ACB: Vitoria risorge, l’Estudiantes si sveglia tardi, 79-66

ACB: Vitoria risorge, l’Estudiantes si sveglia tardi, 79-66

Commenta per primo!
noticiasar.com

Un Estudiantes rinfrancato dalla vittoria su Valladolid fa visita ad un Laboral Kutxa uscito con le ossa rotte dal Palacio de los Deportes, Scariolo opta per Hodge, Jelinek, Causeur, Nocioni e Pleiss, lasciando in panca il rientrato ex senese Kaukenas, Txus Vidorreta si affida a Colom, Kuric, Rabaseda, Ivanov e Banic.

I primi due punti portano la firma di Quino Colom, ex di Fuenlabrada, Nocioni risponde ma é ancora il playmaker capitolino a trovare il nuovo vantaggio ospite. Scariolo decide di tirare fuori Pleiss per Diop e la mossa gli dá ragione visto che il neo entrato trova subito il pari, tuttavia Colom ispira Banic per il nuovo vantaggio dell’Estudiantes, apparso concentrato e pronto a ribattere colpo su colpo.
Nocioni dall’arco trova il primo vantaggio dei padroni di casa ma non ha fatto i conti con Rabaseda, pronto a rispondergli dalla stessa distanza, tuttavia l’argentino e Jelinek costruiscono il mini parziale di 5-0 che ridá la leadership a Vitoria, partita comunque discretamente.
Vitoria allunga il break con una bomba di Nocioni, portandosi a +5, Vidorreta, davanti al parziale avversario, si vede costretto a chiedere il time out per riorganizzare i suoi.
Non sembra bastare questa misura, Causeur trova due punti e porta il break a 10-0, ancora nocioni prima che Colom, il piú attivo dei suoi, chiuda la siccitá ospite trovando il suo sesto punto.
Miso appena entrato commette fallo su Diop, il senegalese fa 2/2 dalla lunetta e riporta il massimo vantaggio ai suoi, primi minuti intanto per Rymantas Kaukenas.
Scariolo toglie Diop per scegliere un quintetto piccolo con Jelinek che prende il posto del centro africano, il periodo si chiude 20-11 con un grande Nocioni autore giá di 12 punti.

Ivanov strappa un fallo al rientrante Mainoldi e trova peró solo un punto dalla lunetta, l’italo-argentino si rifá colpendo dall’arco e stabilendo il nuovo massimo vantaggio sul 23-12; ancora Mainoldi si ripete e fissa il 26-12, l’Estudiantes appare in balia della maggior caratura tecnica dell’avversario.
Banic, anch’egli quasi recuperato dopo un infortunio, riavvicina un pó i suoi da sotto, Rubio, dopo vari minuti di sterilitá offensiva di entrambe, trova un 2/2 dalla lunetta che rimette a -10 i suoi, Fernandez dall’arco segna il parziale di 7-0 che obbliga al time out Scariolo.
Non é finita, Kuric trova i suoi primi due punti del match, un’altra palla persa da Pleiss, irriconoscibile, propizia un nuovo fallo su Fernandez che dalla lunetta non sbaglia, il parziale é giá di 11-0.
Nocioni e Diop rispediscono a -6 gli ospiti ma un Fernandez scatenato trova nuovamente la via del canestro, il secondo periodo si chiude con il 34-28 frutto ancora di un Diop in forma smagliante coadiuvato da Heurtel ma anche della schiacciata di Kuric.

Al ritorno dagli spogliatoi Scariolo e Vidorreta ripropongono lo starting five, Rabaseda in contropiede trova i primi due punti della terza frazione, Causeur gli risponde dalla media poi Jelinek regala il +8 ai suoi; quattro punti di Nocioni, giá a quota 19, regalano di nuovo la doppia cifra di vantaggio a Vitoria ma Banic trova il canestro che chiude il parziale dei padroni di casa.
Jelinek, servito da Causeur, trova di nuovo il +12, Vidorreta chiede allora time out per rimettere in carreggiata un Estudiantes apparso sprecone, troppo portato alla forzatura.
Hodge ritrova il massimo vantaggio Vitoria dopo aver rubato palla a Rubio, Pleiss trasforma un gioco da 3 punti ed é +17, con Banic richiamato in panchina dopo aver commesso il quarto fallo; gli uomini di Scariolo provano dunque a chiudere il match e Pleiss piazza una stoppata su Rubio prima della bomba di Kaukenas che segna il ventello di vantaggio, partita quasi in ghiaccio.
Ancora due liberi di Pleiss aumentano il vantaggio massimo dei padroni di casa ma Miso rompe il maleficio dall’arco, Heurtel trasforma solo uno dei liberi che si guadagna e poi il giovane Guerra si procura il fallo su assist di Miso e fa 2/2 sempre dalla linea della caritá, l’Estudiantes pare comunque fuori dal match.
Rientrati dopo il time out fatto per le tv, Kaukenas castiga ancora gli avversari da 3, Fernandez non trasforma il potenziale gioco da 3 punti e di nuovo il lituano sfrutta solo a metá il viaggio in lunetta.
Guerra trova 2 punti in post ma gli risponde un Diop totalmente diverso da quello visto contro il Real che raggiunge quota 9 per poi trasformare il gioco da tre punti e raggiungere la sua prima doppia cifra in ACB, tuttavia commette il suo quarto fallo su Guerra che dalla lunetta fa bottino pieno, il senegalese lascia il posto a Pleiss che ha il tempo di vedere Ivanov trovare la bomba del -17 che chiude il terzo quarto sul 62-45, un periodo caratterizzato da un Estudiantes messo in crisi nella gestione dei possessi, troppo portato alle forzature e quindi facile preda di una Vitoria vogliosa del riscatto dopo due sconfitte consecutive.

Miso ed un Guerra pieno di entusiasmo riportano a -12 gli ospiti, ancora Miso trova due punti che costringono Scariolo al time out.
La reazione dei padroni di casa porta la firma di Nocioni, a quota 21, ed Heurtel, Jaime Fernandez, apparso piú sveglio rispetto a Colom, trova due punti in transizione sfruttando una palla persa da Jelinek poi trova Miso in isolamento per la bomba del -11, Vitoria, con Pleiss che perde un’altro pallone, appare in affanno.
Ancora Miso protagonista ma stavolta sbaglia la tripla che rimetterebbe in partita l’Estudiantes, Vidorreta decide di dare spazio a Kuric e Banic dopo che Ivanov ha commesso il terzo fallo su Nocioni, sulla rimessa l’argentino pesca Causeur che trova due punti da sotto.
É proprio Kuric a trovare due punti in transizione dopo aver preso il rimbalzo, Banic riporta a -10 i suoi con un libero su due, Scariolo ricorre a Kaukenas che rileva Causeur.
Jelinek e Hodge trovano i punti che costringono Vidorreta, che nel frattempo aveva ridato le chiavi della squadra a Colom, a chiamare il minuto di sospensione.
Al rientro é Banic a provare a suonare la carica, Nocioni sfrutta solo uno dei due liberi che si era procurato ma é graziato da Kuric che da 3 sbaglia.
Ivanov ricuce altri due punti dalla lunetta, quando la partita é ormai finita, sempre lui trova il -9 dopo quasi 20 minuti di svantaggio superiore ai 10 punti, Kaukenas dalla lunetta fa bottino pieno, poi tocca a Miso cercare il canestro dopo un rimbalzo offensivo di Fernandez ma la parabola s’infrange sul ferro, Hodge trova il + 13 che chiude il match sul 79-66.

Prima vittoria della stagione per Vitoria che ha la meglio su un Estudiantes presente solo a sprazzi nel match, decisivo il parziale al ritorno dagli spogliatoi che rende vano anche il tentativo degli ospiti di rientrare in un momento di leggero affanno degli uomini di Scariolo. Bene anche Kaukenas, al rientro, un pó piú in ombra Mainoldi, scarsamente utilizzato dal tecnico ex Olimpia Milano.

Tabellino

LABORAL KUTXA VITORIA
Hodge 6, Jelinek 8, Causeur 6, Nocioni 22, Pleiss 7 – Starting Five
Heurtel 5, Kaukenas 9, Mainoldi 6, Diop 10. Ne: San Emeterio, Van Oostrum, Hamilton.

Rimbalzi: Causeur 9
Assist: Heurtel 6

ESTUDIANTES
Colom 6, Kuric 6, Rabaseda 5, Ivanov 8, Banic 9 – Starting Five
Fernandez 10, Guerra 8, Miso 11, Rubio 3. Ne: Vicedo, Hernangomez, Brizuela.

Rimbalzi: Banic 7
Assist: Colom 4

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy