Vittoria importante per Siena, domata Barcellona

Vittoria importante per Siena, domata Barcellona

Bryant show con 31 punti, Siena supera Barcellona

Commenta per primo!

Siena fa valere ancora una volta il fattore campo e vince una partita molto importante per la sua classifica. Barcellona lotta nel primo tempo, ma cala alla distanza e rende l’onore delle armi ai ragazzi di Ramagli.

LA CRONACA

Parlare di famiglia di questi tempi può essere rischioso. In confronto un pachiderma in un laboratorio vetraio di Murano rappresenterebbe un pericolo minore. Da una parte lo sventolare festoso di bandiere arcobaleno, dall’altra omini azzurri stilizzati e donnine rosa come se non ci fosse un domani. Nonostante tutto vogliamo anche noi parlare di famiglia, perché in fondo ne abbiamo una che ci rappresenta: #wearefamily, recitava un azzeccatissimo slogan della FIP di poco tempo fa. Ovvio, ci riferiamo alla grande comunità del basket, che usa ritrovarsi in allegria dentro ad un palazzo e di fronte a pochi e sani principi: un canestro a 3 m e 05, un pallone arancio che rimbalza e lo spirito di lealtà che caratterizza questo sport. Gli ingredienti, ad una prima occhiata, ci sono tutti anche stasera, per una gara importante tra Siena e Barcellona. E allora si parte.

PRIMO QUARTO

Gli ospiti partono a spron battuto, con un 5 a 0 di impatto firmato tutto da Migliori. Borsato tampona immediatamente con una controtripla. I siciliani riescono a trovare soluzioni troppo comode: una squadra ha già le scarpe da ginnastica, l’altra sembra ancora in babbucce. Ramagli, a cui le babbucce sul parquet non devono piacere molto, chiama time out, ma siamo già sul 3 a 12. Dopo il minuto la Mens Sana sembra ufficialmente scesa in campo, anche se, in alcuni passaggi difensivi, nei buchi che si aprono nell’area biancoverde potrebbero passare Mosè con tutto il popolo ebraico. Nonostante questo Siena ricuce fino al 14 a 16 a 4’ dalla prima sirena. Fallucca segna ancora da tre, Smith posterizza Roberts e poi se la ride, Borsato risponde ancora; fra i lunghi, Diliegro è presente ma anche Loubeau si fa sentire. Nel finale Roberts piazza la sua prima tripla di serata e alla prima pausa imposta dal regolamento il tabellone dice 24 a 25 per La Briosa.

SECONDO QUARTO

Bryant apre con un missile da fuori e dà il primo vantaggio a Siena, con Barbarossa Cucci che incita le folle, dopo un recupero, alla maniera del suo antesignano che di mestiere faceva l’imperatore. Gli ospiti però non si scompongono e trovano due triple in fila ancora dallo scatenato Migliori, una vera iradiddio con 15 cartelle a referto a metà quarto. Barcellona si affida moltissimo al tiro da fuori, Siena ha maggiore dimensione interna. Coach Bartocci passa a zona 3-2, ma i biancoverdi riescono a rosicchiare qualcosina grazie alla buona mira di Truck: 45 a 39 a due minuti e mezzo dalla pausa lunga. Nel finale, Smith ancora in campo aperto dopo una banale palla persa di Siena: evidentemente, se non c’è nessuno da posterizzare, l’americano di Barcellona non trova le giuste motivazioni. Schiacciata sbagliata uno contro zero e contropiede dall’altra parte. Roberts slalomeggia come Tomba, Siena concretizza. 50 a 43.

 

TERZO QUARTO

Migliori ricomincia nello stesso modo con cui aveva finito: segnando da tre, mentre Siena all’inizio spara un po’ a salve. Capitan Ranuzzi vuole guidare i suoi verso un inizio determinato, segna 5 punti in fila e fa capire come si fa: Siena raggiunge un vantaggio in doppia cifra, 56 a 46. La cosa però dura poco, perché è chiaro che gli ospiti sono qui per giocarsela con tutti i requisiti, e appena la Mens Sana abbassa la sua intensità difensiva, inevitabilmente come l’arrivo delle tasse, paga dazio. Barcellona con grinta piazza un parziale di 10 a 2 ed è di nuovo lì, 58 a 56. Per Siena segna solo il Ranuz; la squadra di Ramagli sembra accettare il ritmo basso imposto dai siciliani, e la cosa non le giova. In più Diliegro commette fallo e prende tecnico, il terzo e il quarto insieme. Non un idea brillantissima. La Briosa capitalizza dalla lunetta e torna a -1: 66 a 65. Roberts e Bryant si iscrivono alla sagra, cosa gradita al pubblico senese e utile alla causa, e accendono anche i compagni. Cucci, allo scadere e col cronometro in testa più del Bianconiglio, firma la tripla a fil di sirena che dà il punteggio di fine qurto: 76 a 65 per Siena, che ha ripreso colore e coraggio.

QUARTO QUARTO

Prima azione e subito bomba di Bryant, che ha assunto zitto zitto il controllo della partita e supera già quota 20. Il divario tra lui e il suo rivale Maccaferri viene fuori in modo evidente, e non è a favore del giovane play di Barcellona. Siena prova ad accumulare un vantaggio rassicurante: 85 a 72 a 7’ dalla fine. Ma si sa, parlare di vantaggio rassicurante in una partita di basket è come parlare di corda in casa degli impiccati, e infatti con un paio di iniziative dei suoi stranieri La Briosa ritorna ad uno svantaggio in singola cifra e obbliga Ramagli ad un time out di cui il coach senese non sentiva necessità. Roberts prende il timone: canestro, assist simile ad un cioccolatino per Cucci, con replica poco dopo per Borsato: 92 a 77  Mens Sana. Loubeau prova a spendere le ultime energie, ma a questo punto sembra davvero troppo tardi per Barcellona, nonostante Fallucca, Migliori e gli errori dei biancoverdi riducano, e molto, lo svantaggio nel finale. Partita in ghiaccio e su un vassoio insieme ad un nutrito gruppo di succose ostriche con i due liberi di Bryant. Siena si prende i due punti, finisce 98 a 91.

Ancora una volta, la comunità del basket si è riunita, qui ed in altri palasport di tutta Italia. Forse non sarà una famiglia tradizionale, ma la passione che la anima è forte e sana. In più, offre una granitica certezza: la prossima settimana sarà ancora una volta intorno ad un rettangolo di gioco. Del resto, #wearefamily.

TABELLINI

SIENA: DILIEGRO 14, BORSATO 14, RANUZZI 13, MARINI, BUCARELLI, UDOM 4, ROBERTS 17, BRYANT 31, CUCCI 5

BARCELLONA: FALLUCCA 14, LOUBEAU 29, CAPITANELLI, BIANCONI 2, SMITH JR 13, MIGLIORI 29, MACCAFERRI 4

LE PAGELLE (A cura di Francesco Conti)

Diliegro: s’è definito più volte totem della difesa, stasera arranca un pò ma in attacco è un tir in corsa. Soffre tanto la potenza di Loubeau, ma 14 centri li mette comunque
Borsato: tiene a galla i suoi nell’inizio shock di Siena, gioca al meglio, qualche volta con forzatura, ma gli vanno a ripagare con 14 punti. Il colpo in allenamento sembra che sia stata soltanto una carezza
Campori: N.E.
Ranuzzi: 2 falli subito nel primo quarto fanno sempre male. Ma il Capitano Biancoverde sa di non abbattersi, rientra e si fa sentire molto bene. 13 centri per il Re Leone
Marini: N.E.
Bucarelli: difesa aggressiva come sempre, aiuta nel raddoppio sulle marcature. Continua così Lollo. 0 punti
Udom: Anche lui era in dubbio per stasera, ma Ramagli lo mette nella calca. Certo non è la sua serata, ma che ci vuoi fare, anche se impacciato. 4 punti di sudore
Roberts: La follia di Chris non ha limiti, ball handing da paura. Si prende la responsabilità delle conclusioni più difficili, supera il marcatore con una facilità disarmante, spartisce assist. Insomma, una “normale” partita per CReated, che ne mette 17
Bryant: gli aggettivi per lui sono finiti, imprendibile per tutti, si prende tanti falli, conclude al meglio azioni, glaciale come non mai in lunetta. 29 punti
Cucci: L’Harden del PalaEstra ci mette dentro tutto ciò che può, accumula la forza mentale per poi scaricarla su una meravigliosa tripla a pochi decimi terzo quarto. 5 punti per il Vichingo

Barcellona

Varotta: entra al quinto fallo del titolare Maccaferri. Un fallo e 0 punti
Centanni: N.E.
Fallucca: buona partita per la guardia di Bartocci, 14 punti al PalaEstra non si fanno tutti i giorni
Loubeau: fa valere la sua mole nel pitturato, si contorce come una molla pur di buttare dentro il pallone. La sua tecnica non è delle migliori, ma è efficace: 29 centri alla fine
Capitanelli: uno scampolo di pochi secondi dove la sua prestazione frutta come un castagno al mare. 0 punti
Bianconi: l’antisportivo sul finale del terzo periodo lo frena. 2 punti e poca fantasia
Pettineo: N.E.
Smith JR: posterizza Roberts con una poderosa schiacciata, poi sbaglia da solo la successiva prendendosi i fischi del palazzo. Però si ricorda bene di segnare e quando può tira e alla fine sono 13 centri
Migliori: accende il match con 5 punti di fila, poi nel secondo quarto commette la sciocchezza di prendersi un tecnico. Ma poco gli importa, prosegue la sua scia che lo consacra MVP di serata con 29 a referto. Di sicuro Franco Migliori è il migliore dei suoi
Maccaferri: il folletto gialloblu gioca 40 minuti, corre a destra e a manca, marca Truck più che può. Esce con 5 falli e 4 punti

LA SALA STAMPA (A cura di Francesco Conti)

Coach Maurizio Bartocci: “Assenze pesantissime da parte nostra, vedi Centanni, comunque sia abbiamo messo l’anima e abbiamo cercato di rimanere in gara. La fisicità senese si è pagato tanto, abbiamo fatta fatica giocando in 6. 9 palloni persi in un tempo, più le vaganti finite a Siena, sono troppe. Abbiamo provato a vincerla, ma le rotazioni limitate e altri fattori. 91 punti sono un’enormità, abbiamo ben difeso, attaccato con tutte le nostre forze finendo fino al -3. Bene Migliori e Pallucca, bravissimi dalla lunga distanza, Loubeau è stata una montagna in attacco”

Coach Alessandro Ramagli: “Sono le partite più difficile, non riesci ad esprimere il tuo gioco. Ci siamo un pò andare a noi stessi, sciagurati a riequilibrare la partita. Abbiamo ben bloccato Fallucca, il loro killer, e anche altri. Quarta partita del girone di ritorno, quarta vittoria. Saremo anche terzi in classifica, ma conosco le difficoltà di questo campionato, rischi di essere risucchiato in un altro girone nella stessa classifica. Bisogna sempre pensare partita per partita cercando il meglio. Roberts, 8 assist alla fine, è di fronte ad un altro grande cambiamento. Difesa da incorniciare, visto anche le loro due infrazione dei 24 secondi”

Alex Ranuzzi: “Importante vittoria, abbiamo difeso bene il campo, dovevamo ribaltare la differenza canestri. E’ andato tutto ok, Domenica prossima arriva Trapani, piena di infortuni, una ghiotta occasione. Stasera siamo stati grandiosi, era importante e siamo felici della vittoria”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy