EUROLEGA, QF G2: Un Barca stellare travolge il Lokomotiv e impatta la serie sull’1-1

EUROLEGA, QF G2: Un Barca stellare travolge il Lokomotiv e impatta la serie sull’1-1

Prestazione ai limiti della perfezione quella griffata dagli uomini di Pascual che espugnano il parquet russo ed ora avranno la possibilità, con due partite in casa, di chiudere la serie in proprio favore. Per il Lokomotiv prestazione davvero negativa, complice una squadra soprattutto psicologicamente mai in partita

Commenta per primo!

LOKOMOTIV KUBAN – FC BARCELONA LASSA 66-92 (19-24, 12-24, 18-23, 17-21)

Gara 2 tra Lokomotiv e Barcelona rappresenta già un crocevia importante, soprattutto per i catalani, che cercano di portare la serie al Palau in parità dopo le numerose chance non sfruttate nel primo atto della serie. Ne viene fuori un incontro dominato in lungo e in largo dagli ospiti che toccano in più occasioni anche il +30, complice anche l’inconsistenza del Lokomotiv odierno, e ora potranno cercare di chiudere la pratica in casa. Pessima sconfitta e sconcertante prestazione invece quella offerta dai russi, che andra presto dimenticata in vista delle due sfide in terra spagnola. MVP un encomiabile Perperoglou (preferito ad un grande Juan Carlos Navarro) che, tra i tanti che hanno brillato nelle fila dei catalani, si è distinto sia in attacco che in difesa per la sua versatilità, dimostrandosi una spina nel fianco costante per la difesa avversaria.

Bartzokas inserisce nello starting five Delaney, Randolph, Claver, Bykov e Broekhoff, mentre Pascual opta per Doellman, Navarro, Satoransky, Perperoglou e Tomic, dovendo rinunciare come già annunciato a Dorsey. Entrambe le compagini sono consapevoli dell’alta posta in palio alla “Basket Hall” ed infatti l’inizio è piuttosto equilibrato, con i blaugrana che però sull’asse Doellman-Satoransky si costruiscono il primo vantaggio sul +6 a cinque minuti e mezzo dalla sirena; i giocatori ospiti sembrano tutti decisamente sul pezzo e, approfittando di un inizio diesel degli avversari, il Barca passa a condurre 18-10 grazie ad una tripla in transizione di Perperoglou su assist di Satoransky. Dall’altro lato soltanto i 7 punti di Delaney tengono i suoi in linea di galleggiamento, ma proprio quando sembrano avere in mano le redini dell’incontro i catalani si spegnono, e complici le numerose palle perse sopravvenute, il Lokomotiv piazza un parziale di 9-0 che costringe Pascual al timeout. L’effetto sortito è quello giusto, e un paio di canestri dei neo entrati Abrines e Ribas chiudono il primo parziale sul punteggio di 24-19 in favore degli spagnoli. L’inerzia con la quale si era chiuso il primo quarto sembra perdurare anche nel secondo, e il movimento spalle a canestro di Samuels spinge per la prima volta il vantaggio degli uomini di Pascual oltre la doppia cifra, a cui segue addirittura una bomba esplosa proprio dal centro blaugrana che issa i suoi sul 33-19; gli ospiti sembrano davvero molto ispirati, e una sequenza di triple griffate da Satoransky e Doellman alimentano lo scarto sul +15, che diventa +18 sul 46-28 quando Navarro realizza la prima bomba del suo match.  Proprio il top scorer all time a livello di Eurolega rappresenta ora un pericolo costante che il Lokomotiv fatica ad arginare, e il suo caratteristico arcobaleno scrive i titoli di coda di un primo tempo sostanzialmente dominato dal Barcelona, che va in archivio sul 48-31.

Il secondo tempo si apre con canestro dalla lunga distanza di uno strepitoso Perperoglou, e dall’altra parte il solo Randolph tiene a galla i suoi, a dispetto di una squadra ospite che invece può contare su tutte le frecce in faretra per aggredire la difesa avversaria; Abrines e Doellman contribuiscono con un paio di grandi giocate a proiettare i catalani su un severo ma corretto 60-36, che obbliga Bartzokas a sospendere l’incontro quantomeno per destare l’orgoglio dei suoi ragazzi. Il Barcelona tira con uno splendido 53% da oltre l’arco, e il marchio di fabbrica in casa Navarro (l’ennesima tripla) allunga lo scarto a +30, facendo da preludio ad una penultima sirena che si conclude sul nettissimo parziale di 71-49, soltanto parzialmente addolcito dal canestro finale di Bykov. L’ultimo quarto è veramente una passerella per gli uomini di Pascual, con il vantaggio che si aggira sempre intorno ai 20 punti e una squadra di casa davvero incapace di abbozzare un qualsivoglia accenno di reazione. I blaugrana si aggiudicano meritatamente Gara 2 con il punteggio finale di 92-66, al termine di una sfida dominata dal primo all’ultimo minuto, grazie anche, è innegabile, ad un Lokomotiv preoccupante ed inconsistente quest’oggi, che sarà costretto ad espugnare almeno una volta il Palau se vorrà riportare la serie in Russia. Per i padroni di casa c’è davvero ben poco da salvare, eccezion fatta per i 19 punti  di Delaney e i 17 di Randolph (unici giocatori del Lokomotiv in doppia cifra), mentre per il Barca 18 punti del capitano Navarro, 13 di un ispirato Perperoglou e 12 per Doellman.

 

TABELLINI

LOKOMOTIV KUBAN: Delaney 19, Singleton 3, Randolph 17 +5 rimbalzi, Draper 5, Claver 2, Bykov 2, Janning 2, Kolyushkin n.e., Balashov n.e., Voronov n.e., Zubkov, Broekhoff 2.

FC BARCELONA LASSA: Doellman 12, Ribas 3, Abrines 8, Navarro 18, Satoransky 8 +9 assist, Vezenkov n.e., Diagne n.e., Samuels 4, Oleson, Arroyo 2, Perperoglou 13, Tomic 8.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy