BCL, Gruppo D – Brutta gestione nel finale, la Sidigas cade a Salonicco

BCL, Gruppo D – Brutta gestione nel finale, la Sidigas cade a Salonicco

Gli irpini perdono in Grecia una buona occasione di tenere il passo delle prime nel loro girone della rassegna continentale.

Commenta per primo!

Alla Nick Galis Hall di Salonicco è arrivata la terza sconfitta in Basketball Champions League per la Sidigas Avellino (3-3), che ha dovuto arrendersi ai padroni di casa dell’Aris (3-3) col punteggio di 59-56, facendosi raggiungere nella classifica del Gruppo D dagli stessi greci. Partita non brillantissima per entrambe le squadre, che hanno sofferto le difese avversarie in lungo e in largo, con la Scandone che per alcuni tratti ha dimostrato di essere anche superiore all’avversario, ma ha gettato al vento il suo pur dignitoso vantaggio (+7) con una brutta gestione nella fase topica dell’incontro, perdendo la contesa. Aris trascinata alla vittoria da Bell (16 punti) e Vasilopoulos (15); per Avellino non sono bastati i 16 di Rich e di un incredibile Ndiaye, alla sua miglior, seppur sfortunata, partita in biancoverde.

STARTING FIVE
Aris: Flionis, Athinaiou, Weaver, Vasilopoulos, Benson
Sidigas: Filloy, Rich, Wells, Leunen, Ndiaye

PRIMO TEMPO: Avvio di match equilibrato, con protagonisti Benson per i locali e Ndiaye per gli ospiti: al 2′ è 2-2. Dopo due canestri di Wells e Ndiaye è Vasilopoulos a segnare la prima tripla di serata che porta l’Aris in vantaggio al 4′ (7-6); Rich e Zerini riportano avanbti la Scandone ma dall’altra parte è ancora Vasilopoulos a rispondere per i greci, per il 12-12 del 7′. Nei minuti finali del quarto, anche per attacchi troppo confusionari, le due contendenti non trovano la via del canestro, confermando il 12-12 al 10′. Quattro punti consecutivi di Ortner in avvio di quarto, ben pescato da Wells, per i padroni di casa risponde Bell ed al 13′ è 14-16; dopo un 1/2 dalla lunetta di Ndiaye, l’Aris torna in vantaggio trascinata da Petway e Bell: al 16′ è 20-17. Vasilopoulos a segno dalla lunetta, ma dall’altra parte è Filloy a sbloccare la Sidigas oltre l’arco per il pareggio sul 22-22 al 18′; Bell risponde alla stessa maniera, ma Avellino, grazie ad una buona difesa, riesce comunque ad andare all’intervallo sul +2 con due layup di Rich e Filloy (25-27).
SECONDO TEMPO: Torna forte dagli spogliatoi la Scandone, che grazie a due bombe di Leunen e Filloy, più altri due punti di Ndiaye tocca il +8 al 22′ (25-33); la partita si infiamma, perché dopo il +9 firmato da Rich dall’altra parte Bell riporta subito i suoi a -5 con una bomba dal palleggio al 25′ (33-39). L’Aris torna a -4 con un gran canestro di Athinaiou, ma per la Sidigas risponde Zerini, che da tre riporta gli ospiti a +7 sul 37-44 del 28′; sul finire di quarto è Weaver a dare il -5 ai greci, dopo alcuni possessi offensivi sbagliati dai biancoverdi: al 30′ è quindi 39-44. Primi 2′ di ultimo periodo in cui si segna soltanto dalla lunetta, con Vaughn e Wells che fissano il punteggio sul 40-45 al 32′. Athinaiou non molla e segna dall’arco per l’Aris, ma due schiacciate consecutive di Ndiaye tengono Avellino sul +5 al 34′ (44-49); il centro senegalese è implacabile sopra il ferro, ma dall’altra parte un mini-break di 5-0 firmato dal solito Bell riporta Salonicco sotto al 36′ sul 49-51. Rich va a segno da sotto, ma lo stesso statunitense della Sidigas commette un’ingenuità che vale il 2+1 a Vaughn: al 38′ è quindi parità sul 55-55. L’inerzia è passata nelle mani dei padroni di casa, che piazzano l’affondo decisivo con i canestri di Vasilopoulos e soprattutto Athinaiou: la Scandone ci prova nell’ultima azione, ma Rich (complice forse un intervento falloso di Vasilopoulos non ravvisato dalla terna arbitrale) sbaglia la tripla del pareggio, con la vittoria che va all’Aris col punteggio di 59-56.

ARIS SaloniccoSIDIGAS Avellino 59-56
Parziali: 12-12; 25-27; 39-44

ARIS: Flionis, Vaughn 6, Poulianitis, Christidis, Mourtos, Athinaiou 9, Morant 2, Vasilopoulos 15, Petway 5, Weaver 4, Benson 2, Bell 16. Coach: Giannakis.

AVELLINO: Zerini 5, Wells 6, Ortner 4, Mavric n.e., Leunen 4, Scrubb, Filloy 5, D’Ercole, Rich 16, Ndiaye 16, Parlato n.e. Coach: Sacripanti.

Arbitri: Jasevicius, Jokic, Obradovic.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy