzard 6, Martinoni 11, Vangelov 3, Ruiu, Fall 7, Saunders 5. Coach Ramondino.

Arbitri: Bonfante, Bramante, Meneghini.

Fotogallery a cura di Fortunato Serranò

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy