Malaga sulle tracce di Earl Rowland

Malaga sulle tracce di Earl Rowland

Commenta per primo!

 

Statunitense con passaporto bulgaro, dispone già di un importante requisito ossia il passaporto comunitario non andando ad occupare così un posto da extracomunitario.

La nazionalità però non è l’unica cosa fondamentale, Chus Mateo chiede con insistenza che il giocatore possegga un buon fisico e delle buoni doti atletiche. “Vogliamo un giocatore che trasmetta energia, metta cuore in campo, un giocatore capace di giocare bene a pallacanestro e sopratutto passare bene la palla”.

Guardando alle statistiche di Rowland in questa stagione il primo dato che viene risaltato è che il californiano ha giocato una media di oltre 30 minuti a partita, statistica che sta a dire che era il leader della squadra italiana. Nel suo utilizzo aveva una media di quasi 14 punti, 3.8 assist e 3 rimbalzi per partita tirando con il 55 % da due e il 33 % da tre.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy