EuroLega: il Darussafaka soffia la vittoria alla Stella Rossa in rimonta

EuroLega: il Darussafaka soffia la vittoria alla Stella Rossa in rimonta

Blatt torna in Eurolega con un’importante vittoria su uno dei campi più difficili del torneo, Clyburn decisivo dalla panchina

Commenta per primo!

Crvena Zvezda MTS Belgrado – Darussafaka Dogus Istanbul   70 – 73 (24-17; 20-13; 8-16; 18-27)

Arbitri: Perez Perez Miguel (SPA), Koromilas Elia (GRE), Laurinavicus Jurgis (LTV).

Crvena Zvezda: Rebic 2, Dangubic 7, Mitrovic 12, Lazic, Simanic, Dobric, Simonovic, Jenkins 8, Guduric 13, Jovic 8, Kuzmic 16, Bjelica 4. All. Radonjic

Darussafaka: Wilbekin 2, Arslan, Batuk 4, Wanamaker 11, Clyburn 19, Moerman 10, Aldemir, Savas, Anderson 5, Slaughter 2, Bertans 13, Harangody 7. All. Blatt

 

QUINTETTI:
Stella Rossa
con Dangubic, Mitrovic, Jenkins, Jovic, Kuzmic.
Darussafaka con Wanamaker, Moerman, Aldemir, Anderson, Bertans.

 

STATS:
Stella Rossa:
Kuzmic (16 punti, 9 reb, 3 stop), Mitrovic (12 punti, 5 reb), Jovic (8 punti, 7 ass, 4 reb).
Darussafaka:
Clyburn 19 punti, 4 reb, 2 ass), Moerman (10 punti, 11 reb), Bertans (13 punti, 3 reb).

 

 

A Belgrado si ripete quanto visto nella scorsa stagione di Eurolega, con il Darussafaka che riesce ad avere la meglio sul Crvena Zvezda, espugnando quello che probabilmente è uno dei campi più difficili da affrontare. Questa volta però accade tutto sul finale.

La Stella Rossa, sostenuta da un tifo straordinario, comincia a prendere coraggio dopo le battute iniziali. Jovic distribuisce gioco a tutto tondo e i serbi toccano prima il +11 grazie ai canestri di Mitrovic e Jenkins nel primo quarto, e poi chiudono alla pausa lunga sul 44 a 30 grazie alla premiata ditta Kuzmic e Jovic.

Alla ripresa del gioco viene quasi voglia di cambiare canale. Il Darussafaka non riesce a trovare continuità e il Crvena Zvezda è totalmente in controllo del match, almeno fino a 30’’ dalla fine del terzo periodo. Fiammata dei turchi con Moerman e Bertans, tripla per lui, e gap ridotto a 6 punti.

Alla ripresa dell’ultimo periodo il Darussafaka ricomincia a crederci. A Wanamaker risponde Jenkins che commette subito dopo un’ingenuità sulla tripla di Bertans. Canestro, fallo e libero realizzato.
Blatt aumenta la pressione difensiva, Guduric va con una tripla, Wanamaker risponde e Guduric infila ancora da tre punti.  La squadra di coach Radonjic sembra poter chiudere il match con il +7 di Dangubic ma Clyburn riporta a -3 i suoi.

Sale la tensione e le azioni si fanno confuse: Mitrovic sbaglia dai liberi, mentre Bertans e ancora Clyburn riportano a -1 il Darussafaka. Sul time out di Radonjic i serbi giocano male il possesso, arrivando sui secondi finali con Mitrovic spalle a canestro per un tiro complicato all’altezza della linea dei liberi. Il ferro sputa la palla e sulla controffensiva Clyburn tira fuori da un movimento complicato il primo vero vantaggio della partita degli uomini di Blatt.

Altro time out per la Stella Rossa e storia che si ripete. Azione offensiva giocata male e rubata di Wanamaker ai danni di Mitrovic che a sua volta è costretto a fermare il gioco, mandando in lunetta Wilbekin. Due su due a 12’’ dalla fine e conclusione che si gioca praticamente sulla tattica mantenendo invariato lo scarto.

Finisce 73 a 70 per i turchi e niente da fare per la Stella Rossa che reclama sull’ultimo tentativo di Guduric dalla metà campo (e praticamente sulla sirena) la fallosa interferenza di Moerman. Purtroppo niente fallo e esordio vincente sfumato. I complimenti vanno al Darussafaka di Blatt che non ha mai mollato e ha saputo approfittare delle giuste situazioni per ribaltare l’inerzia, seppur non esprimendo probabilmente il proprio miglior gioco.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy