Buscaglia: “Tornare in Europa è motivo di grande orgoglio”

Buscaglia: “Tornare in Europa è motivo di grande orgoglio”

Domani Trento farà il suo ritorno in Eurocup sul parquet di casa, contro i francesi dell’Asvel Villeurbanne. Grande attesa tra i bianconeri, che faranno il loro ritorno in Europa dopo la finale sfiorata di due anni fa

Commenta per primo!

Esordio stagionale in Eurocup per i ragazzi di coach Maurizio Buscaglia previsto per domani sera alle 20.30 al PalaTrento. Ad affrontare Forray e compagni si presentano i diciotto volte campioni di Francia dell’Asvel Villeurbanne,  reduci da una sconfitta contro il Monaco dell’ex bianconero Aaron Craft.

Nello spogliatoio aquilotto si respira la voglia di far bene, con la squadra che pare essere in forma, un Benahan in grande spolvero (23 punti e 7 rimbalzi per lui nella sconfitta di domenica a Venezia) e le condizioni di Jorge Gutierrez, in continuo miglioramento (il messicano ha già iniziato ad allenarsi coi compagni).

Parole positive pronunciate da Maurizio Buscaglia in conferenza stampa: “Siamo molto contenti di questo nuovo esordio europeo. Tornare in Europa per noi come squadra e come club è motivo di grande orgoglio: nel nostro anno di assenza dalle coppe ci siamo riconquistati l’EuroCup arrivando fino alle finali scudetto – ha detto il coach dell’Aquila -. La nostra prima esperienza in EuroCup è stata molto formativa, anche al di là dell’eccellente risultato (due anni fa è mancato l’accesso in finale per soli due punti di differenza nello scontro diretto con Strasburgo, ndr)”.

Nel girone da sei squadre in cui è inserita Trento, Villeurbanne rappresenta una squadra ostica da affrontare, ma i posti disponibili per il passaggio del turno sono quattro e la Dolomiti Energia ha tutte le carte in regola per rientrarvi. “Quest’anno sappiamo di essere parte di un girone davvero duro – ha commentato l’allenatore barese -. Cominciamo affrontando Villeurbanne che negli ultimi anni si è consolidata come una realtà ‘top’ per risultati, persone coinvolte e giocatori. Il roster è ricco di talento ed è inserito nel giusto sistema. Poi ci sono atleti fisicamente importanti e giocatori con grande esperienza in tutti i ruoli”.

Ma, anche se deve ancora trovare la totale quadratura del cerchio, Trento può competere con i francesi: “La chiave della partita? Dobbiamo leggere le situazioni e giocare in maniera intelligente, ordinata, stando nel piano partita: stiamo lavorando bene, dobbiamo fare un piccolo passo in avanti come team e giocare tutti con un unico intento, con una compattezza che oggi c’è ma che è ancora abbastanza ondivaga” ha concluso Buscaglia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy