Euroleague QR- Cantù supera anche il Nymburk, è finale!

Euroleague QR- Cantù supera anche il Nymburk, è finale!

E’ un’ottima Cantù, che manda segnali positivi e convince, quella che s’impone nella semifinale del Q-Round ai danni del Cez Nymburk con il punteggio di 89-83. La squadra di Trinchieri compie così il proprio dovere, raggiungendo l’obiettivo fissato della finale in programma domani sera e che vedrà opposta alla formazione canturina a una tra Kazan e Le Mans. Grande prova di Pietro Aradori, che dopo una serata sottotono come quella di due giorni fa, disputa una gran partita da ben 19 punti finaliBene anche Jerry Smith, protagonista soprattutto nella prima parte dell’incontro. Cantù: Smith-Aradori-Markoishvili-Leunen-Cusin Nymburk: Abrams-Taylor-Benda-Necas-Palyza Portano la firma di Benda i primi due punti che danno il via alla contesa tra le due formazioni. A sbloccare la Mapooro arrivano i primi due sigilli ad opera di Cusin, ma è il canestro di Leunen a regalare alla squadra di coach Trinchieri il primo vantaggio di serata sul 6-5. Nymburk si dimostra però una formazione ben messa in campo e così mette in mostra buone cose grazie alla coppia Benda-Taylor. A svegliare Cantù ci pensa così Jerry Smith, con il numero otto in maglia canturina che in un amen piazza sette punti consecutivi che valgono il primo break di serata sul 16-10. Brooks e Aradori provano a spingere l’allungo sul finire di quarto ma Tapoutos prima e Taylor poi ricuciono il break firmando un 5-0 che riporta a soli tre punti di distacco la squadra ceca. In chiusura di quarto arrivano anche i primi tre punti di Mazzarino e così la Mapooro chiude avanti sul 23-17 i primi dieci minuti di gioco. Anche nel secondo quarto, è Cantù a partire con maggior convinzione firmando un parziale di 5-0 nel segno di Mazzarino e Brooks. La reazione del Nymburk è però immediata, con la solita coppia Benda-Taylor a punire la difesa brianzola: il primo grazie a un gioco da tre punti, il secondo con il solito movimento di fabbrica spalle a canestro che vale il meno due (28-26). Cantù continua a litigare con la via del canestro e così dopo tanto inseguire la squadra di Ginzburg mette il naso avanti, con Tapoutos che piazza cinque punti in rapida successione che valgono il 28-31. A fermare così il digiuno canturino serve così un bel canestro di Brooks, ma l’inerzia è ancora tutta per i bianco rossi che restano saldamente avanti (34-36) sospinti dal duo Taylor-Tapuoutos, entrambi già in doppia cifra dopo soli 18′ minuti. Si continua così sull’onda dell’equilibrio con Abrams e Tabu che puliscono le retine dalla lunga distanza con le due squadre che al riposo sono distanziate da un solo punto sul 43-44 in favore del Cez Nymburk. E’ Markoishvili dalla lunga distanza ad aprire la contesa tra le due formazioni nella ripresa. La risposta dei cechi arriva dalle mani del solito Taylor, ma Cantù resta comunque avanti grazie all’inchiodata di Cusin che vale il 50 a 47. Si prosegue così con le due squadre a rispondersi colpo su colpo con Taylor che continua il suo show offensivo salendo a quota sedici punti personali, mentre Cantù replica affidandosi al 2+1 di Smith e Aradori allungando fino al più cinque a tre minuti dal termine (59-54). La squadra di Trinchieri trova l’allungo nel finale di quarto, con Mazzarino e Leunen che regalano la doppia cifra di margine sul 68-57. E’ un fine quarto che esalta la formazione bianco blu, che nell’ultima frazione parte subito a razzo mettendo la freccia: tripla di Leunen, bomba di Mazzarino e in un amen il passivo tra le due squadre sale a diciassette punti di scarto, con coach Ginzburg obbligato al time out immediato. Neanche la pausa però rimette in careggiata la compagine ceca, con Tabu che trova agevolmente la via del canestro per il 77 a 59. Nel momento in cui la partita sembra ormai chiusa, arriva un timido tentativo di rientro ceco, con Abrams prima e Palyza poi a segno dai 6.75 per il 77-67 a meno di cinque minuti dal termine. E’ però un fuoco di paglia, perché Cantù trova la zampata decisiva poco dopo, prima con Brooks, bravo sottocanestro a trovare lo spazio necessario per depositare a canestro e poi con Cusin, che schiaccia il pallone che chiude i conti. Il finale serve solo per le statistiche, con Andrea Trinchieri che concede anche qualche minuto europeo ad Abass Awudu e Jakub Kudlacek e nonostante qualche brivido finale dettato da troppa sicurezza, Cantù vince l’incontro con il punteggio di 89-83. Mvp Basketinside.com: Aradori MAPOORO CANTU’-CEZ NYMBURK 89-83 Mapooro Cantù: Kudlacek, Abass, Smith 16, Markoishvili 8, Leunen 9, Mazzarino 8, Casella ne, Brooks 13, Tyus 2, Tabu 6, Aradori 19, Cusin 8. All: Trinchieri. CEZ Nymburk: Benda 6, Sokolovsky, Hruban 6, Abrams 16, Houska 2, Palyza 13, Necas, Taylor 16, Tapoutos 12, Naymick 12, Pavkovic, Pomikazek. All: Ginzburg.

Fotogallery a cura di Alessandro Vezzoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy