EUROCUP: Ludwigsburg con convinzione, batte un’Enel Brindisi senza stimoli. Si rivedono Scott e Reynolds

EUROCUP: Ludwigsburg con convinzione, batte un’Enel Brindisi senza stimoli. Si rivedono Scott e Reynolds

Commenta per primo!

In un match, dove per Brindisi i due punti non contavano, hanno la meglio sui pugliesi i tedeschi del Ludwigsburg. Con la qualificazione ormai impossibile, Bucchi da spazio alle seconde linee e fa riposare chi di solito gioca più minuti, un allenamento di lusso quello di oggi per Brindisi.

Il primo quarto è stato all’insegna dell’equilibrio, Scott che rientra dopo 5 partite di assenza per infortunio, e un Milosevic che gioca con più convinzione, aggressività e intensità. Nel secondo quarto gli ospiti schiacciano il piede sull’acceleratore, aumentano l’intensità difensiva, che costa alcune palle perse di troppo ai pugliesi. In un terzo quarto equilibrato, con allunghi dei tedeschi e pronti recuperi pugliesi, rientra sul parquet Scottie Reynolds. Il finale è targato tedesco, Brindisi tira i remi in barca, mentre gli ospiti con convinzione (i due punti sono preziosi in ottica qualificazione), riescono a portare a casa il match facilmente.

Per Brindisi ottime risposte da parte di Milosevic, il migliore in campo, e ormai il solito Gagic. Per i tedeschi buone le prove di Cotton, Trice e Boone.

ENEL BRINDISI: Cournooh, Banks, Cardillo, Milosevic, Gagic

MHP RIESEN LUDWIGSBURG: Cotton, Trice, O’Neale, Brockman, Boone

CRONACA

Primo quarto: L’inizio del match è equilibrato, con canestri da un lato e dall’altro e gli attacchi che hanno la meglio sulle difese. Dopo una disattenzione sulla rimessa da fondo campo, e canestro subito, 9-10 a 4’30” con un avvio convince di Milosevic. Al 6° minuto, da registrare il rientro in campo dopo l’infortunio di Scott, un gradito ritorno,  battezzato subito con una buona iniziativa, tramutata in canestro dopo pochi secondi, 17-20 a 8’15” dopo una schiacciata di Cardillo, per Brindisi c’è ancora da registrare la difesa. Il quarto termina con un tentativo di tiro, non riuscito, di Scott sulla sirena e il punteggio di 20-23.

Secondo quarto: Ludwingsburg parte con il piglio giusto e aumenta l’intensità difensiva, Bucchi chiama timeout, dopo una rimessa da fondo campo sbagliata, 22-30 a 11’12”. L’Enel reagisce, piazza un parziale di 5-0, e dopo un possesso recuperato, questa volta è John a chiamare il timeout, 27-30 a 14’30”. E’ un Milosevic intraprendente, in campo con il giusto atteggiamento e intensità, quello di quest’oggi, dopo un  fallo subito, un tiro libero messo a segno, e una stoppata data, 30-32 a 16’38”. Marzaioli in difficoltà sulla pressione avversarie perde un altro pallone, dopo una tripla di O’Neale cresce il vantaggio degli ospiti, 32-43 ad 1′ dal termine, e Bucchi tenta la carta della zona con tre lunghi. Il quarto termina con un nulla di fatto nel restante minuto.

Terzo quarto: Buon momento di Gagic, autore di 4 punti consecutivi (10 totali), Bucchi lo applaude, 37-45 a 22’30”. Brindisi sbaglia troppo, alla squadra tedesca viene concesso qualche fallo, forse, di troppo, ma una tripla di Harris, limita i danni, 44-54 a 26’20”. Al minuto 27 il rientro in campo di Reynolds.  Il quarto termina sul 49-62, con i Tedeschi che sembrano averne di più.

Quarto quarto: In quest’ultima frazione i tedeschi ci credono più dei pugliesi, per loro una partita decisiva, per Brindisi un allenamento di lusso. I Tedeschi allungano, e Bucchi concede spazio anche a De Gennaro, Gagic esce per 5 falli dopo un fallo tecnico, 57-77 a 36’20”, dopo un errore da 3 punti. La partita termina con il punteggio di 60-87.

MVP Basketinside.com: Milosevic (13 punti, 12 rimbalzi, 22 di valutazione)

BRINDISI – LUDWIGSBURG 60-87

Parziali: 20-23, 32-43, 49-62

Brindisi: Banks 3, Reynolds, Scott 8, Cournooh 1, Harris 5, Cardillo 4, Milosevic 13, Gagic 12, De Gennaro, Zerini, Marzaioli 3, Kadji 11. All. Bucchi

Ludwigsburg: McCray, Munoz 5, Huff 5, Trice 10, McNaughton 8, O’Neale 13, Waleskowski 4, Boone 16, Shakur 6, Cotton 11, Loesing 7, Brockman. All. Patrick

Arbitri: R. VYKLICKY (Czech), M. MICHAELIDES (Swi), S. OVINOV (Rus)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy