EuroCup, 6°giornata: a Belgrado rimonta solo sfiorata per Trento! vince il Partizan di misura

EuroCup, 6°giornata: a Belgrado rimonta solo sfiorata per Trento! vince il Partizan di misura

Una generosa Trento lotta a Belgrado, ma esce sconfitta di misura.

di La Redazione

La Dolomiti Energia Trentino viene sconfitta a Belgrado 76-71 e vede assottigliarsi le proprie chance di qualificazione alle Top 16 di 7Days EuroCup: nel Round 6 i bianconeri partono malissimo, ma crescono con il passare dei minuti giocando punto a punto con i padroni di casa fino al termine del terzo quarto. A quel punto il break del Partizan, avanti 64-49, sembra chiudere ogni discorso: l’Aquila invece reagisce e con una fiammata delle sue si rimette in partita fino al finale punto a punto in cui paga a caro prezzo qualche errore dalla lunetta e un paio di rimbalzi d’attacco sanguinosi concessi al Partizan. L’accelerata finale non basta ad una Dolomiti Energia orfana negli ultimi 15’ di Nikola Jovanović, fino a quel momento grande protagonista del match (espulso dopo aver prodotto 20 punti e 6 rimbalzi con 7/10 dal campo), ma capace di trovare in Gomes (9 punti e 5 rimbalzi) e Forray (3 recuperi) le anime della rimonta sfiorata.

La cronaca. In una Aleksandar Nikolic Hall mozzafiato da tutto esaurito, i bianconeri partono contratti: due falli in attacco di Hogue costringono Buscaglia ad entrare molto presto nelle rotazioni, e Trento non riesce a mettere il freno ai padroni di casa a rimbalzo (6-0 Partizan sul tabellone, 7-0 nei rimbalzi dopo 3’ di gioco). Il primo timeout della partita è sull’11-1 per i serbi dopo 5’, gli ingressi di Mian e Jovanović danno un po’ di ossigeno all’attacco di Trento ma non fermano lo scatenato attacco dei Crno-Beli, che volano sul +15 dopo i primi 10’ (22-7).

La reazione dei bianconeri prova ad arrivare con il quintetto tutto italiano in campo: gli sforzi in difesa di Forray e i punti di Pascolo tengono gli ospiti sotto la doppia cifra di svantaggio (22-15), il Partizan torna a ruggire con Paige ma gli ex della partita Radičević e Jovanović salgono di colpi e stavolta il timeout se lo gioca coach Trinchieri (26-20). Il lungo classe ‘94 è trascinante a livello offensivo (14 punti nel primo tempo), Flaccadori dà continuità al buon momento dell’Aquila segnando la tripla (la prima di Trento nella serata) che vale il 36-32 dell’intervallo lungo.

Il Partizan prova a inserire le marce alte in apertura di terzo quarto, ma Marble prima e Jovanovic poi tengono a bada le accelerazioni a firma Paige e Landale: “Johnny” sale a quota 20 personali (45-44), ma pochi istanti dopo è costretto a lasciare il campo per espulsione diretta. Hogue si fa largo in area, ma due canestri in fila di Zagorac fanno di nuovo scappare via Belgrado (56-49 dopo i primi 30’).

Landale e Sy ispirano l’ennesimo buon avvio di quarto dei serbi (64-49) che sembra chiudere definitivamente il match: Forray e Gomes però dimostrano che la Dolomiti Energia è ancora dura a morire, e riportano i trentini a meno 3 a poco meno di 2’ da giocare. Marble sbaglia la tripla del potenziale pareggio, il Partizan trema ma alla fine porta a casa il secondo successo stagionale in EuroCup.

PARTIZAN BELGRADO – DOLOMITI ENERGIA TRENTO 76-71 (22-7, 14-25, 20-17, 20-22)

PARTIZAN BELGRADO: Paige 16, Sy 7, Marinkovic 10, Gegic 4, Pecarski, Brown, Zagorac 12, Jankovic 4, Landale 18, Gagic, Nikolic 5.

DOLOMITI ENERGIA TRENTO: Marble 10, Radicevic 5, Pascolo 6, Mian 2, Forray 7, Flaccadori 9, Gomes 9, Hogue 2, Lechthaler 1, Jovanovic 20.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy