EUROCUP, Last 32 – Calvani: ‘Con Saragozza gara da vincere a tutti i costi’

EUROCUP, Last 32 – Calvani: ‘Con Saragozza gara da vincere a tutti i costi’

Le parole di Marco Calvani prima della gara di Eurocup contro il Cai Saragozza

Commenta per primo!

Marco Calvani ha incontrato i giornalisti alla vigilia della gara contro il Cai Saragozza, valida per round 4 delle Last 32 di Eurocup. Come descrive questo momento della squadra? “Il momento non è dei migliori, le vittorie permettono di portare avanti il lavoro in maniera ottimale, le sconfitte rendono le cose più difficili, quando poi si ripetono non è facile recuperare un atteggiamento mentale di fiducia”. Saragozza è già una partita da dentro-fuori… “Saragozza deve essere vinta e vinta con un margine di 13 punti. La squadra si deve resettare, gettandosi alla spalle l’andata ma traendone la lezione per affrontare al meglio l’avversario”. E’ più preoccupato dell’aspetto tecnico o di quello mentale? “Lo stato mentale non è dei migliori quando le cose, come in questo momento, non vanno bene. La squadra è con il freno tirato e a me e allo staff sta cercare di mollare il freno. L’aspetto mentale è un fattore importante e fondamentale e su questo sappiamo che dobbiamo lavorare.”. All’andata si è visto che è stata decisiva la forza fisica del Saragozza, cosa ha chiesto alla squadra? “Dove non si arriva per qualità fisiche e per talento, bisogna arrivare con altre qualità, con l’attitudine e l’energia”. Qual è la ricetta per ripartire? “Per l’ennesima volta la società ha un atteggiamento propositivo, a partire dal sottoscritto, avendo coscienza che non siamo piatti ma che purtroppo non riusciamo ad esprimere ciò che in altre occasioni siamo riusciti a fare. Ancora una volta in questa situazione di up& down la società ha dimostrato saldezza mentale, piedi per terra dando fiducia”. Il momento no di Logan? “Logan non mi preoccupa, abbiamo visto già in passato che si è ripreso benissimo da brevi momenti di difficoltà. Domenica non stava bene eppure è venuto in campo. Come Lui Stipcevic, che è stato rimesso in piedi e ha potuto giocare grazie al nostro medico Giuseppe Casu, che si è dedicato al recupero immediato dei ragazzi. Per questo ringrazio il dottor Casu, e lo faccio tanto più sapendo che proprio domenica stava vivendo un lutto familiare e che nonostante ciò con straordinaria diponibilità si è occupato della squadra”.

Ufficio stampa Dinamo Sassari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy