BIC F G2 – Il Pianella rimette in corsa Cantù, sconfitta la Santa Lucia

Una rivincita, un momento atteso da un anno. Gara 2 è della UnipolSai, il Pianella riporta in pari la serie: dopo 40’ di intensa battaglia contro il Santa Lucia Roma sono stati gli uomini di coach Marco Bergna a mettere le mani sul secondo atto di questa serie scudetto per 66-65.

Commenta per primo!

Una rivincita, un momento atteso da un anno. Gara 2 è della UnipolSai, il Pianella riporta in pari la serie: dopo 40’ di intensa battaglia contro il Santa Lucia Roma sono stati gli uomini di coach Marco Bergna a mettere le mani sul secondo atto di questa serie scudetto per 66-65. La Mapooro Arena di Cantù, per il secondo anno consecutivo, ha risposto presente alla sfida scudetto tra i grandi del basket in carrozzina italiano. Sono arrivati in 3000 ad assistere alla notte magica del basket in carrozzina. Uno spettacolo nello spettacolo. La UnipolSai ha convinto dai primi minuti di gioco: tenace, determinata. L’obiettivo era uno: vincere. E così è stato. Un vantaggio costruito nel primo quarto e amministrato nel secondo. Poi è stata Roma a farsi pericolosa col fiato sul collo, fino alla tripla di Stupenengo che ha freddato il sangue del pubblico sugli spalti per il -1 a 8’’ dalla fine. A trainare i biancoblù, un Gaz Choudhry delle grandi occasioni con 27 punti caldissimi nelle mani. Adesso si torna a Gara3, in programma sabato 28 maggio a Roma (ore 17). Differita di Gara2 domenica ore 22.45 su Rai Sport 1.

“Oggi abbiamo fatto una partita allo stesso ritmo per 40’, abbiamo giocato di squadra, tutti hanno fatto la loro parte in maniera importante. Roma ha alzato l’intensità e ha provato a mettere tutta la sua fisicità, noi non abbiamo questo accettato questo duello, siamo riusciti a mantenere la calma e ragionare. Il divario è rimasto intatto quasi fino alla fine, nel momento in cui siamo tornati vicini, la nostra testa è rimasta lucida e quando è così la UnipolSai può davvero giocarsela con tutti. Roma nell’ultimo minuto e mezzo ha fatto fallo sistematico, Carlo Di Giusto ha preso un paio di time out dopo i tiri libri per cercare di spostare gli equilibri. La tripla di Stupenengo poteva fare il colpaccio, è stato davvero un tiro pazzesco ma gli ultimi 8 secondi sono stati ben amministrati. Adesso ripartiamo da zero, andiamo a Roma e ci giochiamo la partita decisiva”.

UnipolSai Cantù – Santa Lucia Roma 66-65

Apre Stefano Rossetti (0-2), a capitan Ian Sagar la palla dell’aggancio (2-2). Avanti Roma con Marco Stupenengo (2-4), risponde un super Gaz Choudhry a infilare la prima bomba da tre di questo match, per il +1 biancoblù (5-4). Matteo Cavagnini riallunga sul 5-6, poi ancora Choudhry con gioco da tre dalla lunetta (canestro e libero su fallo di Adolfo Berdun) per il 7-6 UnipolSai. Scappa Jordi Ruiz (9-6), risponde la coppia Cavagni-Berdun a mettere il +1 Santa Lucia (9-10). È l’inglese in casacca 44 ad aprire il primo importante parziale UnipolSai: canestro e libero su fallo di Stupenengo (12-10), poi Sagar per il 14-10 e Ruiz a mettere il massimo vantaggio: +6 a 2’ dalla sirena (16-10). Accorcia Rossetti (16-13), Choudhry dalla distanza punisce con la tripla del 19-12. Dalla lunetta non si arrende Cavagnini (19-13) ma è Carossino a mettere la firma con un contropiede sulla sirena: 21-13, +8 Cantù.

Cavagnini per la prima retina di quarto, Choudhry sgancia la terza bomba personale di match per il 24-15 biancoblù. Accorcia Cavagnini (24-17), dalla distanza arriva la tripla spagnola di Ruiz a firmare il +10 UnipolSai (27-17). Dalla linea di carità accorcia Ahmed Raourahi (27-19), Choudhry – irrefrenabile – porta i suoi sul 29-19. Allungano Ruiz e Choudhry per il massimo vantaggio UnipolSai (33-19), poi è Roma a spingersi sotto con Papi e Raourahi per il 33-23. Con 3’ da giocare, Sagar riporta i suoi sul +12 (35-23), Stupenengo firma il 35-25. Time out UnipolSai a 2’08” alla terza sirena, quando il vantaggio è canturino ma è Roma che sta cercando di rosicchiare il divario che era ampissimo in chiusura del primo periodo. Cambio Briantea84: fuori Ruiz e Carossino, dentro Brian Bell e Davide Schiera. L’americano, servito da un magico Choudhry, infila in volata il 37-26, Stupenengo a 50” dalla sirena mette il 37-28. Ultima parola a Sagar: dalla lunetta 1/2 per il capitano, quintetti a riposo sul 38-28.

Sofyane Mehiaoui porta Roma pericolosa sul -8 (38-30), Francesco Santorelli fa vibrare la retina del 40-30. Ancora Cavagnini (40-32), Choudhry servito da Bell mette il ventesimo punto personale di match per il 42-32 biancoblù. Risponde Raourahi (42-34), Choudhry  fa l’en-plein dalla lunetta (44-34). Roma si difende con l’offensiva Raourahi (44-36), dalla lunetta Carossino su fallo di Cavagnini porta il tabellone sul 46-36. Bell per il 48-36, poi è Roma a mettere un insidioso 8-0 firmato da Cavagnini e Mehiaoui per il -4 Santa lucia (48-44). Canestro e libero per Bell (51-44) a 2’24” dalla sirena poi Stupenengo a rimettere Roma pericolosa col fiato sul collo (51-46). Allunga Carossino (53-46), ma è Berdun a fare la voce grossa: a 46” dalla sirena arriva la tripla del -4 Santa Lucia (53-49).

L’ultimo periodo è un lunga battaglia di logoramento: ben 2’ a retine inviolate, poi è Santorelli a far illuminare il tabellone sul 55-49. Berdun trova il ferro a buttar via la bomba dalla distanza: l’italoargentino del Santa Lucia è scatenato, contropiede e canestro del -4 (55-51) e subito tripla del 54-51 a 4’45” dall’ultima sirena. Dalla lunetta, 2/3 per Ruiz su quarto fallo di Sanna (57-54), poi sono attimi di tensione nervosa in campo. Il ferro respinge a fronti alterni, interrompe il silenzio Choudhry per il 59-54. Spreca Carossino dalla lunetta (0/2), a 2’44” dalla fine cambio Santa Lucia con Rossetti e Papi a rafforzare la coppia Berdun-Mehiaoui. Dalla lunetta 1/2 per Berdun (61-55), mentre Ruiz non capitalizza il quarto fallo di Mehiaoui. Con 1’10” da giocare, retina  di Papiper il -4 Santa Lucia (61-57). Berdun scarico di falli cerca di allungare il tempo fermando Choudhry: 1/2 per l’inglese e tabellone sul 62-57, ma poi il numero 14 gialloblù punisce tutti con la bomba del 62-60. Choudhry viene spedito in lunetta da Mehiaoui che spende così la sua ultima penality, mette il 64-60. A 30” dalla fine, Cavagnini fa il -2 (64-62). Fuori Mehiaoui, Cavagnini si gioca il quinto fallo su Carossino (66-62). È Stupenengo a mettere la palla più pericolosa di questo match: tripla del -1 quando da giocare mancano solo 5’. Il risultato, però, è scritto: 66-65 UnipolSai. Lo Scudetto si assegna a Roma, il prossimo week end.

FONTE: Ufficio Stampa Asd Briantea84 Cantù

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy