EuroLega: Bamberg in volata sull’Unics Kazan

EuroLega: Bamberg in volata sull’Unics Kazan

Il Bamberg questa volta ride sul finale mentre l’Unics è di nuovo costretto a subire la sconfitta di rimonta

Commenta per primo!

Brose Bamberg – Unics Kazan  89 – 86 (19-17; 22-27; 19-23; 29-19)

Arbitri: Hierrezuelo (ESP), Hordov (CRO), Dragojevic (MNE)

Brose Bamberg: Causeur 4, Melli 15, Zisis 16, Staiger 3, Theis 7, Lo, Strelnieks 17, Veremeenko 6, Harris 2, Miller 15, Heckmann 4, Radosevic. All. Trinchieri.

Unics Kazan: Antipov 2, Clarke 20, Langford 24, Ponkrashov 2, Parakhouski 11, Colom 15, Banic, Voronov, Karpukhin, Panin, Kaimakoglou 3, Williams 9. All. Pashutin.

Quintetti:
Bamberg: Zisis, Melli, Causeur, Harris, Miller.
Unics: Antipov, Clarke, Langford, Parakhouski, Ponkrashov.

Stats:
Bamberg:
Melli 15 punti, 7 rimb, 2 ass; Zisis 16 punti, 12 assist; Strelnieks 17 punti.
Unics: Langford 24 punti, 4 assist; Clarke 20 punti, 7 rimb.

 

Sin dalle battute iniziali si preannunciava una gara equilibrata. Entrambe le formazioni venivano da una sconfitta e c’era più di un motivo per entrambe per cercare il riscatto in questo secondo match. Alla fine il tabellone ha sorriso al Bamberg che è stato abile nel non mollare mai e, spinto da un super Melli nell’ultimo quarto e da un ottimo Strelnieks, è riuscito a mettere il primo sigillo in Eurolega.

All’inizio delle ostilità i russi del Kazan partono meglio, guidati dalla coppia Parakhouski-Ponkrashov e sembrano poter piazzare subito un minibreak. Zisis però, dall’altro lato, tiene a galla i suoi distribuendo assist a tutti e andando poi a siglare la tripla del sorpasso su un buono scarico di Melli. L’Unics risponde dalla linea dei liberi e alla prima sirena il Bamberg è avanti 19 a 17.
Il secondo periodo sembra svolgersi in maniera speculare al primo. I giocatori di coach Pashutin ingranano in fase offensiva e arrivano a toccare il massimo vantaggio (34-25) grazie ai canestri di Colom e Langford. Coach Trinchieri è costretto a chiamare time out per sistemare la squadra in campo e così il Bamberg riesce a rosicchiare punti sul finale andando alla pausa lunga sotto 41 a 44.

Al rientro in campo i tedeschi provano ad aumentare l’intensità difensiva ma sono solo accenni. L’Unics, dopo alcuni errori in attacco, torna a smuovere il tabellino senza neanche troppa fatica e Langford porta i suoi al nuovo massimo vantaggio, +12 a meno di due minuti sul cronometro.
Tra la fine del terzo periodo e l’inizio del quarto arriva la svolta. Causeur ha una fiammata, l’unica della serata a dir la verità, e Melli riapre alla grande la quarta frazione, Bamberg di nuovo a -6. L’Unics sembra resistere con il solito Langford ma Parakhouski commette una grossa ingenuità sul tiro da 3 di Zisis che chiaramente non si fa pregare due volte e fa en plein. Sul successivo errore di Langford il Bamberg si ripropone di nuovo in attacco e questa volta è Strelnieks a siglare da 3, regalando il sorpasso ai tedeschi. La partita scorre così punto a punto arrivando a 20’’ dalla fine con il Bamberg avanti di due lunghezze e palla in mano. La difesa a tutto campo del Kazan serve però solo a rallentare il possesso, i tedeschi superano la metà campo e i russi sono costretti a fare fallo. Dalla lunetta Melli è glaciale, due su due e +4. Il finale si gioca sulla tattica con il Kazan alla ricerca di tiri rapidi e falli sul cambio di possesso. Il thrilling non manca visto che Heckmann realizza solamente uno dei due liberi a disposizione, lo stesso giocatore è però lesto a fare fallo su Colom prima di una conclusione da 3 punti. Colom dalla lunetta sbaglia il primo ed è costretto a sbagliare anche il secondo per dare ancora un briciolo di speranza ai suoi. A rimbalzo però il più rapido è Theis. Il Bamberg conquista la prima vittoria battendo l’Unics Kazan 89 a 86.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy