EUROLEGA, GIR. B: Milano si sveglia tardi, il Laboral vince a suon di triple

EUROLEGA, GIR. B: Milano si sveglia tardi, il Laboral vince a suon di triple

Commenta per primo!
www.zonadostres.com

 

Milano esce sconfitta dal parquet della Fernando Buesa Arena dopo aver inseguito per tutto l’arco del match. Per ragazzi di Repesa è il quinto stop in sei incontri: il passaggio alle Top16 si fa sempre più una chimera.
Parte subito forte il Laboral che manda a bersaglio le prime quattro conclusioni dalla lunga e complice anche un antisportivo fischiato a Jenkins trova il primo allungo di serata (14-8 al 5′). L’Olimpia comunque non si scompone, Gentile innesca prima Barac, poi Hummel e anche grazie ad una bomba dall’angolo di Jenkins gli ospiti rimangono a contatto (17-15 al 7′). Causeur però continua ad essere un enigma irrisolvibile per la difesa milanese: il francese continua ad essere infallibile dalla lunga distanza e con nove punti filati manda i padroni di casa in fuga (26-17 al 9′). Una schiacciata di Barac da una parte e due liberi di Kangur dall’altra chiudono il primo parziale (28-19 al 10′).
All’inizio della seconda frazione Gentile prova a caricarsi i suoi sulle spalle e Milano torna sotto (28-24 al 12′). Gli spagnoli però continuano a tirare con percentuali irreali dai 6.75 e grazie a due bombe in fila di James raggiungono in un amen la doppia cifra di vantaggio (34-24 al 13′). Difensivamente Milano continua a fare acqua da tutte le parti, Bourousis e Till cominciano a punire l’Olimpia anche nel pitturato e Repesa  è costretto a fermare la partita per fermare l’ondata basca (44-29 al 15′). Milano, complice soprattutto il calo delle percentuali del Laboral, pur sprecando molto dalla lunetta, prova faticosamente a rientrare (47-35 al 18′). I soliti Causeur e James però sul finire del tempo firmano un altro mini-parziale di 5-0 in favore dei bashi che fa ripiombare l’Olimpia a -15 (52-37 al 20′).
Il copione sembra non cambiare nemmeno al rientro dagli spogliatoi: Adams in contropiede regala ben presto 20 punti di vantaggio ai ragazzi di coach Perasovic (57-37 al 22′). Il quarto sembra scivolare via senza sussulti almeno fino a quando Hummel e Barac riportano l’Olimpia a -16 (67-51 al 28′). Milano avrebbe anche la possibilità di ricucire ulteriormente lo strappo ma Gentile pasticcia offensivamente e cosi il Laboral torna ben presto ad avere oltre 20 lunghezze di vantaggio (72-51 al 29′). Una bomba di Cerella da otto metri proprio sulla sirena del terzo periodo tiene accese le pur flebili speranze di rimonta milanesi (72-54 al 30′).
All’inizio dell’ultima frazione succede quello che nessuno si aspetta: il Laboral smette letteralmente di giocare, Milano inizia a giocare a cuor leggero e piazza un parziale di 12-1 che la riporta dopo un’ eternità sotto la doppia cifra di svantaggio (73-66 al 33′). Il Laboral a questo punto sembra attanagliato dalla paura ma Repesa si vede fischiare un tecnico quantomeno dubbio che spezza il toglie il ritmo a Milano e ridà un minimo di fiato a Bourousis e compagni. Sull’azione dopo il greco si improvvisa playmaker e conclude il contropiede subendo anche fallo, gioco da tre punti che ridà ai padroni di casa undici punti di vantaggio (77-66 al 34′). Gentile però si assume tutte le responsabilità dell’attacco ospite e con due bombe consecutive riporta i suoi a sole cinque lunghezze di distanza (77-72 al 35′). In pratica però qui finisce la rimonta milanese: Hanga prima e Bourousis poi colpiscono dai 6.75 e rispediscono l’Olimpia a -13 (89-76 al 37′).
Gentile e compagni non hanno più le forze ne fisiche ne mentali per provare un’ulteriore rimonta anche perchè il cronometro inizia ed essere nemico dei biancorossi.
Finisce 94-82 in favore dei baschi che possono festeggiare così una meritata vittoria, per Milano, al contrario, tra campionato e coppa è il terzo sto consecutivo.

LABORAL KUTXA – EA7 MILANO 94-82 (28-19, 52-37, 72-54)

Laboral Kutxa: James 18, Causeur 22(4r,3ass), Planinic, Shengeila n.e, Hanga 7, Bourousis 14(13r), Blazic 1, Diop, Tillie 10(5r), Kangur 2, Adams 20(5r, 4ass), Corbacho.
EA7 Milano: McLean 13, Lafayette 3, Gentile 24(3ass), Amato, Cerella 3, Magro, Cinciarini 6(7ass), Jenkins 5, Hummel 9(5r), Barac 16(12r), Simon 3.

 

CLASSIFICA:

Olympiacos 10 (5-1)
Laboral Kutxa 8 (4-2)
Cedevita Zagabria 6 (3-3)
Anadolu Efes 4 (2-3)
Limoges 4 (2-3)
EA7 Milano 2 (1-5)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy