Eurochallenge 2013, al via la Final Four di Smirne. Pinar Karsiyaka favorito

Eurochallenge 2013, al via la Final Four di Smirne. Pinar Karsiyaka favorito

Si avvicina il gran finale di stagione anche l’ Euro Challenge. La kermesse, giunta alla sua  9° edizione, calerà il sipario a Smirne, terza città per numero di abitanti della Turchia, ribattezzata «La perla dell’Egeo». Quattro le squadre che si contenderanno il gradino più alto del podio. Questi gli accoppiamenti delle due semifinali: Bcm Gravelines – Krasnye Krylia (ore 17:30) ; a seguire Pinar Karsiyaka – Ewe Baskets (ore 20:00).

Nella prima partita i francesi allenati da coach Christian Monschau proveranno a sfatare il tabù del Krasnye Krylia il quale giunge a quest’appuntamento forte di 14 vittorie in altrettante gare. Un temibile ruolino di marcia che assegna al roster russo le  maggiori chance di disputare la gran finale prevista per domenica alle ore 19:00. Sull’altra sponda, invece, Gravelines ha superato 2-0 nella serie il Joensuun Kataja. Due successi che fanno seguito ai cinque che la squadra di Dwight Bycks aveva già messo a segno. Alcune vecchie conoscenze del basket italiano si affronteranno in questa  prima semfinale: l’ex romano e virtussino Kennedy Winston darà battaglia all’ex casertano Andre Smith, alla meteora milanese Chester Tree Simmons, all’ex irpino Omar Thomas (Mvp del campionato italiano 2010-2011) senza dimenticare la cabina regia  in cui la squadra di coach Sergey Bazarevich alterna due giocatori di assoluto spessore: Dejuan Collins (già visto a Varese) e Aaron MilesSecondo Christoph Denis, tecnico del  Paris Levallois, «se Gravelines batte la squadra turca in semifinale, vincerà l’Eurochallenge. Hanno un ottimo roster con undici giocatori pronti a giocare, titolari e panchina con grande esperienza che le hanno consentito di fare bene in Europa ed in Francia». Per il Krasnye Krylia la chiave del match sarà tenere al di sotto degli ottanta punti realizzati gli avversari: in due delle tre sconfitte subite hanno messo a segno soltanto 73 punti di media.

Nel secondo appuntamento di domani, spazio ai padroni di casa del Pinar Karsiyaka e dell’Ewe Baskets Oldenburg. I turchi di coach Sarica nei quarti hanno avuto la meglio sul Paris Levallois in tre match.  Undici vittorie e quattro sconfitte il bottino totale del team nel quale spicca la presenza dell’ex San Antonio Spurs, Melvin Sanders, del playmaker Robert Dixon (17,9 punti a partita – 4° assoluto). A credere in un’affermazione del Pinar è il connazionale Ergin Ataman, lo scorso anno vincitore di questa manifestazione sedendo sulla panchina del Besiktas: «Credo che il Pinar sia il favorito della Final Four perché quest’anno sta giocando molto bene, mostrando un ottimo basket in attacco unito ad una difesa asfissiante. Le vittorie contro Galatasary, Besiktas, Banvit e Fenerbache lo dimostrano». La difesa del Karsiyaka potrebbe rivelarsi l’arma in più: 69 sono i punti subiti prima di quest’appuntamento. Per far si che la profezia dell’ex allenatore della Montepaschi si realizzi c’è da superare l’ostacolo Ewe Oldenburg, piegato sin qui soltanto dal Telekom Baskets. Nomi di spicco all’interno della rosa teutonica sono Rickey Paulding e Julius Jenkins, top scorer con 13,9 punti a comparsa. In merito a questa sfida Michael Koch, coach del Telekom Baskets spiega che: «L’Ewe predilige correre; i suoi giocatori sanno esattamente cosa vogliono ed hanno varie opzioni tra cui Pauliding e Jenkins. Quest’ultimo conosce bene l’Europa e il campionato tedesco ma non è sempre un titolare».

Coloro che accederanno alla finale acquisiranno il diritto di partecipare all’edizione 2013-2014 dell’EuroCup. Smirne, dopo Istanbul nel 2005, è la seconda città turca che ospita una Final Four nei nove anni di esistenza dell’ Eurochallenge. L’albo d’oro vede al comando la Spagna e la Russia con due trionfi; seguono Turchia (2012), Italia, Germania,Slovenia, Lettonia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy