Papanikolaou ha scelto l’Olympiacos: ora tocca al Barça pareggiare l’offerta

Papanikolaou ha scelto l’Olympiacos: ora tocca al Barça pareggiare l’offerta

Commenta per primo!

Forse le dichiarazioni dell’agente Giorgios Sifaropoulos di qualche giorno fa, non andavano prese del tutto sotto gamba, quando confessava che il desiderio di Kostas Papanikoalou era uno e basta: tornare all’Olympiacos. Perchè, in fondo, sofgliando i petali di Aris, Pana, Lokomotiv Kuban e Barcelona, forse era prevedibile che la prima telenovela di mercato in questo 2016 finisse nel modo più prevedibile, e cioè che l’ex Rockets e Nuggets preferisse tornare a casa – e che casa – piuttosto che imbarcarsi in nuove avventure. Insomma preferisse ripartire dalle certezze più importanti della sua carriera – acquisite proprio al Pireo, proprio lì dove ha conquistato un campionato, una Coppa di Grecia e due Euroleghe consecutive (2012 e 2013). Naturalmente, come tutti i califfi, non avrebbe lesinato il buon Kostas: contratto fino all’estate del 2019, con la palla che ora passa a un’altra ex squadra del lungo ellenico, il Barcelona (7.1ppg e 2.6rpg nell’Eurolega 2013-14 in blaugrana), squadra che l’agente del giocatore Sifaropoulos considera “di prima parola”, e che avrà una settimana di tempo per eguagliare l’offerta bianco-rossa.

Ricordiamo infine che Papanikolaou, il 21 luglio scorso, dopo una stagione ai Rockets da 43 partite a 3,7 ppg con 2,4 in 17? di media, arrivò in Colorado come parte della trade che vide l’approdo in Texas di Ty Lawson, ma pochi giorni dopo – il 25 settembre per la precisione – venne tagliato prima di tornare poche settimane dopo, esattamente il 5 novembre. La scelta dei Nuggets è arrivata esclusivamente per evitare che il contratto diventasse garantito, per lui in 11,3 minuti di impiego appena 2,6 ppg con 1,5 rpg.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy