Whiting on fire: Imola espugna Verona!

Whiting on fire: Imola espugna Verona!

Il dominatore dell’incontro Trent Whiting che con i suoi 33 punti sopperisce alla carenze di organico della formazione di coach Lasi (complice anche la fuga di Ebi e il mancato tesseramento di Joel Salvi) e permette all’Aget di prendere subito le distanze già nei primi minuti di gioco. Infatti, grazie anche ad uno scatenato Prato, Imola si porta avanti di 8 lunghezze già nel primo quarto. E’ un canestro del capocannoniere del campionato a portare in doppia cifra il vantaggio degli ospiti  che al 12′ conducono per 33-22. Gli scaligeri si affidano all’asse Porta-Renzi (che frutterà 37 a fine partita) provando a riportarsi in linea di galleggiamento, tanto che quando Waleskowski sigla 6 punti consecutivi (gli unici della sua serata), Verona si è riportata sul -5 riaprendo definitivamente il match. La chiave della partita è proprio ora: in seguito ad un fallo alquanto dubbio fischiato su Prato scatena le ire di coach Marcelletti che si prende il tecnico, ma non contento costringe gli arbitri a cacciarlo dal parquet. Imola ringrazia e firma un 9-0 mortifero che fa sprofondare Verona e a fine terzo quarto il tabellone dice Verona 66 Imola 79. Ai tentativi scaligeri di rientro, è Whiting a rispondere colpo su colpo, ma le scorribande di Porta infiammano il PalaOlimpia e la Tezenis, con un miracolo, riesce a riportarsi a -6 quando mancano 4′ al termine. L’enorme sforzo profuso dai padroni di casa si fa sentire e le energie svaniscono, consegnando all’Aget una vittoria tuttosommato meritata, considerando anche i problemi interni generati dal caso Ebi. Ora Imola si porta a quota 22 punti che valgono l’ottavo posto solitario (in attesa dei match di domani) mentre Verona rimane inchiodata a quota 16 ovvero a +4 sulla coppia San Severo – Reggio Emilia che stazionano al penultimo posto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy