EuroLega – Spanoulis domina, Green è glaciale: il Baskonia va k.o.

EuroLega – Spanoulis domina, Green è glaciale: il Baskonia va k.o.

L’Olympiacos continua la sua marcia vincente, guidato dal suo uomo più rappresentativo protagonista di una grande prova.

BASKONIA VITORIA GASTEIZ – OLYMPIACOS PIREO 90 – 95 (27-22, 25-25, 22-25, 16-23)

La quarta gara di EuroLega ha messo di fronte due tra le squadre più in forma di questo periodo, alla Fernando Buesa Arena. In una gara spettacolare e altamente equilibrata, è stato l’ultimo periodo a decidere la squadra vincitrice. La grande prova di Vassilis Spanoulis e il pazzesco ultimo quarto di Erick Green hanno permesso all’Olympiacos di cogliere il terzo successo stagionale, e la palma di MVP va ad entrambi.

La cronaca: Il Baskonia si presenta a questa gara ancora privo di Andrea Bargnani ma con il recupero di Rodrigue Beaubois che aggiunge qualità al reparto esterni di Sito Alonso. Jaka Blazic è reduce da una grande prestazione contro il Real Madrid, nella vittoria della scorsa giornata, e anche nella serata di oggi è autore di una partenza bruciante, con 9 punti nel primo quarto che lo rendono il leader offensivo della sua squadra. I reds di Atene sono una formazione tosta, che gioca molto bene ed impedisce al Baskonia di fuggire già nella prima frazione, trovando diversi protagonisti in attacco e chiudendo i primi 10 minuti in svantaggio per 27-22. La seconda frazione vede le due avversarie giocare a ritmi molto alti, con attacchi scintillanti che hanno la meglio sulle difese: il pubblico della Buesa Arena spinge la squadra di casa, che a tratti gioca meglio, e che con la tripla di Beaubois raggiunge la doppia cifra di vantaggio sul 47-36. Nel momento di massima difficoltà per l’Olympiacos sale in cattedra Vassilis Spanoulis, fino a quel momento in ombra nella gara, che trova una serie di canestri consecutivi che riducono notevolmente il divario: un primo tempo molto spettacolare e giocato ad alti ritmi vede le due squadre chiudere con il punteggio di 52-47.

Il terzo periodo è quello della svolta: al rientro dagli spogliatoi i greci hanno un atteggiamento differente e più aggressivo, costringendo il Baskonia a soluzioni più complesse e cavalcando la grande serata di Mantzaris e Papanikolau, oltre che di Spanoulis: la squadra di Sfairopoulos sembra potere mettere la freccia, grazie a un parziale che porta addirittura a 5 le lunghezze di vantaggio, prima che, guidata da un positivo Larkin, la squadra basca si riporti in vantaggio per 74-72, punteggio con cui si chiudono i primi 30 minuti. L’inerzia della sfida è cambiata di mano, ora sono i padroni di casa a dovere inseguire nel punteggio: è un Erick Green fino a quel momento nullo a segnare una serie di canestri consecutivi che provocano un parziale, con l’aiuto di Lojeski e Hackett, che indirizza la gara. Rotto l’equilibrio, nonostante un grande Shengelia, il Baskonia non riesce più a ridurre il gap a un solo possesso, con la resa che si rende inevitabile dopo l’ennesimo canestro di un Green protagonista indiscusso dell’ultima frazione. Il finale è 90-95, per l’Olympiacos è la terza vittoria consecutiva dopo il brutto k.o. all’esordio con il Real: una vittoria di grande importanza per i greci, sul campo di una rivale diretta.

BASKONIA VITORIA GASTEIZ: Shengelia 20, Hanga 15, Larkin 14+11 assist

OLYMPIACOS PIREO: Mantzaris 17, Spanoulis 15+15 assist, Papanikolau 15

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy