Cento di queste stagioni: Gigi Datome

Cento di queste stagioni: Gigi Datome

Facciamo gli auguri a Gigi Datome, ripercorrendo le sue migliori stagioni in maglia Virtus Roma e Fenerbahce.

Datome è senza dubbio tra i personaggi più importanti del panorama cestistico italiano. Gigi è uno di quelli che ce l’ha fatta, è arrivato in NBA, ma purtroppo non è andata come tutti noi e lui in particolare speravamo.

Luigi “Gigi” Datome esplode nel campionato italiano con la maglia della Virtus Roma, dove arriva dalla Montepaschi Siena (via Scafati) nella stagione 2008-09. La prima stagione in maglia Virtus è positiva, tanto che viene premiato come miglior giocatore under 22 del campionato italiano. La Virtus Roma parte male e Coach Repesa si dimette a dicembre, per finire poi in seconda posizione nella Regular Season. Verrà infine eliminata 3-2 nel primo turno da una sorprendente Biella nei Playoffs che però permettono lo stesso a Roma di ottenere la licenza triennale per partecipare all’Eurolega.

Il rendimento di Gigi è in continua crescita, toccando l’apice nella stagione 2012-13. Questa stagione vede in Gigi Datome un vero e proprio leader trascinatore. Diventato capitano, si carica la squadra sulle spalle aumentando il proprio livello di gioco in un modo tanto evidente quanto efficace. La cavalcata della Virtus Roma termina in finale contro una Montepaschi Siena nettamente superiore che la sconfigge 4-1 in una serie quasi mai in discussione. La stagione di Gigi è super, MVP del campionato con 15 punti e 6 rimbalzi di media e la nomina di miglior giocatore italiano nella nostra Serie A.

http://www.rantsports.com

Questa stagione non passa inosservata anche dall’altra parte dell’oceano, tanto che Datome firma un biennale in NBA con i Detroit Pistons ad ottime cifre (3,5 milioni di dollari). L’esperienza NBA purtroppo non è andata nel migliore dei modi. Due anni passati tra Detroit e Boston con tanta panchina, poche opportunità di mostrare il suo talento e pochissimi minuti in campo. Volutamente omettiamo questi due anni americani che  sono stati sicuramente molto duri e complicati per il giocatore cresciuto nel vivaio della Montepaschi Siena.

Al termine della stagione 2015, Datome è di fronte ad un bivio: rimanere in NBA con pochi minuti e possibilità di mostrare il proprio talento o tornare in Europa per recitare un ruolo da protagonista. Sceglie la seconda opportunità, convinto da un progetto molto interessante del Fenerbahçe guidato dal maestro Obradovic, oltre a un contratto molto importante. Firma un biennale con i turchi da 1,7 milioni di euro a stagione, catapultandolo così tra i più pagati d’Europa.

Obradovic lo considera come uno dei giocatori fondamentali della sua squadra, costruita per vincere tutto quello che si può vincere senza porsi dei limiti. La stagione in maglia Fener parte alla grande per Gigi, mostrando di essere un giocatore completo in grado di dare un grande apporto in attacco, con un tiro da 3 molto pericoloso e allo stesso tempo difendere con grande qualità. Il Fenerbahçe come già detto è competitivo su tutti i fronti. A febbraio vince la Coppa di Turchia in una finale molto combattuta contro il Darussafaka. Datome segna 8 punti con 5 rimbalzi e 4 assist, statistiche che dimostrano quanto sia ottimo in diversi aspetti offensivi. In Eurolega, il Fenerbahçe gioca bene, migliora di partita in partita e si candida ad arrivare fino in fondo. La Regular Season è dominata col primo posto nel girone con due sole sconfitte, permettendo così alla squadra di Istanbul di qualificarsi come prima nel girone. Le Top 16 sono una fotocopia della Regular Season; 11 vittorie e primo posto aggiudicato. Gigi è tra le migliori, se non la migliore, ali d’Europa. Gioca ottimamente in post, è letale sugli scarichi con una mano che non trema mai nei momenti decisivi della partita. Nei Playoffs contro il Real Madrid è un dominio turco: 3-0, serie mai in discussione e il nostro Datome è tra i più positivi contro avversari di livello assoluto – Nocioni e Maciulis, giusto per citarne due. Le Final Four di Berlino vedono scontrarsi CSKA-Kuban e Fenerbahce-Laboral. Il CSKA vince senza problemi, mentre i turchi soffrono molto di più, arrivando all’overtime con la partita in grande equilibrio. Datome è tra i migliori per i suoi con 15 punti, 7 rimbalzi e 2 assist, decisivo nei momenti finali dell’ultimo quarto con alcuni tiri importantissimi che permettono poi al Fener di agguantare il supplementare e di portarla a casa con tanta più fatica di quanto ci si immaginava.

La finale è tra Fenerbahçe e CSKA, una di quelle partite che rimarranno nella storia dell’Eurolega. Dominio assoluto dei russi nel primo tempo, toccando anche vantaggi oltre i 20 punti e turchi in piena balìa dell’avversario. Il secondo tempo è l’opposto esatto del precedente, con i ragazzi di Obradovic che entrano in campo con un’altra mentalità recuperando tutto lo svantaggio, arrivando negli ultimi minuti con il punteggio in perfetto equilibrio. Il Fenerbahce negli ultimi secondi va addirittura in vantaggio ma viene recuperato negli ultimi secondi grazie a un tap-in di Khryapa che porta tutto al supplementare. L’overtime vede trionfare i russi, nonostante un Fenerbahce eroico, con Datome ancora una volta tra i migliori. L’italiano segna 16 punti, alcuni importantissimi nella rimonta, aggiungendo 5 rimbalzi e 3 assist. La delusione è tanta, il sogno di vincere l’Eurolega si è infranto a pochi metri dall’arrivo, con una rimonta splendida che non è valsa a nulla.

Gigi Datome si rifà in campionato, dove il suo Fenerbahce si qualifica ai Playoffs come secondo ma è grande protagonista. Nei quarti l’Usai Sportif è regolato senza tanti problemi con un secco 2-0. In semifinale c’è il derby sentissimo contro il Galatasaray in cui vede trionfare la compagine di Obradovic per 3-1 soffrendo il giusto.

http://img.fotospor.com

In Finale è Gigi Datome show. Una serie bellissima che vede trionfare il Fenerbahce 4-2 con Datome premiato MVP delle finali con oltre 15 punti di media. 

Siamo partiti col raccontare un giovane Datome molto interessante in maglia Virtus fino ad arrivare al Gigi versione turca, un giocatore molto più completo ed esperto che fa la differenza in Eurolega. Perno della nazionale italiana, siamo convinti che il meglio per lui deve ancora venire.

Auguri Gigi!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy