EUROLEGA GIR. D: Esordio amaro per Sassari, vince Darussafaka

EUROLEGA GIR. D: Esordio amaro per Sassari, vince Darussafaka

Commenta per primo!

Inizia male l’avventura dei campioni d’Italia della Dinamo Sassari in Eurolega. Nel primo match del gruppo D alla Volkswagen Arena di Istanbul gli uomini di Sacchetti, dopo aver accarezzato la vittoria nell’ultimo quarto, gettano alle ortiche un vantaggio di 5 punti cedendo all’overtime per 83-74 contro il Darussafaka. Nonostante una grande prova di Haynes e Stipcevic i sardi hanno peccato di presunzione nei possessi decisivi del quarto periodo cedendo definitivamente al supplementare sotto i colpi Bjelica e Slaugher veri e propri trascinatori per un Darussafaka tutt’altro che impeccabile. Sconfitta che brucia per Sassari che mostra moltissimi passi avanti rispetto alla passata stagione, ma in Europa dei cali di concentrazione di questo tipo si pagano a caro prezzo.

1° QUARTO:

Savas apre le danze per i padroni di casa, ma Varnado e Logan rispondono con un parziale di 5-0 che lancia avanti i sardi. Savas si ripete, ma Sassari ad imporre il proprio gioco con un Eyenga scatenato autore di 2 stoppate e un canestro da sotto. I sardi incrementano il vantaggio grazie ad una grande intensità difensiva ed un’esperienza europea finalmente ritrovata: Varnado e Petaway portano i sassaresi sul 6-13 costringendo Mahmudy al timeout. Al rientro sul parquet i turchi ritrovano la via del canestro con Gordo che ricuce a 4 i punti di svantaggio, Sacchetti lancia nella mischia Alexander che trova immediatamente un importante gioco da 3 punti, Devecchi confeziona il massimo vantaggio della Dinamo portando a 10 i punti di scarto. Il finale è tutto di marca turca con lo scatenato Harangody che ricuce lo strappo chiudendo il tempo sul 15-19.

2° QUARTO:

Devecchi si ripete dai 6.75 in apertura di quarto con un canestro fotocopia del primo quarto (15-22), Arslan non punge dalla lunetta (1/ 2), Stipcevic si e in contropiede infila la difesa turca con un facile canestro da sotto che vale il 16-24 con Mahmudy che vuole pensarci su con un timeout. Il rientro in campo dopo il minuto di pausa non cambia il copione con Sassari sul velluto con D’Ercole che insacca la bomba del +11. Da questo momento però i sardi spengono l’interrutore e subiscono un controparziale di 11-0 firmato dallo scatenato Arslan e concluso degnamente da Preldzic che chiude la rimonta riportando i suoi sul 27 pari. Sacchetti visibilmente contrariato dal blackout dei suoi chiama timeout, al rientro in campo Alexander ritrova la via del canestro con un 2/2 dalla lunetta, ma Sassari in difesa non c’è più e subisce un’altra bomba di Arslan che trova il primo vantaggio dei suoi sul 30-29. Il quarto si chiude con il vantaggio del Darussafaka che si matiene avanti grazie a Bjelica che risponde al momentaneo nuovo vantaggio sassarese. Finisce 32-31.

3° QUARTO:

Redding apre il terzo periodo con una bomba mortifera che lancia i turchi sul 35-31, Logan risponde da campione, ma Slaughter e Bjelica tengono avanti i padroni di casa (40-36); Petway riavvicina la squadra sarda con un 2/ 3 dalla lunetta che vale il -2 e costringe Mahmudy al timeot. Al rientro in campo si rivede finalmente Sassari che ritrova la verve offensiva, nonostante una grande sofferenza a rimbalzo, e piazza un parziale di 8-2 con un Rok Stipcevic protagonista del 43-48. Nel finale Alexander e Gordon confenzionano l’uno due che chiude il tempo per 46-50 in favore della Dinamo.

4° QUARTO:

Bjelica, dopo 2 minuti di imprecisione da ambe le parti, muove il tabellino riavvicinando prepotentemente i suoi sul -2, Stipcevic è glaciale dalla lunetta con un perfetto 2/2, Cetin altrettanto da 3 con la bomba del -1. Nella seconda metà del quarto sale in cattedra Gordon che fa impazzire la difesa sassarese, ma Haynes e Stipcevic tengono avanti Sassari (57-59). Darussafaka si addormenta in attacco e Haynes non perdona la difesa di Mahmudy mettendo a segno il 57-61 che costringe il coach turco al timeout. Preldzic è l’ultimo a mollare, ma si deve inchinare ad un Haynes monumentale che si prende una bomba ad un minuto dal termine che vale il 61-66. Nel finale succede di tutto: dopo una schiacciata di Slaughter Sassari perde palla e viene punita dalla bomba di Preldzic che fissa il pareggio con 16” ancora sul cronometro. Sassari perde palla sul possesso decisivo, ma nel capovolgimento di fronte i turchi non chiudono il match: è overtime.

1° OVERTIME:

Redding riporta i suoi avanti con un perfetto 2/2 dalla lunetta, Haynes spedisce sul primo ferro la bomba del nuovo vantaggio, Gordon segna altri due punti dalla media che vale il +4 turco (70-66). Sassari trova la scossa con una tripla di Haynes pesante come un macigno che vale il nuovo -1, Slaugher però è glaciale da sotto, Redding e Preldzic la chiudono. Finisce 83-74.

Darussafaka-Sassari 83 74

Darussafaka: Redding 12, Turen, Erden 3, Cetin 3, Ozdemiroglu, Savas 6; Gordon 12, Arslan 7, Slaughter 10, Harangody 8, Bjelica 15, Preldzic 7. Coach Oklay Mahmuti.

Dinamo Banco di Sardegna Sassari – Haynes 12, Petway 4, Logan 7, Formenti, Devecchi 6, Alexander 11, D’Ercole 3, Marconato, Sacchetti, Stipcevic 14, Eyenga 8, Varnado 9. Coach Romeo Sacchetti.

Referee Fernando Rocha (POR), Benjamin Jimenez (ESP) e David Romano(ISR).

Fotogallery a cura di Claudio Atzori

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy