EUROCUP, Finale Andata: Khimki incontenibile, +25 in casa del Gran Canaria

EUROCUP, Finale Andata: Khimki incontenibile, +25 in casa del Gran Canaria

falso9blog.com

GRAN CANARIA 66 – 91 KHIMKI (19-21; 33-40; 54-59)

L’andata della finale di Eurocup 2015 si gioca a Las Palmas, in un Gran Canaria Arena tutto esaurito. Gli spagnoli non partono favoriti ma vogliono comunque provarci e restano in partita per quasi tre quarti. Lo strapotere russo, però, viene fuori e il 6691 finale sembra la chiara indicazione che il trofeo continentale stia prendendo la strada verso Mosca. Il Khimki domina sotto canestro, Paul Davis praticamente perfetto con un 7/7 dal campo e con Koponen e Vyaltsev fattori in più, 18 punti a testa nel tabellino. Nel Gran Canaria fa riflettere il fatto che Kuric è il migliore dei suoi, nonostante abbia “soltanto” l’8 su 17 dal parquet. La prossima settimana ci si sposta a Mosca , in una gara di ritorno che sembra poco più di una formalità.

La Cronaca – Il match inizia con ritmi subito alti e un equilibrio che sembra non schiodarsi, con il Khimki che conferma il dominio nel pitturato, grazie soprattutto a Davis. I russi hanno 81 punti di media in Eurocup e lo strapotere offensivo sembra confermare il trend ma il Gran Canaria si affida a Kuric e Oliver per tenere la gara in parità. In chiusura di parziale O’Leary manca una schiacciata piuttosto facile e il primo quarto si chiude sul 1921 per gli ospiti. La seconda frazione inizia con il Khimki in dominio totale; prima la penetrazione di Koponen, poi Augustine va ad appoggiare al tabellone di sinistro. Il Gran Canaria soffre, non riesce a segnare e ancora Koponen insieme a Rice completano un parziale di 8-0 che porta gli ospiti avanti di 10. I padroni di casa provano a rientrare, grazie a Tavares che stoppa e va a completare la ripartenza in schiacciata, ma i russi sono un rullo e con Monia e Vyaltsev piazzano ancora un break da 60. In difesa il Khimki non è, però, perfetto e Koponen dimentica di chiudere su Kuric che piazza la tripla. Al termine del secondo quarto gli ospiti guidano il match 3340. Si esce dagli spogliatoi ed è Baez a guidare la risalita del Gran Canaria prima con una tripla e poi con una schiacciata condita da fallo e azione da tre punti completata dalla lunetta. Tavares in difesa fa il suo, a metà terzo quarto compie la quarta stoppata del match e lancia Kuric in contropiede per l’appoggio a canestro che vale il -3. Il Khimki chiama time-out, ricarica le batterie e mette nelle mani di Monia il pallone con una tripla da lontanissimo che riporta a +6 i russi. Si va verso la fine del terzo parziale con l’alley-oop che vale la schiacciata di O’Leary da una parte, il lay-up  di Koponen sulla sirena e a 10 minuti dalla fine il Khimki è avanti di 5. Nell’ultimo quarto Vyaltsev e Monia sfruttano due “orrori” offensivi del Gran Canaria per scappare sul +11 , che diventa addirittura +15 qualche minuto dopo con l’ennesima tripla del solito Vyaltsev. La squadra spagnola si scoraggia, prende tiri forzati che puntualmente non vanno a bersaglio e il Khimki con la schiacciata di Augustine va sul +20. A crederci nel Gran Canaria resta solo Kuric ma Rice dalla distanza spegne ogni tentativo di rimonta dei padroni di casa. La gara si chiude sul 6691 per i russi che adesso in casa dovranno limitarsi a gestire il match per portare a casa la seconda Eurocup della sua storia, dopo il trionfo del 2012.

Gran Canaria: Kuric 23; Baez 18; Oliver 7

Khimki: Koponen 18; Vyaltsev 18; Davis 17

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy