EuroLega, 30° giornata: l’Olympiacos saluta la competizione con una vittoria

EuroLega, 30° giornata: l’Olympiacos saluta la competizione con una vittoria

I ragazzi di Blatt si congedano dal massimo torneo europeo con una vittoria ai danni del Darussafaka che chiude ultimo questa regular season.

di Marco Novello

Ultimo turno di regular season per quest’edizione dell’EuroLega; al Pireo si sfidano i padroni di casa dell’Olympiacos e gli ospiti del Darussafaka, in una partita che ai fini della classifica vale poco se non nulla. Sia i greci che i turchi, infatti, sono già matematicamente fuori; ma se per i neroverdi l’esclusione dalle magnifiche otto alla vigilia era preventivabile; a far notizia è indubbiamente la mancanza dei biancorossi tra le prime squadre del vecchio continente.

QUINTETTO BASE OLYMPIACOS: Milutinov, Papanikolaou, Weber, Williams-Goss, Printezis

QUINTETTO BASE DARUSSAFAKA: Kidd, Ozdemiroglu, Douglas, Evans. Eric

Primo periodo dai ritmi alti; le due formazioni si vogliono congedare bene dalla manifestazione ed offrono un piacevole spettacolo al pubblico presente questa sera. Eric apre le danze al match coi primi punti dei viaggianti; Weber risponde prontamente per i padroni di casa; gli attacchi si fanno decisamente preferire quindi a delle difese decisamente distratte e poco attente. Eric e Kidd sono le principali bocche da fuoco per i turchi che a metà della prima frazione provano a dare la prima scossa al match mettendo due possessi di vantaggio tra loro e gli avversari (8-13). I biancorossi tuttavia vorrebbero terminare con una vittoria questa campagna europea e non dare quindi un ulteriore dispiacere ai propri tifosi; Milutinov, Leday e Papanikolaou si caricano quindi il peso dell’attacco del team ateniese sulle loro spalle mettendo a referto un break di 8 a 0 che ribalta momentaneamente l’inerzia dell’incontro (16-13). Quando il vento pare soffiare tutto a favore dei greci ecco che esce il Darussafaka; i ragazzi di Ernak stringono le proprie maglie difensive contestando tutti i tiri dell’Oly mentre l’attacco risulta essere più fluido coi neroverdi che si passano di più la palla creandosi tiri aperti o ad alta realizzazione di conseguenza nasce così il contro break di 10 a 1 con cui gli ospiti si riappropriano della leadership della partita (17-23). I centri di Savas e la tripla di Kidd rimpinguano il bottino del Darussafaka, il canestro finale, invece, di Mantzaris serve per mandare le due squadre al riposo sul punteggio di 20 a 28.

Il secondo quarto ha un copione radicalmente diverso rispetto a quello proposto dai primi 10 minuti di gara. Nella prima metà i cesti di Kidd, Baygul e Ozmizrak dilatano ulteriormente la forbice tra greci e turchi (24-35); ma una volta toccato il fondo non si può che risalire e così fanno i padroni di casa. Dopo aver preso le misure alla difesa avversaria, Printezis guida i suoi compagni verso una difficile rimonta (29-37). I neroverdi non sono venuti per fare i semplici “sparring partner” e tentano di rispondere colpo su colpo grazie agli acuti di Douglas e Demir. Proprio quest’ultimo, dopo aver segnato la tripla del momentaneo +9 (33-42), è costretto a lasciare il campo causa infortunio alla caviglia stando fuori parecchi minuti per poi far ritorno sul parquet soltanto nel finale a gara praticamente conclusa. Nonostante la scarsa precisione dal campo, i biancorossi riducono le distanze dagli avversari grazie ai continui viaggi in lunetta, Williams-Goss e LeDay sono glaciali dalla linea della carità, Milutinov poi fa valere la propria stazza sotto le plance ed ecco che la partita improvvisamente si riapre (41-44). L’emorragia offensiva degli ospiti persiste e la difesa non è più impermeabile come quella ammirata nel primo quarto e quindi i ragazzi di Blatt ne approfittano; LeDay ancora dai liberi firma il -1 e Toupane poi, poco prima del suono della sirena, mette a segno il canestro che vale il nuovo vantaggio Oly. Al rientro negli spogliatoi il tabellone luminoso recita il punteggio di Olympiacos 45-44 Darussafaka.

La ripresa non ha letteralmente storia; i biancorossi pigiano subito sul pedale dell’acceleratore distanziandosi dai neroverdi che, invece, rimangono al palo. Papanikolaou, LeDay e Williams-Goss trascinano l’Oly sul +10; Ernak quindi prova a bloccare il ritmo dei padroni di casa chiamando un time-out. Inizialmente il minuto di sospensione ha l’effetto sperato, i turchi riducono il gap fino a due possessi grazie al canestro di Evans; ma i due veterani Papanikolaou e Printezis risistemano il vantaggio dei biancorossi sulla doppia cifra di vantaggio aprendo e chiudendo un parziale di 12 a 2 che vede il numero 15 ed il numero 16 come protagonisti. I neroverdi provano a rialzarsi dopo aver subito questa tremenda mazzata; ma la poca lucidità dei turchi non aiuta anzi Williams-Goss rintuzza il vantaggio che alla penultima sirena è di addirittura 19 punti (75-56).

Il quarto ed ultimo quarto è pura accademia, il risultato non è più in discussione tanto che gli allenatori, oltre a dare ampio respiro alle rotazioni, provano diversi quintetti variando quindi situazioni di gioco. In campo si assistono a parecchie giocate spettacolari; le difese, difatti, hanno tirato i remi ampiamente in barca lasciando spazio a parecchi contropiedi nel finale con relativi show sopra il ferro. La partita termina quindi con la vittoria dell’Olympiacos per 99 a 74 che chiude questa edizione di EuroLega con uno score di 15 vittorie e 15 sconfitte, ma a penalizzarlo son gli scontri diretti con lo Zalgiris che ha visto prevalere in entrambi i casi i lituani che hanno chiuso quindi ottavi. Per il Darussafaka il ritorno nella massima competizione europea non è stato dei più rosei; la truppa di Istanbul chiude all’ultimo posto la competizione con uno score di 5 vittorie e 25 sconfitte.

MVP BASKETINSIDE.COM: Nikola Milutinov. Il centro serbo è un vero fattore sotto le plance mettendo continuamente in crisi il reparto dei lunghi della squadra allenata da Ernak. L’ex Partizan chiude la sua partita, infatti, con 16 punti (7/11 da due) e 6 rimbalzi catturati per un 26 finale di valutazione.

OLYMPIACOS 99-74 DARUSSAFAKA (20-28, 25-16, 30-12, 24-18)

Olympiacos: Weber 13, Williams-Goss 18, Toupane 4, Milutinov 16, Vezenkov 4, Printezis 11, Papanikolaou 11, Mantzaris 3, Pokusevski 0, Agravanis 3, Bogris 0, LeDay 16, all. Blatt.

Darussafaka: Ozmizrak 8, Baygul 9, Kosut 4, Demir 12, Kidd 10, Ozdemiroglu 0, Savas 5, Douglas 6, Peiners n.e., Diebler 0, Evans 11, Eric 9, all. Ernak.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy