BCL, Final Four, SF: Tenerife raggiunge la Virtus in finale, Anversa è generosa ma deve arrendersi

BCL, Final Four, SF: Tenerife raggiunge la Virtus in finale, Anversa è generosa ma deve arrendersi

Tenerife si mette in moto nel secondo quarto, rimonta e non si guarda più indietro raggiungendo la Virtus Bologna in finale. Anversa dà tutto ma non basta.

di Gabriele Leslie Giudice

TELENET GIANTS ANTWERP 70-54 IBEROSTAR TENERIFE (20-12, 6-19, 16-16, 23-12)

 

Quintetti: 

ANT: Lee, Kalinoski, Sanders, Schoepen, Bako

TEN: San Miguel, Richotti, Brussino, Abromaitis, Iverson

Ritmi subito alti in avvio: Brussino e San Miguel colpiscono in contropiede, nel mezzo i padroni di casa trovano la tripla di Kalinoski (3-4). I Giants hanno maggior controllo delle plance – già 3 rimbalzi offensivi – e ne approfittano portandosi a +5 con il rimbalzo offensivo convertito ancora da Kalinoski (4-9), mentre Tenerife fatica a trovare fluidità offensiva, scegliendo di rifugiarsi nelle mani dolci dei suoi esterni – nello specifico Richotti e Gillet – per rimanere attaccati al treno della partita (12-14). Anversa è più brillante e si crea il primo significativo vantaggio della partita, con il parziale di 6-0 che la proietta a +8 a fine primo quarto (12-20). Una buona circolazione consente a Gillet di trovare la seconda tripla della sua serata, Anversa risponde ma si dimentica di nuovo il numero 31 sul perimetro: l’equazione non cambia e la terza tripla del belga rimette tutto in parità al 14′: 24-24, Moors si rifugia nel timeout. Al rientro in campo la contesa conosce una nuova fase, in cui Anversa è fisiologicamente costretta a moderare la sua aggressività e Tenerife possesso dopo possesso si impossessa dell’inerzia del match, sfruttando l’atletismo strabordante di Niang e convertendo con Abromaitis e Beiran i liberi che le valgono il primo vantaggio della gara (29-26). Anversa non trova più la via del canestro e va all’intervallo sotto di 5 lunghezze (31-26) con la miseria di 6 punti a referto nel secondo quarto di gioco. Anversa esce dagli spogliatoi con maggiore energia e ritrova buone spaziature, che consentono la tripla di Kalinoski (31-29). Sembra quasi di assistere al remake del primo quarto, con Anversa che cerca di alzare il ritmo e Tenerife che gioca a memoria: peccato che Gillet, stavolta, pesti la linea dei 6.75, rendendo un long two la sua potenziale tripla di serata (33-29). L’attacco efficace e semplice di Tenerife inizia a pagare i dividendi, grazie alla maggior consistenza fisica di Iverson e Beiran, che battono i pari ruolo assicurando a Tenerife anche il vantaggio in doppia cifra (41-31). Anversa non ci sta e, pur andando a folate, trova delle giocate che la tengono dentro la partita, come la terza tripla di serata di Kalinoski e l’alley-oop sull’asse Lee – Bako che rimette in partita anche il, pur sempre caldo, pubblico del Palais di Anversa. Tenerife, però, non trova risposte dall’altro lato del campo, Dudzinski si ingolosisce e spara la bomba del -4 (43-39), che regala alla seconda semifinale un ultimo quarto quasi in volata, sul 47-42 per l’Iberostar. Brussino inaugura gli ultimi 10′ di gioco con la giocata della partita: tripla con fallo subito che riporta Tenerife sul +9 (51-42), replicata, poco dopo, da quella che potrebbe produrre l’allungo decisivo, con Anversa rintanata nel timeout, sotto di 13 lunghezze e a secco in attacco da 4′. La tripla di Kalinoski riporta Anversa entro le 10 lunghezze di svantaggio, Tate accorcia a 8 lo svantaggio ma l’energia dei generosi padroni di casa non sembra far presagire una rimonta imminente. La tripla di Beiran dà il nuovo +11 (60-49) a Tenerife, che a 3’25” dall’ultima sirena dà sempre più l’impressione di avere la finale in pugno. Anversa riuscirà nei minuti finali a produrre appena un punto, Tenerife gestisce con tranquillità, ha tempo di godersi l’ultima prodezza balistica di Brussino e alla sirena è avanti di 18 lunghezze. Domenica sarà finale contro la Virtus Bologna.

MVP Basketinside: Brussino 17 punti, 4 rd, 4 rt, 3 ass, 2 pr, 4\6 da 3, 22 di valutazione

TELENET GIANTS ANTWERP: Lee 4, Donkor, Tate 13, Vanwijn, Sanders 2, Schoepen 3, Akyazili 1, Bako 7, Dudzinski 7, Kalinoski 13, Thompson 4, Moses.

IBEROSTAR TENERIFE: San Miguel 4, Staiger, Iverson 5, Richotti, Niang 7, Brussino, Bassas 2, Saiz 2, Abromaitis 5, Gillet 11, Beiran 14, White 3.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy