EUROCUP: Milano asfalta l’Aris in 20′ e controlla in scioltezza

EUROCUP: Milano asfalta l’Aris in 20′ e controlla in scioltezza

Commenta per primo!

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – ARIS SALONICCO 95 – 54 (24-17, 57-27, 71-42)

Un secondo quarto da 33-10, iniziato con un break di 20-0 nei primi 5′, rende tutto più facile all’Olimpia nella seconda sfida di Eurocup, contro l’Aris: il finale è 95-54 per l’EA7. Difesa super e ottime percentuali in attacco fanno pendere sensibilmente l’ago della bilancia dalla parte degli uomini di Repesa, tra i quali è ben difficile trovare un “meno peggio”. Vittoria preziosa e incoraggiante, prima del big match di campionato contro Trento.

CRONACA – Ottimo avvio ospite, con 2 schiacciate in 2′ per il 2-7 di partenza; Milano è impersonificata totalmente da Macvan, autore di tutti i 6 punti iniziali dell’EA7, prima della tripla di Simon (9-7 al 5′). Con Magro in quintetto base l’Olimpia concede punti e rimbalzi facili nel pitturato; l’ingresso di Barac e una signora difesa chiudono l’area, mentre Gentile confeziona il primo allungo: 21-13 all’8′. L’ex Virtus Okaro White impatta bene sul match provando a ricucire il gap, ma al 10′ è 24-17 per Milano.

Una difesa già buona non può che crescere ulteriormente con gli ingressi di Cerella e Jenkins: Aris costretto a 5’15” di digiuno e Olimpia che scappa via (+24, 44-20 al 15′ con le triple di Jenkins, Cerella e Lafayette). Greci che trovano un goal a 4’45” dalla fine del primo tempo e che, palesemente storditi dal 20-0 di parziale biancorosso, non reagiscono. Lafayette continua a colpire e l’EA7 sfonda quota 50 punti già al 17’30”, toccando il +32 che riporta la mente alla storica rimonta di oltre 25 anni fa, proprio contro l’Arise proprio nella sera in cui si festeggiano gli 80 di coach Dan Peterson (il cui compleanno era il 9 Gennaio). Con un secondo quarto da 33-10, Milano chiude il primo tempo sul 57-27.

Aris più combattivo in avvio di secondo tempo, nonostante il gap sia ancora superiore ai 30 punti; l’Olimpia dal canto suo amministra e non spinge troppo sull’acceleratore, preservando energie per la sfida di campionato contro Trento. Symtsak pare il più reattivo dei suoi, ma le % greche al tiro sono davvero pochissima cosa; Milano può controllare ed allungare (65-30 al 25′). Il 70-35 con cui Milano “doppia” i greci al 28′ è l’emblema di una gara più che chiusa e totalmente già consegnata agli archivi dalla fine del primo tempo. Al 30′ è 71-42. La pessima notizia per Milano è l’uscita, claudicante, di McLean, proprio alla fine della terza frazione.

Altro blackout greco in avvio di quarto periodo: 5′ di nuovo di digiuno, mentre Lafayette e Jenkins fanno +40 e mettono i “definitivissimi” sigilli alla gara (di cui non c’era nemmeno bisogno). Insomma, un garbage time di 10′ in cui Milano arrotonda sempre più il margine. Vittoria EA7 per 95-54.

BASKETINSIDE MVP: OLIVER LAFAYETTE

TABELLINI:

MILANO: McLean 6, Lafayette 12, Gentile 13, Amato 0, Cerella 7, Macvan 16, Magro 2, Cinciarini 6, Jenkins 12, Barac 10, Simon 11. Coach: Repesa.

ARIS: Xanthopoulos 0, Pelekanos 0, Cupkovic 0, White 10, Waters 12, Zaras 0, Hagins4, Cohen 5, Mourtos 6, Symtsak 9, McNeal 0. Coach: Priftis. /span>

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy