EuroLega: Real corsaro a Tel Aviv, Carroll e Rudy piegano il Maccabi

EuroLega: Real corsaro a Tel Aviv, Carroll e Rudy piegano il Maccabi

La squadra di Laso bissa il successo dell’esordio grazie ad una grande prova dall’arco dei suoi solisti. Maccabi ancora a secco dopo due giornate

MACCABI FOX TEL AVIV  82-89  REAL MADRID  (16-20, 17-26, 24-16, 25-27)

Il Real Madrid raccoglie il secondo scalpo della sua campagna europea andando a battere a domicilio il Maccabi di Goudelock e Weems. E’ vero, non si è visto il Real schiacciasassi del debutto contro l’Olympiacos, ma tanto è bastato per avere la meglio di un avversario ricco di talento ma troppo discontinuo lungo l’arco della partita.

Dopo una prima metà di gara dominata (33-46), grazie soprattutto al controllo del pitturato (11 rimbalzi offensivi), il Real ha subito il ritorno-shock dei padroni di casa in apertura di terzo quarto: il parziale monstre di 16-0 degli israeliani, guidati da un indomabile Victor Rudd, mette i blancos alle corde (49-46). Nel momento di massima difficoltà, coach Laso trova le certezze dai suoi veterani: Rudy Fernandez e Jaycee Carroll dall’arco spezzano l’inerzia della gara e riportano avanti gli ospiti, aiutati da un Randolph che torna a farsi sentire sotto le plance. Al Maccabi non bastano le incursioni di Goudelock e Rudd nell’ultimo quarto per ritrovare la vittoria: a festeggiare alla sirena è il Real (82-89).


Il match si apre con entrambe le squadre imprecise alla conclusione: ad uscire dall’impasse per primi sono gli ospiti, che allungano con Thompkins e Ayon (6-12). Il Maccabi non incide e il Real mantiene il gap senza troppi patimenti: Hunter ferma Goudelock con l’antisportivo nel finale, ma Weems non capitalizza l’ultimo possesso e il quarto si chiude sul 16-20.

Rudd in apertura riporta gli israeliani a un possesso (18-20), ma è un fuoco di paglia: Hunter e Carroll mettono il turbo e regalano agli ospiti il primo vantaggio in doppia cifra. Zirbes trova due centri consecutivi, subito però imitato da Maciulis (23-34). Il Real sfrutta a pieno i molti extrapossessi (11 rimbalzi offensivi a metà gara) concessi dai padroni di casa per scappare ancora con Carroll (27-42). Quattro punti consecutivi del Maccabi portano Laso al timeout, in uscita dal quale Rudy trova il suo primo centro dall’arco per il 33-46 dell’intervallo.

La seconda metà di gara si apre con la fortunosa tripla di tabella di Rudd, preludio della fase più splendente per gli israeliani: Goudelock e Weems non sbagliano una conclusione, ma è Rudd l’uomo in più del Maccabi che a suon di canestri riporta i padroni di casa avanti (49-46). Dopo 5 lunghissimi minuti, il Real ritrova la via del canestro con capitan Reyes, tenuto in panchina da Laso per tutto il primo tempo. In questa fase sale in cattedra Rudy Fernandez: l’ex Blazers evita praticamente da solo il tracollo della sua squadra, che nel finale riesce addirittura a trovare un mini break per il 57-62 del 30’.

Botta e risposta Seeley-Rudy dall’arco in avvio di ultima frazione: i ritmi sono nuovamente altissimi, ma le percentuali si abbassano. A beneficiarne è il Real Madrid, che ritrova i punti di Llull dopo un terzo quarto a dir poco negativo. Randolph segna col fallo su rimbalzo offensivo e ridà fiato ai suoi 67-75. La tripla con fallo di Carroll sembra chiudere la contesa, ma Goudelock con 5 punti consecutivi riporta i gialloblu ad un solo possesso: tutto inutile, perchè Iverson frana su Llull, che dalla lunetta fa 2/2 e scrive la parola fine sulla partita.

 

MACCABI FOX TEL AVIV: Rudd 18, Goudelock 16, Weems 15.

REAL MADRID: Carroll 18, Fernandez 16, Llull 14.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy