EuroLega: altro finale beffa per il Bamberg, il Crvena Zvezda espugna la Brose Arena

EuroLega: altro finale beffa per il Bamberg, il Crvena Zvezda espugna la Brose Arena

Il Crvena Zvezda conquista la Brose Arena approfittando delle distrazioni avversarie. Il Bamberg spreca troppo e paga un ultimo possesso non giocato al meglio

Commenta per primo!

Brose Bamberg – Crvena Zvezda  78 – 79 (14-11; 15-27; 32-20; 17-21)

Arbitri: Christodoulou (Grecia), Mogulkoc (Turchia, Silva (Portogallo).

Bamberg: Causeur 7, Melli 16, Zisis 11, Nikolic, Staiger 9, Theis 2, Lo, Strelnieks 12, Miller 14, Kratzer, Heckmann 2, Radosevic 5. All. Trinchieri.

Crvena Zvezda: Wolters, Dangubic, Mitrovic, Lazic 3, Simanic, Dobric, Simonovic 17, Jenkins 10, Guduric 11, Jovic 12, Kuzmic 8, Bjelica 18. All. Radonjic.

Quintetti
Bamberg: Causeur, Melli, Zisis, Staiger, Radosevic.
Crvena Zvezda: Dangubic, Mitrovic, Jenkins, Jovic, Kuzmic.

Il Crvena Zvezda conquista la Brose Arena approfittando delle distrazioni avversarie. Le squadre si sono equilibrate per tutta la gara ma nell’ultimo periodo il Bamberg ha avuto diverse volte la possibilità di allungare o comunque di creare un piccolo margine sui rivali. Alcune forzature offensive e leggerezze difensive hanno tenuto a galla i serbi, abili a restare incollati e superare poi con Jenkins a 24” dal termine. Sul finale Miller è andato per l’uno contro uno ma la difesa del Crvena Zvezda non ha lasciato spazio decretando così un altro finale beffa per i tedeschi e un grande risultato per i serbi.

Il Bamberg è micidiale in partenza. Steiger con due triple e Causeur in contropiede piazzano un break bruciante, Jenkins fa timidamente 1 su 2 dalla lunetta e coach Radonjic è subito costretto a chiamare time out per cercare di recuperare dal 8 a 1 avversario. Kuzmic guida la risposta ospite fino al -1, si continua a giocare a ritmi alti ma entrambe le squadre sbagliano molto e per due minuti nessuno va a referto. Sul finire di frazione i tedeschi riprendono ad attaccare bene il ferro e chiudono avanti 14 a 11.
Il secondo periodo si apre con il sorpasso del Crvena Zvezda. Jenkins impatta dalla massima distanza, Miller in arresto e tiro va a canestro ma Bjelica prima dalla linea della carità fa 1 su 2 e sul recupero successivo va ad appoggiare in lay up il primo vantaggio ospite della serata, 17-16. Le squadre corrono appaiate e danno vita ad un match piacevole seppur spigoloso. I serbi hanno un’altra fiammata intorno a metà frazione e si portano sul +5 grazie ai canestri di Jovic e Simonovic. E’ lo stesso Simonovic ad infilare la bomba del nuovo massimo vantaggio, Melli non ci sta e risponde con la stessa moneta mantenendo il gap invariato. Il Bamberg insiste molto con i tiri dalla distanza, complice la difesa avversaria, e non riesce a trovare agevolmente la via del canestro tanto che la Stella Rossa ne approfitta e allunga. I serbi toccano il +11 con Lazic dalla lunetta, Miller sull’ultimo possesso accorcia e si va al riposo con il Crvena Zvezda avanti 38 a 29.

Radosevic e Miller riprendono le danze per il Bamberg e riaprono subito il match. Jovic segna da tre punti una bomba che potrebbe spezzare le gambe ai tedeschi ma Melli è caldissimo e va a segno dalla linea dei 6 e 75 per tre volte consecutive riportando il punteggio in parità dopo 5’ di gioco nella terza frazione. I tedeschi spostano l’inerzia del match a proprio favore sempre grazie all’italiano e a Zisis che mette a referto un gioco da tre punti. I serbi sono duri a morire e rimangono incollati grazie ad un super Simonovic che trascina i suoi alla parità. Sugli ultimi possessi però i tedeschi sono più lucidi e chiudono la terza frazione avanti 61 a 58.
Ad inizio ultimo periodo la musica non cambia. Tripla di Guduric, bomba di Strelnieks, Jovic ancora dalla massima distanza e squadre di nuovo pari. Il Bamberg ha più volte la possibilità di prendere buon margine ma non concretizza e si ritrova a 3’ e 30’’ dalla fine sotto di 1 punto con Lazic che, su rimessa da fondo, viene sorprendentemente lasciato libero di appoggiare il canestro del sorpasso. Il finale thrilling è caratterizzato dalla tensione e si alternano ottime giocate a black out incredibili da ambo i lati. Il Bamberg dopo aver rimesso il naso avanti si dimentica Jenkins solo in contropiede, il Crvena Zvezda va sul +1 a 24’’ dalla fine e coach Trinchieri chiama time out per l’ultimo possesso. Miller si gioca l’uno contro uno con caparbietà, tenendo ferma la palla e andando a favorire la difesa avversaria che riesce a chiudere tutti gli spiragli costringendo la guardia dei tedeschi all’errore. Vittoria Stella Rossa e altro finale beffa per il Bamberg. Finisce 79 a 78.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy