[ESCLUSIVA] Shane Larkin: “Nessuno ci aspettava qui. Siamo la sorpresa, perché non provare a vincere le Final Four?”

[ESCLUSIVA] Shane Larkin: “Nessuno ci aspettava qui. Siamo la sorpresa, perché non provare a vincere le Final Four?”

Uno dei migliori giocatori dell’intera competizione si è raccontato poco prima della cruciale semifinale contro il Fenerbahçe.

di Matteo Andreani, @matty_vanpersie

Stagione straordinaria per te. Pensi che sia la tua stagione migliore in Europa? Prestazioni strepitose come i 37 punti contro il Barcellona…

“Penso proprio di si! Non è iniziata come volevo, ma è finita proprio come desideravo. A Vitoria è stata una grande stagione, ma purtroppo non abbiamo vinto nulla anche se ci siamo andati vicino. Qua abbiamo conquistato le Final Four, vinto già un trofeo… sta andando alla grande!”

Che sentimenti provi, tornare a Vitoria dopo il tuo tempo qui?

“É una sensazione speciale. A Vitoria ho avuto modo di giocare un gran basket, mi sono trovato benissimo con tutti, società, pubblico e compagni. Ho ricordi indelebili di quando ho giocato qui per il Baskonia.”

Avete già battuto il Fenerbahce più volte nella stagione. Pensate di poter essere la vera sorpresa di questa Final Four?

“Credo che non molte persone ci immaginassero qui, in questo punto della stagione. Abbiamo fatto un grandissimo lavoro, capendo bene il sistema di gioco chiesto da Coach Ataman e lo abbiamo applicato al meglio. Dobbiamo continuare così, giocando in modo intelligente, giocando tutti per la squadra.”

Hai un padre che era un Hall of fame in MLB. Ti ha aiutato nella tua vita da giocatore di basket professionista?

“É stato importantissimo per me. Ha avuto una carriera strepitosa, è stato uno dei migliori di sempre nel suo sport. É stata una grande fonte d’ispirazione per me, mi ha spinto sempre a dare il massimo e ne sono grato a lui. Abbiamo sempre avuto un grande rapporto, i suoi successi sono stati una grande fonte di motivazione per me. Mi ha sempre supportato dopo che ho scelto la pallacanestro e ha capito che il Baseball non era uno sport facile per me.”

Sarai un free agent in estate. Sempre EuroLeague nel tuo futuro? O l’opzione NBA è sempre presente nella tua mente?

“A questo punto della stagione non sai mai cosa accadrà e cerco di non pensarci. É stato un grande anno sin qui, un anno di grande successo. Cerco di fare il massimo possibile, poi sceglierò l’opzione migliore NBA o EuroLega che sia.”

Quanto è stata importante per te, l’esperienza ai Boston Celtics?

“É stata una grande stagione, anche se ovviamente non ho avuto il minutaggio di cui speravo. Ho avuto modo di giocare 15-20 minuti di media a partita, giocando anche minuti e situazioni importanti come gli overtime dei Playoffs. É stata un’esperienza da cui c’è solo da imparare!”

Hai seguito la stagione dei Celtics?

“Si si, ho guardato spesso i Celtics. Si sono dovute integrare molte personalità importanti all’interno della squadra. Alcuni hanno faticato e non hanno fatto quello step in più a causa del rientro dei due all star. Brad Stevens è un grandissimo Coach e sono sicuro che sarà in grado di trovare l’alchimia giusta il prossimo anno!”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy