Cimberio beffata, l’Ulm espugna Varese 77-78

Cimberio beffata, l’Ulm espugna Varese 77-78

La solita Cimberio europea. Molle, distratta e sprecona. Varese cade per la 4^ volta su 5 partite e deve ormai dire addio alla possibilità di passaggio del turno, nonostante manchi ancora il girone di ritorno da disputare. Era l’ultima spiaggia, l’ultima chiamata per rialzarsi dai tonfi recenti (vedi Valencia e Sassari), ma la riscossa non c’è stata e i biancorossi crollano per la seconda volta nella manifestazione fra le mura amiche, colpita a ripetizione da Long e Clyburn e poi trafitta nell’ultimo minuto di gioco lasciando al pubblico di Masnago solo delusione. Non è certo il tiro di Ere, a 3” secondi dal termine, a fare la differenza, perchè i problemi della Cimberio restano e lo spettacolo offerto a 3024 spettatori non è degno di essere chiamato tale. Le difficoltà di Hassell sono ancora evidenti, la voglia non gli manca ma i giri a vuoto sono troppi per l’ex Hapoel Holon che si è fatto dominare sotto le plance da Plaisted e compagni (concedendo addirittura 18 rimbalzi offensivi ai tedeschi). Rush è un altro giocatore rispetto allo scorso anno, salta corre e si sbatte, ma l’1/6 da tre è tremendo visti anche i momenti cruciali del match nei quali sono stati presi. Clark meglio, molto meglio, ma quando gli entrano le triple è un conto, quando fa 1/8 da 3 è un altro e se anche il capitano firma un 2/8 dal campo con la macchia dell’ultimo tiro forzato che ha consegnato il match agli ospiti, l’unico risultato possibile è la sconfitta. CRONACA: Partenza soft di Varese, che si fa subito sorprendere dagli arrembanti tedeschi subendo 9 punti nel primo minuto e mezzo di gioco 5-9 al 2’). La riscossa varesina è affidata a Polonara e Clark (12 punti in due nel 1° quarto), che rispondono ai 7 punti dell’ex Biella Edgar Sosa (18-17 al 10’). De Nicolao, in apertura di 2° quarto, firma il primo break e la Cimberio scappa a +6 (27-21 al 12’); Clyburn non ci sta e piazza un 5/5 dal campo che riaccende la Ratiopharm per il nuovo contro-sorpasso (29-31 al 16’). Un disastroso Hassell viene tolto dal campo da un furente Frates, ma ci pensa Scekic a metterci una pezza: 10 punti (5/6 da 2 e 3 rimbalzi nel primo tempo) e Varese chiude avanti all’intervallo (40-37 al 20’). Come ad inizio partita, al rientro dagli spogliatoi è una Varese spenta che viene facilmente recuperata e superata dall’Ulm. De Nicolao tiene la Cimberio attaccata al match, poi sulla prima bomba di Clark della serata i biancorossi si sbloccano e, grazie ad un super Sakota, chiudono il 3° periodo avanti di 7 (66-59 al 30’). Non ci vuole niente a questa Cimberio per sprofondare e ad inizio 4° periodo la scena è tutta per Long: 7 punti di fila e partita di nuovo in parità fino al 38’ quando Sosa coglie il sorpasso Ulm (72-74). Varese pasticcia ancora in difesa e regala un tap-in a Plaisted, ma ci pensa capitan Ere a 38’’ dalla sirena a mettere la bomba del +1 (77-76). Long impatta dalla lunetta, De Nicolao manda sul ferro la bomba del +3, poi Long dà il +1 ai tedeschi. A Ere non riesce il canestro a 6’’ dal termine ed dalla bagarre a rimbalzo esce vincente l’Ulm che porta a casa partita e 2 punti. MVP Basketinside: Cameron Long (21 punti, 4/8 da 2, 3/5 da 3, 4/6 ai liberi) CIMBERIO VARESE – RATIOPHARM ULM 77-78 (18-17, 40-37, 66-59) Varese: Scekic 14, Sakota 10, Rush 7, Clark 13, De Nicolao 9, Balanzoni ne, Affia ne, Mei ne, Hassell 6, Ere 6, Polonara 12. All: Frates Ulm: Guenther 8, Joenke ne, Theis 3, Sosa 10, Maier, Hess 4, Long 21, Clyburn 17, Schwethelm, Plaisted 8, Nankivil 7. All: Leibenath Arbitri: Arteaga, Papapetrou, Majkic  

Fotogallery a cura dei nostri inviati

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy