EUROLEGA, GIR. D: Malaga cala il tris, Darussafaka KO, spagnoli imbattuti.

EUROLEGA, GIR. D: Malaga cala il tris, Darussafaka KO, spagnoli imbattuti.

Commenta per primo!

Passo avanti importante degli uomini di Joan Plaza nella lotta per entrare nelle TOP 16, gli andalusi colgono il terzo successo consecutivo ai danni di un Darussafaka parso piú un’insieme di stelle che una vera e propria squadra.

Pur cedendo qualcosa a rimbalzo, Malaga mantiene la propria imbattibilitá sospinta da un Martín Carpena infernale. Partita tosta che gli uomini di Joan Plaza hanno risolto grazie ad un secondo quarto stellare ed al controllo esercitato nel secondo tempo. Una prova di maturitá importante anche in vista dei prossimi appuntamenti (in programma domenica la visita al Bilbao Basket in quel del Miribilla) visto che i turchi sono tutto fuorché una squadra materasso, specie se pensiamo a nomi come Preldzic, Erden, Markoishvili o l’ex Real Madrid Slaughter.

Cronaca

Inizio, come detto, difficile per i padroni di casa, che faticano a difendere il pitturato da Erden, 7 punti nel primo quarto, e subiscono, quando riescono a fermare il pivot turco, le triple di Markoishvili, Preldzic e dell’ex Valencia Harangody. Sul fronte opposto solo il talento riusciva talvolta a rimediare alle scelte sbagliate a cui Malaga era obbligata dalla difesa turca. Al 10’ é 16-20, con gli ospiti forti della maggior presenza nel pitturato.

É nel secondo quarto che Plaza trova la chiave di volta: l’entrata di Jackson e Fran Vázquez permette ai padroni di casa di trovare maggiore consistenza nel gioco; é proprio il francese a suonare la carica con tre bombe, Díez fa la spalla perfetta, anche per lui due centri dal perimetro e partita rivoltata come un calzino (39-33 al 17’). C’é ancora tempo per uno scambio di canestri, al riposo le squadre vanno sul 44-37 e ben 28 punti segnati da Malaga in un solo quarto.

Si puó dire che al 21’ la partita é giá finita, Darussafaka alza una precoce bandiera bianca sotto i colpi di Jackson (50-39) e frenata da una difesa che lascia passare solo uno “spillo”, se cosí si puó definire Erden, che chiuderá con 17 e 9 rimbalzi. É l’unico neo, il pivot turco, di una serata quasi perfetta per i verdeviola, al suono dell’ultimo break la distanza non cambia rispetto a 9 minuti prima, il tabellone recita 64-53, +11 Malaga.

Nel quarto periodo c’é tempo per vedere i padroni di casa toccare il massimo vantaggio (+16, 72-56 al 32’), di fronte si trascina stancamente un Darussafaka grande come roster, modesto al limite della mediocritá come squadra.

É semplice garbage time quello che rimane, il match si chiude con il risultato di 80-69 ed un Carpena in visibilio; tre su tre é un risultato benaugurante per il prosieguo, al momento Málaga é forse la piú in forma delle spagnole di Eurolega.

 

UNICAJA MALAGA – DARUSSAFAKA  80 – 69

Malaga: Jackson 18, Díaz, Hendrix 10, Markovic 2, Thomas 11, Díez 9, Suarez 2, Smith 2, Nedovic 5, Vazquez 10, Kuzminskas 12.

Darussafaka: Yamgur, Redding 5, Erden 17, Markoishvili 6, Cetin, Gordon 12, Slaughter 2, Harangody 11, M. Bjelica 10, Preldzic 6.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy