EuroLega, 29° giornata: Il Fenerbahce espugna il campo del Khimki

EuroLega, 29° giornata: Il Fenerbahce espugna il campo del Khimki

Partita davvero intensa per due quarti, poi i turchi mettono la freccia nel terzo parziale guidati da un ottimo Nicolò Melli.

di Marco Novello

Partita equilibrata per venti minuti, poi quando bisogna vincerla non ce n’è per nessuno ed il Fenerbahce si porta così a casa il ventunesimo referto rosa di questa stagione. Il terzo periodo è quello della svolta, una gran difesa unita a percentuali migliori dall’arco scavano il solco decisivo nella sfida; a nulla è valso lo sfogo finale del Khimki che ad un minuto e mezzo dalla fine si era riportato a -7, i liberi del nostro Melli chiudono definitivamente la contesa in favore degli ospiti.

QUINTETTO KHIMKI MOSCA: Shved, Vialtsev, Markovic, Gill, Thomas

QUINTETTO FENERBAHCE DOGUS: Melli, Wanamaker, Nunnally, Kalinic, Duverioglu

Il match comincia subito a mille all’ora col Fenerbahce perfetto dal campo; Melli, Kalinic e Wanamaker mettono a segno il 7-0 di break iniziale, a cui il Khimki replica immediatamente con un 8-0 di contro parziale (8-7 a 4’30” dal termine). Nunnally firma la bomba del contro sorpasso, Gill però non sta a guardare e risponde con la stessa moneta (11-10). Thomas e Shved aggiornano il massimo vantaggio dei padroni di casa sul 16-11 che causa l’immediato time-out di un furioso Obradovic. Manco a dirlo il minuto di sospensione da i suoi frutti con le maglie difensive ospiti che tornano a chiudersi ottimamente e l’attacco che funziona come un orologio svizzero; Datome, Nunnally e Sloukas refertano il 9-2 di break finale che permette al Fener di chiudere avanti le prime ostilità sul 20-18.

Thompson apre il secondo quarto col cesto del +4 ospite; Robinson ed il solito Shved ribaltano l’inerzia dell’incontro con un 5-0 per il 23-22 Khimki. La partita, dopo il nuovo sorpasso dei padroni di casa, entra in una fase di stallo in cui né i gialloblu russi né quelli turchi riescono a prendere un vantaggio considerevole. Melli dalla linea della carità firma il nuovo +2 per i viaggianti, Gill negli altri 15 metri mette a segno un gioco da tre mantenendo questa altalena nel punteggio (28-27). L’incontro è davvero entusiasmante, ad un canestro dei padroni di casa segue l’immediata replica dei campioni uscenti fino alla tripla di Zaytsev che fa alterare nuovamente il coach serbo costringendolo al secondo minuto di questa partita. Non serve essere ripetitivi, il copione è sempre il solito di quello visto nella prima frazione; i turchi tornano a piegarsi sulle ginocchia in difesa, passarsi la palla in attacco e giocoforza è servito il contro sorpasso ai danni dei padroni di casa grazie al centro di Datome. Il canestro a fil di sirena di Jenkins manda le sfidanti al riposo lungo sul punteggio di 38-37.

Terzo periodo riparte col botta-risposta Melli, Thomas che lascia però inalterato il gap tra le contendenti. La tripla di Vialtsev consegna il +2 ai russi; l’asse italiano Datome-Melli però funziona alla perfezione e l’ottavo punto dell’emiliano impatta nuovamente la sfida (43-43). Cinque punti consecutivi di Dixon danno il là alla mini fuga del Fener, vantaggio rimpinguato dai liberi da Wanamaker (46-50). Shved e Zaytsev con due siluri dalla lunga, inframezzati dal cesto di Wananmaker, rimettono in parità il match; ma i viaggi dalla lunetta di Sloukas, Wanamaker e Melli lanciano la fuga dei viaggianti che si ritrovano avanti alla sirena del 30’ sul 53-59.

Il 5-0 ospite alza il sipario sul quarto ed ultimo quarto; ora i turchi sono saldamente al comando con ben 11 lunghezze di vantaggio sui gialloblu russi (53-64). La tripla di un indemoniato Dixon sembra dare lo strappo decisivo all’incontro con la banda Obradovic avanti ora di 12 punti (55-67); i russi provano a ridurre il margine con il cesto di Zaytsev, ma i dieci punti ancora da recuperare a 7 minuti dalla fine sembrano ormai troppi. Datome e la gran difesa dei viaggianti mettono il punto esclamativo sulla ventunesima vittoria dei campioni uscenti in questa edizione dell’EuroLega che consolida così la seconda posizione della banda Obradovic. Ai russi non basta il solito monumentale Shved autore di una prestazione da 19 punti ed 8 assist. Risultato finale Khimki Mosca 64–73 Fenerbahce Dogus

MVP Basketinside.com: Nicolò Melli. Il lungo reggiano è assoluto protagonista della vittoria turca in quel di Mosca. Doppia doppia davvero solida con 12 punti e 10 rimbalzi, ma gli altri dati che saltano subito all’occhio della sua partita sono l’8/8 dalla linea della carità, i sei falli subiti e le due preziosissime palle recuperate.

KHIMKI MOSCA 64–73 FENERBAHCE DOGUS (18-20, 20-17, 15-22, 11-14)

Khimki Mosca: T. Robinson 4 (2/6 da 2, 0/0 da 3, 0/2 tl), A. Shved 19 (1/4 da 2, 5/9 da 3, 2/4 tl), E. Vialtsev 3 (0/1 da 2, 1/4 da 3, 0/1 tl), R. Pateev n.e, V. Zaytsev 8 (1/ 3da 2, 2/5 da 3, 0/0 tl), S. Markovic 0 (0/4 da 2, 0/3 da 3, 0/0 tl), S. Monya 0 (0/0 da 2, 0/1 da 3, 0/0 tl), A. Gill 12 (2/4 da 2, 2/4 da 3, 2/2 tl), C. Jenkins 8 (2/2 da 2, 1/2 da 3, 1/2 tl), M. Thomas 10 (4/6 da 2, 0/1 da 3, 2/2 tl), all. G. Bartzokas

Fenerbahce Dogus: J. Thompson 7 (2/3 da 2, 0/0 da 3, 3/4 tl), N. Melli 12 (2/4 da 2, 0/0 da 3, 8/8 tl), M. Mahmutoglu n.e., B. Wanamaker 14 (3/4 da 2, 1/4 da 3, 5/6 tl), K. Sloukas 11 (1/3 da 2, 2/5 da 3, 3/3 tl), J. Nunnally 12 (2/5 da 2, 2/4 da 3, 2/2 tl), M. Guduric 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), S. Guler n.e., N. Kalinic 2 (1/3 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), A. Muhammed 8 (1/2 da 2, 2/4 da 3, 0/0 tl), A. Duverioglu 1 (0/3 da 2, 0/0 da 3, 1/4 tl), L. Datome 6 (3/6 da 2, 0/3 da 3, 0/0 tl), all. Z. Obradovic.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy