EuroLega 1° giornata: Il Baskonia espugna la Zalgirio Arena

EuroLega 1° giornata: Il Baskonia espugna la Zalgirio Arena

I baschi espugnano il parquet lituano grazie ad un’eccellente performance di squadra. Sono ben 5 i giocatori che finiranno con almeno 11 punti segnati per i rossoblu.

di Marco Novello

Dopo le parole di coach Martinez, rilasciate tramite il proprio profilo twitter, che avevano acceso la vigilia; Zalgiris Kaunas e Saski Baskonia si son fronteggiate sul rettangolo di gioco dando vita ad un match molto equilibrato risoltosi solo nelle battute finali grazie alle triple di Granger

ZALGIRIS KAUNAS-SASKI BASKONIA 79-87 (24-22, 15-20, 14-21, 26-24)

Nel primo quarto di gioco lituani e spagnoli pensano più a studiarsi che affondare colpi; Wolters è il più ispirato tra i padroni di casa, dall’altra parte della barricata Janning e l’ex Trento Shields tengono in piedi gli ospiti. Il secondo quarto di gioco non cambia il canovaccio tattico al match; Poirier e Huertas provano a dare un piccolo break di vantaggio ai viaggianti, Grigonis ed Ulanovas tengono i biancoverdi ad un solo possesso di distanza. Shengelia aggiorna il massimo vantaggio ospite sul +5, ma i liberi di Milaknis mandano le sfidanti negli spogliatoi con solo tre punti di scarto (39-42). Il terzo quarto è quello della svolta, prima i lituani impattano il match dapprima a quota 46 poi i baschi costruiscono la loro fuga. Il parziale di 15-3 costruito da Shields rifinito dal Poirier-Huertas e chiuso ancora dall’americano col numero 31 è il primo strappo all’interno di un match che fino a quel momento non aveva un vero e proprio padrone; Wolters e Milknis tentano di riportare la truppa di Kaunas sotto la doppia cifra di svantaggio ma alla sirena del 30′ il tabellone luminoso non è clemente coi padroni di casa recitando il parziale di Zalgiris 53-63 Saski Baskonia. Ad inizio dell’ultimo quarto di gioco i ragazzi allenati da Jasikevicius mettono in campo tutto il proprio orgoglio per riaprire la contesa; ma il Jolly pescato da Granger (tripla in precario equilibrio e sulla sirena dei 24″) è il colpo di grazia che tramortisce definitivamente i lituani. Con sette minuti ancora da giocare i baschi mettono al sicuro il risultato affidandosi alle loro due stelle, a.k.a. Granger e Shengelia, i padroni di casa invece provano a limitare il passivo per concedersi una sconfitta onorevole. Sconfitta preventivabile per Jasikevicius e soci, dopo aver stupito tutti nella passata campagna europea i lituani devono fare i conti con un roster del tutto nuovo o quasi. Pangos, play che dettava i tempi della squadra, è approdato in estate al Barcellona, Micic ha deciso di giocarsi le sue carte in Turchia sponda Anadolu mentre Toupane ha ceduto alle lusinghe del Pireo trasferendosi all’Olympiacos; difficile trovare sin dalla prima partita le giuste alchimie di squadra. Viceversa ottima la partita dei baschi; quest’anno i rossoblu tenteranno in tutti i modi di rientrare tra le prime quattro squadre del continente per potersi giocare le final 4 in casa propria vendendo cara la pelle e complicando più possibile la vita ai propri avversari più blasonati.

Zalgiris Kaunas: B. Davies 6, N. Wolters 19, T. Walkup 0, D. Sabeckis, L. Westermann 6, P. Jankunas 6, L. Birutis 7, A. Milaknis 12, A. White 7, M. Grigonis 7, E. Ulanovas 9, all. S. Jasikevicius.

Saski Baskonia: L. Vildoza 0, M. Gonzalez n.e., J. Voigtmann 2, M. Huertas 11, M. Janning 11, I. Diop 5, J. Granger 15, V. Poirier 8, T. Shengelia 12, P. Garino 2, S. Shields 14, D. Hillard 7, all. P. Martinez.

Credits photo: Twitter Saski Baskonia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy