Cento di queste stagioni – Sergio Llull

Cento di queste stagioni – Sergio Llull

Ripercorriamo la stagione 2014/15, la stagione perfetta del Real Madrid e dell’esplosione di Sergio Llull.

La stagione 2013/14 è terminata in modo pessimo per il Real Madrid. Un vero e proprio film dell’orrore concluso con la sconfitta in finale della Liga ACB contro i rivali di sempre del Barcelona e il suicidio in finale di Eurolega a Milano, contro il Maccabi Tel Aviv dopo essere stato per lunghi tratti in controllo.

http://cdn.timesofisrael.com

All’inizio della stagione 2014/15, la voglia di riscatto, di cancellare la delusione dell’anno precedente è fortissima. Il Madrid si presenta come favorito ad arrivare in fondo in qualsiasi competizione, come l’anno precedente. Obbligato a vincere, con tantissima pressione soprattutto per vincere la tanto attesa novena Eurolega (manca da 20 anni),  il Real Madrid è protagonista di una grande campagna acquisti tra cui Ayon, Nocioni e Maciulis, ma con un forte nucleo spagnolo sempre fondamentale e decisivo nelle gerarchie interne. Questo nucleo è composto principalmente da Felipe Reyes, Rudy Fernandéz, Sergio Rodriguez e Sergio Llull.

Sergio Llull, nato a Mahón il 15 novembre 1987, è un giocatore fondamentale per Pablo Laso, il quale lo considera indispensabile per il suo Madrid. Il rendimento della guardia spagnola cresce stagione dopo stagione, esplodendo definitivamente in questa stagione 2014/15, stagione che resterà nella storia Madrilena.

Primo appuntamento è la SuperCopa de España in un cui il Real Madrid affronta in finale il Barcelona, nella tanto attesa rivincita dello scorso anno contro i catalani allenati da Xavi Pascual. Llull domina la partita con 21 punti, permettendo ai blancos di aggiudicarsi il primo trofeo stagionale. Se il buongiorno si vede dal mattino, tira una buona aria nella capitale spagnola. La temporada inizia alla grande per il Madrid, confermando tutto quanto di buono è stato visto nella Supercopa. Nella Liga e in Eurolega non sembra ci sia una squadra in grado di arginare il gioco rapido, veloce, pieno di corsa e fantasia dei ragazzi di Pablo Laso. A Febbraio, mese storicamente fondamentale per le sorti della stagione, il Real Madrid spazza via il Barcelona nelle Top 16 di Eurolega e va a giocare la Copa del Rey a Gran Canaria come testa di serie principale. I Madrileni fanno la voce grossa, in particolare – Llull, Reyes e Rudy Fernandez. Quest’ultimo è MVP del torneo in cui per l’ennesima volta in questa stagione il Madrid sconfigge il Barcellona in finale, portandosi a casa il secondo trofeo di stagione. Pablo Laso non vuole mai privarsi di Sergio Llull nei momenti decisivi della partita. Spesso parte in quintetto al posto di Sergio Rodriguez, giocando proprio con lui i minuti finali e decisivi, unendo al talento un’elevatissima quantità di grinta e dedizione. Llull entra nel cuore dei tifosi per il suo impegno, per la sua dedizione, per il suo Corazón por la camiseta blanca, divenendo l’idolo indiscusso del Palacio.

http://www.theflagrants.com

In Eurolega prosegue a pieni ritmi il cammino del Real Madrid. Nei Playoffs vince 3-1 contro i turchi dell’Efes Pilsen, guadagnandosi così l’opportunità di giocare le Final Four tra le mura casalinghe del Palacio de Los Deportes di Madrid. In Semifinale i madrileni affrontano un’altra squadra turca, il Fenerbahce di Coach Obradovic (ultimo allenatore che ha portato nella capitale spagnola la tanto amata Eurolega). Llull guida la squadra con leadership e tanta consapevolezza nei propri mezzi. 9 assist per il prodotto della cantera de La Salle Mahón e la solita quantità di punti sui cui fare affidamento. In Finale gli spagnoli trovano un avversario ostico, l’Olympiacos di Spanoulis e Printezis i quali fanno riemergere incubi e paure ai tifosi madrileni. Questa volta non c’è storia, dominio Blancos, dopo il solo primo quarto in cui i greci si sono portati avanti di qualche punto. Sergio Llull è tra i migliori per il Real Madrid nelle Final Four di Eurolega, F4 storiche per la squadra di Madrid. Dopo 20 anni di assenza, la coppa europea più prestigiosa torna a Madrid, spazzando via la tantissima pressione e l’obbligo di vittoria in seguito al terribile suicidio sportivo dell’anno precedente a Milano contro gli israeliani del Maccabi guidati da un Tyrece Rice mostruoso. Terzo trofeo stagionale per Llull e compagni, ma non è finita qui.

Nei Playoffs della Liga ACB, il Real Madrid si qualifica come testa di serie numero 1, carico d’entusiasmo per la vittoria dell’Eurolega. 3-0 ai quarti con il Gran Canaria e 3-1 contro il Valencia in semifinale, per ritrovarsi in finale il solito Barcelona di Xavi Pascual già sconfitto più volte in questa stagione. Altro 3-0 schiacciante, con protagonista principale, manco a dirlo, Sergio Llull. Il playmaker spagnolo quando si accende è devastante, in grado di segnare triple a raffica senza che nessuno sia in grado di contrastarlo.

MVP delle Finali contro il Barcelona, come già avvenuto nella SuperCopa di inizio stagione e una fiducia nei propri mezzi da far invidia a chiunque. La stagione del Real Madrid è perfetta, una stagione impossibile da migliorare. Ma Llull non ha alcuna intenzione di fermarsi. A breve ci sarà EuroBasket 2015 in Francia, con una Selección che non parte con i favori dei pronostici.  l’EuroBasket della Spagna non parte benissimo, con alcune sconfitte, tra cui anche con la nostra Italia. I senatori prendono in mano la squadra, salendo di colpi nei momenti decisivi della competizione. Pau Gasol è stellare , gioca un basket meraviglioso, sfornando tutto quello che possiede nel suo immenso bagaglio cestistico. Nonostante la stanchezza di una stagione lunghissima e molto faticosa, Llull è autore di una super prestazione in semifinale contro i padroni di casa della Francia battuti al supplementare. Difende alla grande su Tony Parker ed è pronto a sparare da 3 punti sugli scarichi del sempre raddoppiato Pau Gasol. In Finale contro la Lituania non c’è storia. Monologo spagnolo dal primo all’ultimo minuto e altro trofeo in bacheca per il ragazzo di Mahón.

Le sirene della NBA, in particolare degli Houston Rockets, chiamano ogni stagione per Sergio Llull, ma il veterano del Madrid ha deciso di rimanere fedele in un’ambiente in cui è l’idolo incontrastato per la sua passione, grinta, attaccamento alla maglia e voglia di vincere. Cresce di stagione in stagione è ad oggi è una delle migliori guardie di tutta Europa.

SuperCopa de España, Copa del Rey, Liga ACB, Eurolega, EuroBasket 2015.

5 trofei vinti in una sola stagione, se non è questa la stagione perfetta..

¡Felicidades Sergio!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy