EUROCUP: Trento strappa il derby a Reggio

EUROCUP: Trento strappa il derby a Reggio

Commenta per primo!

Trento: Sanders, Pascolo, Forray, Lockett, Wright.

Reggio Emilia: Aradori, Polonara, Della Valle, De Nicolao, Veremeenko.

Trento inizia bene il match imponendo subito il suo ritmo a Reggio Emilia che fatica tantissimo in attacco concedendo ai padroni di casa un gap di punti che i ragazzi di coach Buscaglia sono abili a gestire ed incrementare fino ad arrivare ad un massimo di +21 punti. La Grissin Bon ha fatto terribilmente fatica a contenere l’iniziativa in attacco di Wright e Pascolo ed allo stesso tempo non ha mai fatto particolarmente paura in attacco. Inizia bene questa Last 32 per la Dolomiti Energia che se la vedrà nel prossimo turno contro il Trabzonspor, mentre Reggio Emilia sarà impegnata sul campo di casa contro il Pinar Karsiyaka Izmir per provare a cancellare la brutta prestazione del Palatrento.

PRIMO QUARTO: Palla due vinta dai padroni di casa che non riescono ad andare a segno e regalano il possesso nelle mani di Della Valle, il quale non prende nemmeno il ferro e lascia nuovamente  il possesso a Trento. Lockett segna i primi due punti dell’incontro con una tiro aperto dalla media distanza (2-0). Reggio non riesce ancora una volta a trovare la via del canestro e Sanders punisce dai 6,75 (5-2). Della Valle apre le marcature per i bianco-rossi, a cui risponde immediatamente Pascolo con un facile layup (7-2). Attacco buttato via per la Grissin Bon e palla che in transizione arriva nelle mani del solito Pascolo, fallo di De Nicolao e due liberi realizzati dal talento Friulano (11-2). Trento sembra indiavolata, bomba di Toto Forray che porta i suoi a +14 sugli avversari (16-2). Anche Wright si iscrive al tabellino dei marcatori, punendo una difesa di Reggio Emilia completamente assente in questo primo quarto (20-4). La squadra emiliana non riesce ad entrare in partita, complice un attacco macchinoso ed una difesa troppo fragile. Aradori prova a dare la scossa ai suoi mettendo a referto due canestri consecutivi. Il quarto si conclude sul punteggio di 22-9.

SECONDO QUARTO: Il secondo quarto inizia con due punti di Golubovic che porta i suoi a -11 dagli aquilotti (22-11). Neanche il tempo di festeggiare che Baldi Rossi infila una tripla pesantissima, +14 Trento e punteggio che recita 27-13. Gentile con una tripla dall’angolo accorcia nuovamente le distanze per Reggio (27-16). Diego Flaccadori entra in campo e si dimostra subito all’altezza della competizione con una palla rubata a Polonara e due punti segnati sulla stessa azione (31-18). Lo stesso Flaccadori segna due liberi dopo aver subito fallo da Lavrinovic (33-18). De Nicolao prova a cercare una reazione della Grissin Bon realizzando dalla media, ma la squadra ospite fa davvero fatica a tornare in partita, complice anche un attacco sempre molto intenso di Trento. La reazione degli ospiti arriva dalle mani di Silins che piazza una bomba dall’angolo portando i bianco-rossi a -8 (33-25). Pascolo ferma subito il ritorno di Reggio infilando due canestri in successione a cui è fortunato e abile a rispondere ancora Silins. Il primo periodo si conclude sul punteggio di 37-28 in favore di Trento.

TERZO QUARTO: Va subito a segno la Dolomiti Energia con il suo capitano Forray (38-28). Fallo di Veremeenko, che manda in lunetta Lockett, il quale fa 2 su 2 e porta i bianconeri sul +12 (40-28). De Nicolao apre le marcature per Reggio nel secondo periodo e sulla successiva azione inventa per Veremeenko che in post non fa fatica a realizzare (40-32). Forray con l’ennesima tripla della sua partita regala nuovamente la doppia cifra di vantaggio ai padroni di casa (46-32). E’ di nuovo buio pesto per Reggio quando Lockett lascia per terra De Nicolao ed infila il terzo canestro di fila per Trento. Coach Menetti non può far altro che chiamare time-out per rimettere in carreggiata la sua squadra (48-32). Il time-out non sembra aver provocato grandi reazioni nei bianco-rossi che subiscono un parziali di 5-0 complici Sutton e Pascolo (53-34). La Dolomiti Energia sembra essere padrona del campo mentre gli emiliani si affanno per provare a ritornare in partita. Polonara in post contro Pascolo ha la meglio fissando il punteggio sul 56-38. Aradori realizza in faccia a Poeta portando lo svantaggio di Reggio Emilia a 15 lunghezze. Ad 1:30 sul cronometro Aradori commette ingenuamente fallo tecnico su Wright che non perdona dalla lunetta (60-43). Wright si inventa un canestro impossibile sullo scadere del quarto con solo 1 secondo e mezzo a disposizione (62-45).

QUARTO QUARTO: L’ultimo parziale della gara inizia con un passaggio dietro alla schiena di Baldi Rossi in favore di Sutton che inchioda al tabellone facendo letteralmente saltare il pubblico trentino (64-45). I bianconeri sono on-fire, Flaccadori realizza portando a +20 i suoi. Reggio è completamente in tilt, sono già 3 le palle perse solo nel quarto quarto. Sanders firma addirittura il +21 con una tripla in transizione (71-50). Completamente in trance agonistica La Dolomiti Energia continua ad imporre il suo gioco quando mancano 5 minuti alla fine del match (76-55). Trento è brava ad amministrare il vantaggio accumulato durante la gara. La partita non regala più grandi emozioni, da segnalare solamente un tentativo timido di rimonta da parte di Polonara. Alla fine delle ostilità il punteggio recita: 82-63.

Dolomiti Energia Trentino –  Grissin Bon Reggio Emilia: 82-63

PARZIALI: (22-9, 15-19, 25-17, 20-18)

MVP: Julian Wright

TRENTO:  Poeta 0, Sanders 16, Pascolo 12, Baldi Rossi 4, Forray 9, Loefberg 0, Flaccadori 10, Bellan 0, Sutton 7, Lockett 15, Lechthaler 0, Wright 9, All. Buscaglia

REGGIO EMILIA: Aradori 13, Polonara 9, Lavrinovic 4, Della Valle 5, De Nicolao 6, Pechacek 0, Strautins 0, Veremeenko 6, Silins 11, Gentile 7, Golubovic 2, All. Menetti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy