EuroLega, 15° giornata: un Bayern coriaceo batte Buducnost ed è sesto. Zalgris fermata da Gran Canaria

EuroLega, 15° giornata: un Bayern coriaceo batte Buducnost ed è sesto. Zalgris fermata da Gran Canaria

Nelle due sfide che chiudono il 15esimo turno di EuroLega i tedeschi colgono un importante successo in chiave playoff. Gran Canaria rilancia la sua corsa battendo in casa lo Zalgris.

di Fabio Rusconi

Ecco i recap delle due partite che hanno chiuso la 15ma giornata di EuroLega.

FC BAYERN MONACO VS BUDUCNOST VOLI PODGORICA 93-88 (14-21; 38-49; 65-70)

Si butta via il Buducnost, che all’Audi Dome gioca una buona partita ma si vede superata da un Bayern arcigno, capace di non mollare nella difficoltà e di colpire quando ce n’è più bisogno. Successo importante per i tedeschi, che distanziano così Milano, Baskonia, Panathinaikos e Zalgris: ora sono sesti, in coabitazione con il Barcelona.

L’inizio è in forte equilibrio e a metà primo quarto le due squadre sono pari (10-10 al 5′). Gordic e Omic si scatenano per il primo parziale ospite di 7-0 con cui i kosovari vanno avanti di 7 punti a fine primo quarto 14-21). Il Bayern accorcia in apertura di seconda frazione con un break 4-0 per riportarsi a -3, ma il Buducnost è in palla e, spinto da Nikolic e Bitadze, firma il 10-0 che fissa il massimo vantaggio a +13 (18-31 al 15′). I tedeschi provano a affidarsi a Williams ma dalla panchina ospite si alza Norris Cole: l’ex Avellino (il migliore dei suoi con 27 punti al termine) è determinante nell’allargare la forbice del gap fino a 17 lunghezze (25-42 al 18′). Lucic suona la carica per i suoi, aiutando i compagni a limitare i danni e andando al riposo lungo sotto di 11 (38-49). I viaggianti riprendono da dove avevano lasciato nella ripresa, riportandosi a +16 in apertura di terzo quarto. Ma il Bayern non ci sta: Lucic (tra i migliori dei suoi) e Dedovic ispirano l’8-0 con cui i tedeschi rientrano prepotentemente in partita. Il Buducnost prova la reazione ma deve fare i conti con la vena realizzativa di Williams, oltre che con la stretta delle maglie difensive locali: i tedeschi si riportano così a contatto a fine terzo quarto (65-70, dopo essere stati anche sotto di soli due punti). Gordic prova a scuotere i suoi ma la bomba di Williams dà il primo vantaggio al Bayern dall’inizio della partita. Podgorica è alle corde, e viene spesso punita dal pick&pop con cui i tedeschi fanno cadere una pioggia di triple sugli ospiti: prima Amaize, poi Barthel, per il massimo vantaggio Bayern (81-76 al 34′), ritoccato poco dopo a +7 dai due punti di Barthel. Il timeout di Dzikic risolve la situazione almeno in difesa, e il Buducnost si riporta a -3 a 2′ dalla fine grazie a un 4/4 in lunetta. E’ però solamente un fuoco di paglia: prima Barthel fa 2/2 in lunetta dopo un antisportivo a Gordi, e poi Dedovic con un “and-one” fanno scorrere i titoli di coda sulla sfida. Il finale: 93-88.

MONACO: Lo 2, Lucic 11, Radosevic 9, Dedovic 10, Barthel 12 (Williams 21, Dangubic 9, Koponen 2, Hobbs 14, Ogunsipe 0, Amaize 3, King n.e.). All: Radonjic

PODGORICA: Gordic 10, Jackson 4, Sehovic 2, Clarke 8, Omic 6 (Cole 27, Clarke 2, Popovic 3, Nikolic 8, Bell 0, Bitadze 17, Barovic n.e.). All: Dzikic

MVP BASKETINSIDE: Derrick Williams

HERBALIFE GRAN CANARIA VS ZALGRIS KAUNAS 73-66 (20-17; 36-26; 57-50)

48906476_1974109986018657_6677711432655568896_n

Battuta d’arresto nel cammino dello Zalgris. I ragazzi di Jasikievicius non sono brillanti e cedono il passo a Gran Canaria. Davanti al proprio pubblico, i ragazzi di Garcia giocano una partita di grande sacrificio e disciplina in difesa, portando a casa una vittoria meritata che rilancia i gialloblù in chiave playoff.

Match che vede una partenza in cui le compagini tengono bene in difesa e rispondono colpo su colpo agli attacchi avversari, che faticano a trovare punti da entrambe le parti. Partono forte i gialloblu di casa, con un 12-4 che costringe Jasikievicius a fermare il gioco. Lo Zalgris reagisce, con Walton Jr e Birutis che hanno un buon impatto dalla panchina: i lituani ritrovano così la parità poco prima della sirena di fine primo quarto (16-16 all’8′), che arriva con l’Herbalife avanti di 3 (20-17). Bene la difesa locale, che cresce ancora nel secondo tempino, quest’ultimo caratterizzato ancora da una scarsa produzione offensiva. Gli ospiti riescono comunque a mettere anche il naso avanti al 15′ (22-24), ma vengono immediatamente riacciuffati dal canestro di Fischer, che dà il là al parziale 14-2 con cui Gran Canaria prova la fuga prima dell’intervallo (36-26 al 20′), aiutata anche dalla sterilità offensiva dei ragazzi di Jasikievicius. La tripla di Milaknis in avvio di terzo quarto dà speranze allo Zalgris, che deve però subire un nuovo break di 10-0 da parte degli uomini di Garcia, che si ritrovano avanti a metà terza frazione (46-29 al 15′). A scavare il solco è uno scatenato Rabaseda, che da oltre l’arco punisce le scelte difensive dei lituani. Lo Zalgris prova a ricompattarsi ma passa minuti di grande fatica in attacco, riuscendo a risalire solamente negli ultimi 2′ del penultimo quarto, quando un parziale di 10-1 ispirato da Walton Jr e Davies fa passare i lituani da -16 a -7, divario con cui si entra nell’ultimo periodo di gioco (57-50). Lo Zalgris ora ci crede e si riporta a -5 con il canestro firmato dal solito Milaknis (tra i più positivi degli ospiti). Gran Canaria è brava a coprire in difesa, a ruotare ed aiutare, e a concedere poco spazio alle iniziatie biancoverdi, che ritornano nei già evidenziati problemi a muovere il tabellino, segnando solamente 5 punti nei successivi 5′. Anche gli spagnoli faticano a trovare il fondo della retina, non riuscendo a scappare via in maniera risolutiva (65-57 al 36′). Negli ultimi minuti di grande tensione i canestri si vedono con il contagocce, ma il trio Walton JrWhiteMilaknis riporta lo Zagris a -3 al 39′ (69-66). Gli ospiti hanno anche l’opportunità di pareggiare ma la sprecano facendosi rubare la sfera da Oliver, che dalla lunetta chiude la contesa. 73-66 il verdetto finale.

GRAN CANARIA: Oliver 10, Strawberry 6, Rabaseda 15, Baez 10, Balvin 12 (Tillie 4, Vene 2, Fischer 6, Pauli 4, Pasecniks 2, Eriksson 7, Balcerovski n.e.). All: Garcia

ZALGRIS: Wolters 2, Milaknis 13, Walkup 2, White 6, Davies 11 (Birutis 8, Jokubaitis 2, Grigonis 9, Ulanovas 2, Walton Jr. 11, Venskus 0, Uleckas n.e.). All: Jasikievicius

MVP BASKETINSIDE: Xavier Rabaseda

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy