EuroLega, 11° giornata: ultimo quarto fatale al Panathinaikos, il Fenerbahçe espugna OAKA

EuroLega, 11° giornata: ultimo quarto fatale al Panathinaikos, il Fenerbahçe espugna OAKA

Il Fenerbahçe, trainato dal duo Kalinic-Lauvergne e da un’ottima serata balistica, trova l’allungo decisivo nell’ultimo quarto e supera il Panathinaikos. 7° vittoria consecutiva in EuroLega per la squadra di Obradovic.

di Gabriele Leslie Giudice

PANATHINAIKOS 69-81 FENERBAHCE (12-18, 21-17, 19-21, 17-25)

Il Fenerbahçe trova la 10° vittoria della propria EuroLega espugnando Atene grazie a un ottimo ultimo quarto, in cui Kalinic (18 in 31′) e Lauvergne (16 in 27′) spingono i vice campioni d’Europa verso l’allungo decisivo. Decisivi nell’economia della partita sia le percentuali al tiro dei turchi (50% da 2 e ben il 61% da 3) che la supremazia sotto le plance, che vede un Panathinaikos piuttosto spento perdere il confronto 25-36. Rinforza il primato in classifica il Fenerbahçe, mentre la sconfitta relega il Panathinaikos al 9° posto, alle spalle dello Zalgiris Kaunas.

Il Fenerbahce graffia subito trovando il 5-0 con la tripla di Green, il Panathinaikos risponde con un Antetokounmpo molto attivo ma continua a rincorrere incassando la tripla di Sloukas (6-13), ben servito da Vesely, autore di 7 dei primi 10 punti degli ospiti. 5 punti consecutivi di Melli danno al Fenerbahce il massimo vantaggio (10-18), il Panathinaikos reagisce affidandosi a Pappas, che con 5 punti in un amen avvicina i suoi, ufficialmente a un possesso dalla parità con i liberi di Mitoglou (18-20) in un momento della partita offensivamente assai sterile. Lojeski impatta a 24 il Fenerbahce colpendo ancora dalla lunetta, mentre negli ultimi possessi del secondo quarto gli uomini di Obradovic si sciolgono e martellano per ben 3 volte dall’arco – 2 ad opera di Kalinic, 1 di Lauvergne – la difesa del Panathinaikos, che va al riposo sotto di 4 lunghezze, sul 31-35. 4 punti di un Lauvergne molto produttivo (16 punti in 27′ finali) spezzano il ritrovato equilibrio dando al Fenerbahce il +7 (39-46), Calathes reagisce concentrando i primi e migliori acuti della sua serata al minuto 26, che il play greco condisce con 8 punti, buoni per rimettere a un punto i greens (47-48). Muhammed e Lauvergne colpiscono oltre l’arco riportando il Fenerbahce a +4 (52-56), Pappas replica con la stessa moneta tenendo invariato il gap (57-61) a 7′ dall’ultima sirena. Con le triple di Sloukas e Kalinic i vice campioni d’Europa provano a scappare (61-69), Calathes prova a prendere per mano i suoi riportandoli a -7, ma l’inerzia è nelle mani del Fenerbahce, che spinge sull’acceleratore e chiude la partita, toccando anche il +13 (63-76) a 1’54” dall’ultima sirena, con l’1\2 dalla lunetta di Vesely. La tripla di Sloukas aggiorna il massimo vantaggio a +16, a Lojeski e Pappas solo la possibilità di limare il passivo. Il Fenerbahce espugna OAKA.

PANATHINAIKOS: Thomas 7, Langford 4, Pappas 13, Gist 4, Vougoiukas 4, Lekavicius 2, Lojeski 13, Calathes 14, Antetokounmpo 4, Mitoglou 4.

FENERBAHCE: Green 3, Melli 5, Kalinic 18, Sloukas 9, Guduric 7, Vesely 15, Muhammed 3, Datome 5, Lauvergne 16.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy