EuroLeague preview, Unics Kazan: Langford guida la riscossa

EuroLeague preview, Unics Kazan: Langford guida la riscossa

I ragazzi di Pashutin puntano a fare l’exploit, partendo contro i pareri dei pronostici, ma con tanta voglia di rivincita.

L’Unics Kazan è il club dell’omonima città russa Kazan, spesso protagonista in VTB League, EuroLega e nato pochi anni fa, per la precisione nel 1991.  Nonostante la breve storia, l’Unics Kazan è sempre stata una squadra di rilievo (soprattutto in patria) anche grazie alle proprietà molto dotate economicamente.

Nell’ultima stagione ha raggiunto la finale di VTB League contro la corazzata CSKA Mosca, uscendo sconfitta a testa alta disputando una grande serie. L’Unics punta a rifarsi dopo le ultime annate europee a dir poco deludenti, confermando le punte di diamante del roster e rinforzando la panchina con giocatori provenienti dal campionato russo.

L’allenatore: Seconda volta sulla panchina di Kazan per Evgeny Pashutin, dopo l’esperienza biennale tra il 2010 e il 2012, ritornando nel 2014 successivamente all’incarico sulla panchina della nazionale russa. Grande esperienza come vice, soprattutto al CSKA. Buoni risultati anche in campo europeo come Head Coach, soprattutto grazie alle due EuroCup vinte nel 2011 e 2013 con il Lokomotiv Kuban e l’Unics Kazan.

Le guardie: Parco guardie guidato dall’eterno Keith Langford, leader offensivo, con molto carisma e esperienza a servizio della squadra. Ovunque ha giocato ha fatto benissimo, Maccabi, Khimki, Milano e non è da meno qui a Kazan, dove arriva nel 2014 con un ricco biennale. Lo spagnolo Quino Colom è il playmaker titolare della squadra. Il 28enne proveniente da Andorra è al secondo anno di contratto dopo aver vissuto l’intera carriera in ACB. Colom è nel momento clou della sua vita cestistica ed ha dimostrato di essere una point guard di livello. Dalla panchina sono pronti ad entrare Vadim Panin, russo che ha militato l’intera carriera in patria e Latavious Williams, guardia-ala proveniente da Tulsa, alla seconda stagione a Kazan dove lo scorso anno ha viaggiato a 10 punti di media. Due rinforzi per la panchina sono provenienti dal campionato russo: Evgeny Voronov, arriva dal sorprendente Lokomotiv Kuban, arrivato alle Final Four lo scorso anno, giocatore di sistema, molto utile sia in attacco che in difesa mentre Aleksandr Karpukhin ex guardia dello Zenit, è in cerca di riscatto dopo la sua pessima ultima stagione. Completano la panchina i giovani Tukmakov e Khabirov.

Le ali: Le due ali titolari sono Coty Clarke Anton Ponkrashov. Il primo è americano, proveniente da Arkansas, Rookie a livello di Euroleague. Ponkrashov invece è un veterano del campionato russo, nato e cresciuto nel settore giovanile del CSKA ha speso l’intera carriera in patria. Classe 1986, è un punto di riferimento sia in campo che nello spogliatoio. I principali cambi provenienti dalla panchina sono il greco Kostas Kaimakoglou, il più anziano della squadra, alla quinta stagione in maglia Unics e Pavel Antipov, che come Karpukhin arriva dallo Zenit con l’intento di rafforzare la panchina di Coach Pashutin.

I lunghi: Il croato Marko Banic è il centro titolare. Banic è un lungo versatile di 204cm, che prima di sbarcare in Russia ha giocato per molti anni a Bilbao, poi a Madrid sponda Estudiantes e infine all’Alba Berlino. Banic si giocherà il posto con il russo Artsiom Parakhouski , centro classico di 211cm con caratteristiche tecniche e fisiche differenti rispetto al croato. Parakhouski ha dimostrato nella sua carriera di avere mani educate e di saper segnare con costanza, garantendo quantità e qualità sotto canestro.

Pronostico BasketInside.com : Il budget è da grande squadra, ma vediamo molto dura una partecipazione al turno successivo per l’Unics Kazan. Campo casalingo sempre ostico, ma devono confermare di aver invertito il trend negativo che li ha visti “protagonisti” nelle ultime stagioni europee. Molto difficile, ma non impossibile il passaggio al secondo turno.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy