EuroLega: Milano va a fasi alterne, l’Unics trionfa in scioltezza

EuroLega: Milano va a fasi alterne, l’Unics trionfa in scioltezza

Il risultato finale condanna in maniera, anche un po’ severa, l’EA7 Milano che non riesce a far sua una gara che poteva essere alla portata

Commenta per primo!

Nonostante abbia avuto diverse opportunità per fare propria la partita, l’EA7 Milano questa sera è stata abbastanza scollegata dal match. La squadra di Repesa accende e spegne la sua intensità con troppa frequenza e questo non giova al raggiungimento della vittoria. Ottima, invece, la prestazione dell’Unics Kazan che è stata capace di sfruttare al meglio tutte le imperfezioni mostrate dagli avversari.

UNICS KAZAN – EA7 MILANO 100-79 (35-24, 57-43, 73-69)

LA CRONACA – Milano parte sparata e dopo un 1’ è già avanti 0-6. La risposta di Kazan, però, non si fa attendere e piazza un contro-parziale di 10-0. La gara è molto spettacolare in questa fase iniziale e si segna molto da ambo le parti; tuttavia, è l’Unics a fare il primo allungo importante quando, dopo 8’, è a +10 (27-17) con Colom e Panin sugli scudi, con 7 punti per uno. E’ soprattutto McLean (10 punti nei primi 10’) a tenere a galla i bianco-rossi in questo quarto che però, al suo scadere, li vede sotto con un passivo abbastanza pesante (35-24), frutto anche di un buzzer beater di Stoll (al suo primo canestro in EuroLega).

Nonostante un buon attacco a difesa schierata, Milano mostra molti limiti nell’altra metà campo dove i russi arrivano con troppa facilità al canestro: è questa la causa principale della sussistita doppia cifra di vantaggio da parte dei padroni di casa (41-31 al 14′). L’ingresso in campo di Abass fa molto bene alla formazione di Repesa che con l’ex canturino riesce a trovare un buon equilibrio in difesa; l’EA7, così, piazza un break di 7-0 che la riporta a -5 (43-38). I verdi di Kazan, però, dimostrano una grande determinazione che gli permette di ristabilire le distanze prima della sirena del primo tempo: 57-43 è il parziale dopo 20′.

Dopo un buona ripresa da parte dell’Unics, l’EA7 si dà la scossa e con un 7-0 (62-52) costringe Pashutin al timeout. Nonostante degli ispirati Langford e Parakhouski, in modo o in un altro, Milano riesce a restare in partita e a metà periodo è a -8 (66-58). Proprio nella parte centrale del quarto, la squadra meneghina sembra avere portato dalla propria parte l’inerzia del match: finalmente, iniziano a segnare dalla lunga distanza Simon e Sanders che aggiustano un po’ le pessime percentuali al tiro del primo tempo. La partita, ora, procede a strappi: i russi allungano ancora a +10 (71-61) ma Milano sul finire di quarto dà una bella spallata al match e torna a -4 (73-69) alla sirena della terza frazione.

La squadra di Repesa ha un nuovo clamoroso black out: l’Unics, così, ne approfitta e rivola a +14 (87-73) a metà quarto periodo. Milano, ora, sembra aver tirato i remi in barca e Kazan gestisce molto bene l’ottimo vantaggio acquisito. Chiude in bellezza la gara una tripla di Panin che scrive il 100-79 per i russi che stravincono questa gara con un risultato, sì severo, ma in fin dei conti giusto.

MVP basketinside.com: Parakhouski (16 pt, 8/9 da 2, 5 rimb) – Il centro dell’Unics è un fattore ogniqualvolta prende palla in post basso. E’ lui la spina nel fianco per la difesa milanese, soprattutto nel primo tempo, quando i russi hanno piazzato un parziale importante.

KAZAN: Johnson 14, Antipov, Langford 25, Stoll 6, Parakhouski 16, Colom16, Banic ne, Karpukhin ne, Panin 18, Kaimakoglou 6, Williams 6, Tukmakov ne. All. Pashutin
MILANO: McLean 16, Fontecchio ne, Hickman 12, Kalnietis 5, Raduljica 8, Dragic 10, Macvan 7, Pascolo ne, Cinciarini, Sanders 10, Abass 2, Simon 9. All. Repesa

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy