EUROLEGA, GIR. A: Real vincente di carattere contro il Bayern

EUROLEGA, GIR. A: Real vincente di carattere contro il Bayern

REAL MADRID – BAYERN MONACO (33-20; 51-51;73-81)

Nel calcio questa sarebbe stata una sfida di cartello della Champions League che avrebbe contato milioni di spettatori in tutto il mondo, ma nella pallacanestro è la sfida tra i campioni di tutto ed una delle possibili outsider del girone. Il Bayern ha accarezzato a lungo il sogno di conquistare la vittoria, ma un finale caratterizzato dal talento di Llull e Carroll e la spinta del tifo madrileno ha impedito che il Real perdesse la terza partita di questa Eurolega. Per il Bayern ottime prove di Renfroe e Rivers.

LA CRONACA – L’avvio di partita è tutto di marca madrileno, infatti, i campioni d’Europa mettono a segno un parziale di 8-2 propiziato dai lunghi Reyes ed Ayon. La panchina bavarese tenta la carta del timeout per evitare che gli avversari scappino via, ma la sospensione non porta grandi dividenti, infatti, il Bayern al ritorno in campo non trova continuità in attacco e continua a subire il talento di Fernandez e Reyes. Nel finale di quarto Gavel e Savanovic portano gli ospiti a nove punti di svantaggio (25-16), ma un altro parziale del Real fissa il punteggio a fine primo quarto sul 33-20.
Bryant apre le marcature del secondo quarto ed i passi di Rodriguez danno nuovamente la possibilità ai bavaresi di tornare sotto la doppia cifra di svantaggio, opportunità che il Bayern sfrutta portandosì nuovamente a -9 sul 33-24. Il Real Madrid non vive una fase di partita troppo fortunata dal punto di vista offensivo ed il 2/2 dalla lunetta di Renfroe vale il -8 sul 33-26. Carroll da tre punti da ossigeno ai suoi, ma il Bayern è sempre lì a rispondere colpo su colpo e così coach Laso decide di parlarci su. Dopo il timeout, segna ancora Carroll dall’arco, ma Renfroe ripaga subito della stessa moneta e lo scarto resta sempre di sei punti (39-33). Il punteggio resta sul 39-33 per qualche possesso, fino a quando Carroll non decide che servono tre punti per smuovere il risultato. Di nuovo Fernandez e Reyes cominciano ad imperversare nella metà campo tedesca, ma ciò non impedisce agli avversari di restare lì ai fatidici sei punti di ritardo. Nel finale di quarto il Bayern è capace di portarsi fino al -3 (47-44), spaventando i campioni di tutto che subiscono la tripla di KC Rivers sulla sirena che fissa il punteggio a fine tempo sul 51-51.
Il Bayern Monaco dalla lunetta trova il primo vantaggio della partita ad inizio secondo tempo ma Llull riporta subito il punteggio in parità. La partita in questa fase resta sempre i equilibrio, infatti, non c’è la reazione veemente del Real che ci si attendeva. Rivers è una spina nel fianco della difesa della sua ex squadra e con la tripla di Dedovic il Bayern raggiunge il suo massimo vantaggio sul +4 (68-64). Il Bayern è inarrestabile da tre punti e lavora bene in difesa e ciò gli permette di trovare il +9 sul 76-67, costringendo Laso a chiedere timeout. La doppia cifra di vantaggio del Bayern arriva al ritorno in campo grazie alla schiacciata di Thompson (78-67). Alla fine del terzo quarto il Bayern conduce per 81-73.

L’intensità della partita ed il tifo dei supporters madrileni crescono ad inizio quarto quarto, ma lo scarto resta sostanzialmente invariato poiché il Real fa fatica a far valere la propria superiorità tecnica. Non si segna con continuità e quando si smuove la retina lo si fa principalmente dalla lunetta ed ovviamente ciò va a tutto vantaggio del Bayern che vede il suo vantaggio oscillare sempre trai sei ed i dieci punti fino alla tripla di Llull a 3’ dalla fine che porta il Real a -5 sul 93-88. Il Bayern sta vivendo una discreta serata dall’arco dei 6,75 m e con Djedovic mette la bomba del nuovo +8. Il Real non è morto e la tripla del -4 (96-92) di Rudy Fernandez a 2’ e 15’’ dalla sirena finale smussa la paura di tutto il palazzo. Llull prima sbaglia in contropiede, ma all’azione successiva realizza il canestro del -2 (96-94). La difesa del Real è ora un muro invalicabile, il 2/2 di Reyes dalla lunetta permette ai padroni di casa di pareggiare a quota 96 ad 1’ e 9’’ dalla fine. Ayon stoppa Savanovic e va a canestro dall’altra parte portando i suoi in vantaggio prima della tripla di Renfroe che riporta i bavaresi a +1 sul 99-98. Dopo un timeout Carroll mette la tripla del 101-99 e conquista la vittoria finale.

MVP Basketinside: Carroll, cecchino da tre ed eroe della partita con la sua tripla finale.

Real Madrid: Fernandez 20, Reyes 20, Llull 18

Bayern Monaco: Djedovic 22, Renfroe 21, Rivers 15

CLASSIFICA

Khimki 3-1

Fenerbahce 2-1

Real Madrid 2-2

Bayern Monaco 2-2

Stella Rossa 1-2

Strasburgo 1-3

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy