EUROLEGA, GIR. B: clamoroso ad Istanbul, il Cedevita Zagabria interrompe la corsa dell’Efes

EUROLEGA, GIR. B: clamoroso ad Istanbul, il Cedevita Zagabria interrompe la corsa dell’Efes

Nel più classico dei testacoda il Cedevita Zagabria riesce a compiere un autentico miracolo superando i favoritissimi dell’Anadolu Efes Istanbul in terreno turco. Per i turchi si tratta della prima vittoria in questa Eurolega, un trionfo fondamentale per il proseguimento della competizione vista la dolorosa sconfitta patita settimana scorsa contro i diretti concorreti del Limoges. Per la squadra di Ivkovic di certo questa debacle casalinga non compromette il possibile passaggio alle top 16, ma rappresenta un preoccupante campanello d’allarme da non sottovalutare.

Cronaca:
Partono subito forte i turchi con un 5-0 firmato Korkmaz; Diebler con la tripla consegna ai padroni di casa il primo allungo sul 10-4, e dopo la reazione croata targata Bilan e Gordic, l’ex Unicaja Jayson Granger con la tripla firma il nuovo +6 sul 17-11. Il timeout chiamato da coach Mrsic sembra ridare lucidità al Cedevita, e il parziale di 4-10 chiuso dal canestro di Pilepic ne è la dimostrazione. L’ultimo minuto del primo quarto è caratterizzato dalle realizzazioni di Granger ed Heurtel che congelano il risultato sul 25-21.
Il secondo periodo inizia nel migliore dei modi per i casalinghi: Diebler, Brown e Dunston allungano sul 31-21 infiammando in tal modo la Abdi Ipekci Arena. Babic e Bilan ancora una volta si dimostrano spine nei fianchi della difesa di Istanbul, e proprio le loro giocate offensive riportano sotto i croati sul -3. Dopo un paio di minuti segnati da sterilità offensive su entrambe le metà campo, Granger e Tyus provano a schiacciare nuovamente la difesa avversaria; il primo tempo termina con il canestro di Pilepic, ed il parziale di metà gara è di 41-36.
Al rientro dagli spogliatoi sono sempre Heurtel e soci a dettare il ritmo della partita: Dunston e Saric infatti fanno volare i bianco-blu fino al 48-40 del minuto 22; la squadra guidata da Mrsic e Pozzecco è un osso duro da mordere, Babic, Bilan e White in un amen riconducono i croati sul -1, e le certezze del pronostico tutto d’un tratto sembrano venir meno in favore degli uomini di coach Ivkovic. Il terzo parziale viene congedato dai canestri di Derrick Brown che mettono tra le due squadre ancora 4 punti di distanza (58-54).
Gli ultimi decisivi 10 minuiti di gioco vengono inaugurati da Babic e Zganec, che in un attimo concretizzano il sorpasso sul 58-59. La risposta dei quotati turchi non tarda ad arrivare, e le triple di Jon Diebler ridanno l’ossigeno necessario sul +8 (67-59). Sembra ormai che la partita sia stata indirizzata, ma ecco che d’un tratto un fulmine a ciel sereno colpisce il palazzetto dell’Efes: Pilepic, Bilan e Pullen portano il Cedevita in parità a quota 67 e, dopo pochi attimi, addirittura in vantaggio di 5 punti (69-74). Dunston e Saric in qualche modo provano a salvare la situazione, ma l’upset è ormai all’orizzonte: Babic e Pullen, ormai caldissimi ed in ritmo firmano il sanguinoso +7 che, di fatto, chiude i conti. Il risultato finale in favore del Cedevita Zagabria è di 75-81. Ottima partita di Miro Bilan, autore di 20 punti e 10 rimbalzi; non tradisce Pullen (18 punti) e Luka Babic (14 punti + 9 rimbalzi). Tra le fila dei turchi non sono bastati i 15 punti messi a segno da Jon Diebler.

Efes Istanbul 75 – 81 Cedevita Zagabria

Efes: Tyus 5, Balbay, Baykan, Brown 11, Osman 3, Saric 14, Korkmaz 5, Granger 8, Heurtel 2, Diebler 15, Dunston 12, Duverioglu
Cedevita: Pullen 18, White 4, Pilepic 11, Babic 14, Zganec 6, Musa, Bilan 20, Mazalin, Gordic 5, Arapovic 3

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy