EUROLEGA, GIR. B: Bourousis show, il Baskonia piega l’Olympiacos all’overtime

EUROLEGA, GIR. B: Bourousis show, il Baskonia piega l’Olympiacos all’overtime

Commenta per primo!
libertaddigital.com

LABORAL KUTXA 96 – 89 (OT) OLYMPIACOS (21-18; 48-39; 69-63; 80-80)

Seconda giornata del Girone B di Eurolega e Laboral Kutxa che ospita a Vitoria i vice-campioni d’Europa dell’Olympiacos. Nella prima giornata la squadra spagnola ha ceduto all’EA7 Milano dopo un match combattutissimo mentre l’Olympiacos ha sfruttato il fattore campo per superare facilmente il Cedevita. Alla Fernando Buesa Arena ci sono 10826 spettatori pronti a godersi un grande spettacolo. Tra gli arbitri anche l’italo-turco Tolga Sahin.

Starting Five

Laboral: Adams, Tillie, Planinic, Causeur, Hanga

Olympiacos: Spanoulis, Mantzaris, Printezis, Stawberry, Young

Cronaca: Nella fase iniziale del match le squadre si studiano e gli attacchi sono piuttosto sterili. A muovere il match ci prova per primo l’Olympiacos con una  buona penetrazione di spanoulis e con un contropiede finalizzato da Strawberry ben servito dal numero 7 biancorosso. Per il Laboral, però, segnano Causuer e Hanga e a metà primo quarto le squadre sono in parità sul 11-11. Nella seconda parte del primo quarto inizia anche la partita di Daniel Hackett che ruba subito palla in un’azione chiusa dai 2 punti di Young. In chiusura di quarto show di Mike James che realizza 5 punti in un amen e permette al Laboral di chiudere in vantaggio il primo quarto sul 21-18. Nel secondo quarto Kangur e Bourousis completano il break spagnolo (11-0) e costringono l’Olympiacos al time out. Nell’azione successiva si sveglia Daniel Hackett che segna e subisce fallo ma sbaglia il libero. Il Laboral si ritrova dunque sul +9 con la tripla in campo aperto di Corbacho. Printezis e Spanoulis provano a riportare nel match i greci ma Bourousis e Adams tengono a distanza di sicurezza l’Olympiacos. Negli ultimi due minuti del primo tempo Young prova a scuotere i suoi con una buona schiacciata ma il Laboral è sicuro dei suoi mezzi e Adams alza per Dioup, alley oop del 42-35 e ancora time out per Sfairopouls. Prima della pausa lunga resta poco più di un minuto e tanto basta a Ioannis Bourousis per realizzare due triple, intervallate dalla tripla di Daniel Hackett, per regalare al Laboral il 48-39 dopo 20 minuti di gara. Fino a questo momento l’ex Olympiacos sta facendo la differenza (13 punti, 7 rimbalzi e 2 assist).

Si rientra dagli spogliatoi con l’Olympiacos che deve fare qualcosa in più rispetto alla prima parte di gara se vuole pensare di rimontare l’incontro. L’inizio di terzo quarto è brutto, non segna nessuno per più di un minuto e solo il contropiede di Spanoulis concluso da Lojeski muove il tabellino. Si gioca molto dall’arco ed è proprio Matt Lojeski a guidare l’Olympiacos, ma Adams e Blazic non sono da meno e grazie anche al dominio di Bourousis nel pitturato gli spagnoli si ritrovano avanti di 13 a quattro minuti dalla fine del terzo quarto. Il Laboral sembra in controllo totale ma ha un calo fisico e l’Olympiacos riesce a piazzare un parziale di 12-5 che riporta i biancorossi a -6 sul 69-63 quando mancano 10 minuti al termine della partita. Si torna in campo per l’ultimo quarto e Diop stoppa Spanoulis, lasciando intendere ai greci che non sarà facile rimontare. Si sbaglia tanto, da una parte e dall’altra e a 6 minuti dal termine Mantzaris realizza la tripla del -4. A questo punto potrebbe esserci il turning-point del match. Hanga commette fallo su Spanoulis dall’arco e manda il numero 7 dalla lunetta con 3 tiri liberi. Kill Bill fa 3 su 3 e il punteggio segna 71-70 in favore degli spagnoli con 5:45 da giocare. Il Laboral sembra non averne più e ancora Spanoulis trova 2 punti in sospensione portando avanti l’Olympiacos. Bourousis prova a caricarsi la squadra sulle spalle e riporta in vantaggio il Baskonia e viene aiutato dai greci che perdono 2 palloni pesantissimi e regalano il +5 agli spagnoli quando mancano 2:37 alla fine. Con la forza della disperazione Mantzaris e Lojeski sparano due triple di altissimo livello e ancora una volta il match è ribaltato, 77-78 Olympiacos e time-out per Velimir Perasovic. In uscita dal time-out Hanga appoggia al tabellone e l’1 su 2 dai liberi di Bourousis regala il +2 al Laboral. Printezis trova i due punti del pareggio ed è 80-80 a 20 secondi dalla fine. Il Baskonia ha la palla in mano ma si gioca male la chance trovando solo il ferro dall’arco, recupera palla Spanoulis che si invola, arriva sotto canestro ma sbaglia e lascia il pallone a Mike James che sulla sirena spara da centrocampo e trova il canestro clamoroso dell’83-80. Ma l’istant replay cancella i sogni degli spagnoli, tiro arrivato dopo la sirena e overtime in arrivo.

Squadre stanchissime in campo, adesso si gioca con la forza dei nervi. Causeur e Bourousis regalano al Baskonia il +4 e il fallo in attacco di Strawberry a due minuti dal termine sembra spostare l’inerzia della gara in direzione Vitoria. Bourousis fa 2/2 ai liberi ma la tripla di Mantzaris tiene in vita l’Olympiacos. Al Laboral serve il colpo del ko ed è Mike James dall’arco a punire i greci con la tripla del 93-87. Spanoulis perde palla e alla Fernando Buesa Arena calano i titoli di coda. Il Laboral Kutxa Baskonia vince a sorpresa contro l’Olympiacos e muove la classifica. La squadra di Sfairopoulos perde così la seconda gara consecutiva in pochi giorni dopo la sconfitta in campionato contro il Panathinaikos.

MVP: La palma di migliore in campo va a Ioannis Bourousis. L’ex del match è devastante, gioca ad altissimi livelli per quasi 33 minuti e guida i suoi al trionfo con 28 punti e 12 rimbalzi.

TABELLINO

Laboral: Bourousis 28; Hanga 17; James 13; Causeur 9; Adams 8; Kangur 5; Tillie 4; Planinic 4; Blazic 3; Corbacho 3; Diop 2

Olympiacos: Lojeski 28, Mantzaris 13, Printezis 11, Spanoulis 11, Hunter 7, Strawberry 7, Young 5, Hackett 5, Milutinov 2.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy