EUROLEGA, GIR. B: Parte bene l’Olympiacos. Superato il Cedevita al Pireo

EUROLEGA, GIR. B: Parte bene l’Olympiacos. Superato il Cedevita al Pireo

Commenta per primo!
24secunde.ro

OLYMPIACOS 76 – 61 CEDEVITA (21-20; 38-35; 57-48)

Heraklion Arena gremita per il debutto dei vice-campioni d’Europa dell’Olympiacos che affrontano in casa i croati del Cedevita Zagabria. La squadra di Sfairopoulos ha sete di vendetta dopo la sconfitta in finale contro il Real nello scorso mese di maggio, mentre il Cedevita vuole provare a migliorarsi dopo l’eliminazione in Regular Season della passata stagione.

Starting Five

Olympiacos: Spanoulis, Mantzaris, Printezis, Papapetrou, Young

Cedevita: Arapovic, Bilan, Gordic, Musa, White

Cronaca: La gara inizia con ritmi blandi, il Cedevita apre le marcature con due liberi ma l’Olympiacos risponde subito con il primo minibreak da 6-0. La squadra di casa però non sembra essere entrata bene nel match e la squadra di Zagabria resta attaccata alla partita raggiungendo il pareggio sul 12-12. I greci giocano bene a sprazzi e con Papapetrou e Spanoulis provano a dare un nuovo strappo alla gara. Ma White e Pullen mettono a referto 5 punti consecutivi che porta addirittura il Cedevita in vantaggio 19-20 a un minuto dalla fine del primo quarto. E’ Papapetrou a pochi secondi dalla fine a riportare davanti l’Olympiacos con il 21-20 che sancisce il termine dei primi 10 minuti di gara.

Si apre il secondo parziale e Olympiacos ancora molto falloso, con Pilepic a mettere subito due liberi, esattamente come in apertura di partita. Mantzaris e Lojeski provano a spingere i loro e vengono aiutati da un momento di confusione dei croati che subiscono due stoppate da Agravanis e Tsairelis e che, al terzo tentativo, commettono fallo in attacco regalando a Mantzaris la tripla in campo aperto per il +7 Olympiacos. Cedevita costretto a chiamare timeout. La partita è brutta, si sbaglia da una parte e dall’altra e l’attrazione principale di questa parte di gara sembra Mantzaris che aiuta un ragazzino a pulire il parquet. In chiusura di tempo c’è un calo inaspettato dell’Olympiacos che subisce un parziale di 5-0 e va sotto. Ma come nel primo quarto quando viene minacciata la squadra del Pireo reagisce. Young va a schiacciare per il pareggio e subisce fallo, lo sbaglia ma Spanoulis trova il rimbalzo offensivo e offre a Young l’opportunità di schiacciare nuovamente. 4 punti in un amen per per il prodotto di Florida University e primo tempo chiuso sul 38-35.

Si rientra dagli spogliatoi e il Cedevita inizia forte con un break di 5-0, il vantaggio ospite tiene nonostante le risposte dei greci e il canestro di Zubcic porta sul 43-47 la squadra croata costringendo Sfairopoulos a chiamare timeout. Al rientro Printezis non trova nemmeno il ferro da tre ma Young recupera un pallone che sembrava perso e Mantzaris spara la tripla del -1. Il Cedevita sbaglia in attacco e permette all’Olympiacos di impattare a quota 48 il match con la penetrazione e l’appoggio al canestro di Printezis. La squadra ospite sente la stanchezza e in fase offensiva cala visibilmente, l’Olympiacos capisce che è il momento di colpire e stampa, con la tripla di Matt Lojeski su assist di Daniel Hackett, il parziale di 11-0 che dà il primo vero strappo alla gara e chiude il terzo quarto con il tabellone che recita 57-48 per gli uomini di Sfairopoulos.

Si torna in campo per gli ultimi 10 minuti di gara e Lojeski ricomincia da dove aveva finito stampando la tripla del +12. L’Olympiacos prova a fare accademia e colleziona molte violazioni dei tre secondi offensivi. La partita diventa ancora più brutta, con soli 11 punti realizzati nei primi 5 minuti del quarto periodo. L’Olympiacos è in controllo totale, il Cedevita prova a limitare i danni cercando di non subire un passivo troppo pesante, anche per la buona partita vista fatta dai croati per almeno 27 minuti. Ma i biancorossi adesso giocano in scioltezza e riescono a trovare facilmente il canestro, soprattutto con Lojeski, Mantzaris e Printezis. Il punteggio finale dice 76-61 Olympiacos con una grandissima prestazione di Young nel primo tempo e con Matt Lojeski devastante nella ripresa. Rullo continuo e palma di migliore in campo, però, vanno a Giorgos Printezis. Buona comunque la prova del Cedevita che ha dimostrato per larghi tratti della partita di essere una squadra difficile da superare in difesa e con ottimi tiratori, come Pullen e Zubcic.

MVP: Senza dubbio la palma di Most Valuable Player va a Giorgos Printezis. L’ala dell’Olympiacos mette a referto 20 punti, top scorer del match, e domina in difesa chiudendo con 8 rimbalzi, cinque dei quali a protezione del proprio canestro. Mostruoso.

TABELLINO

Olympiacos: Printezis 2o, Young 16, Lojeski 14, Mantzaris 11, Papapetrou 6, Spanoulis 5, Agravanis 4

CedevitaPullen 18, Zubcic 16, Bilan 10, White 8, Musa 4, Pilepic 2, Babic 2, Zoric 1

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy