EUROLEGA, Top 16: ad OAKA brilla la Stella Rossa, Panathinaikos brutto e sconfitto

EUROLEGA, Top 16: ad OAKA brilla la Stella Rossa, Panathinaikos brutto e sconfitto

Foto: Arhiva VN

PANATHINAIKOS ATHENS 63 – 74 CRVENA ZVEZDA  (14-16, 20-22, 14-16, 15-20)

Arriva nel tempio verde di OAKA la prima vittoria di queste Top16 per la Stella Rossa: la magistrale prova difensiva dei ragazzi di coach Radonjic costringe il Panathinaikos alla seconda sconfitta interna in Eurolega, in una gara che ha visto i campioni di Serbia condurre il match fin dalle prime battute. Diverse le note positive in casa Stella Rossa: oltre all’ormai imprescindibile apporto di Jovic (9 pt, 8 rb e 8 as) e Zirbes (12 pt), ci sono infatti da registrare le buone prove delle “seconde linee” Kinsey e Stimac. L’americano, al debutto europeo con la Stella Rossa dopo un felice passato con la maglia del Partizan, mette insieme 9 punti, 6 rimbalzi e 4 assist, risultando decisivo nella fase chiave del match; il lungo ex Bayern, dal canto suo, non fa rimpiangere Zirbes e in 23′ colleziona 11 pt (1/6 in lunetta…) e 6 rimbalzi. La serata no di Miller – 4 pt con 1/6 dal campo in 22′ – conferisce a questa vittoria un’importanza se possibile ancora maggiore, considerando che fino a questa sera era proprio la giovane ala il miglior marcatore di squadra con 16 punti e 6 rimbalzi di media a partita.

Lo 0/2 in lunetta di Diamantidis nel quarto quarto (qualcuno ne ricorda un altro?) è la fotografia perfetta del Panathinaikos di questa sera: impreciso, maledettamente impreciso, come testimonia il 3/24 dall’arco al termine dei 40′. Che la soluzione ai problemi della squadra non potesse passare dalle mani (fredde) di Feldeine, in campo 37′, lo si era capito già nel primo tempo, ma nulla è cambiato una volta rientrati dagli spogliatoi. Si salvano dal naufragio i soli Raduljica (12 pt, 5/5 dal campo) e Gist (15 pt), ultimo ad arrendersi e sempre più leader della squadra in un ottica post-Diamantidis.

Parte bene il Panathinaikos, con l’uno-due Gist-Kuzmic a regalare il 4-0 dopo nemmeno un minuto. Il canestro del neo-arrivato Kinsey precede una lunghissima fase di errori, in particolare dall’arco, che porta le squadre sul 4-2 quando sono già passati 5′ di gioco. Dangubic rompe finalmente l’empasse, subito seguito da Raduljica. La tripla di Jovic vale il primo vantaggio ospite (9-11), cui segue il canestro più fallo di Lazic che mantiene avanti i biancorossi dopo 10′ (14-16).

Diamantidis trova Jankovic per il nuovo vantaggio dei padroni di casa (17-16); lo spettacolo risente dei molti falli in questa fase e il punteggio stenta a decollare (17-19 dopo 3’). I canestri in transizione di Simonovic e Calathes smuovono il punteggio dopo una lunga serie di errori da ambo le parti. Il rientro di Zirbes – zero punti e due falli nei primi 10’ – regala nuove soluzioni all’attacco degli ospiti, che con i 9 punti del tedesco e gli assist di Jovic trovano il massimo vantaggio (30-37). Papagiannis prima e Gist sulla sirena, limitano il passivo dei Greens quando si è giunti a metà gara (34-38).

Due triple consecutive di Jovic portano per la prima volta il vantaggio in doppia cifra. L’asfissiante difesa dei biancorossi manda in affanno l’attacco del Pana, costretto ad affidarsi spesso a soluzioni forzate. L’8-2 di parziale costringe Djordjevic al timeout, dal quale il Panathinaikos pare uscire bene: Calathes trova finalmente il canestro dopo due banali errori, poi è Raduljica a salire in cattedra con 6 punti consecutivi (44-48). Dall’altra parte, però Stimac non fa rimpiangere Zirbes raggiungendo la doppia cifra che consente ai serbi di chiudere avanti la terza frazione 48-54.

Fotsis aggrava la statistica da 3 del Panathinaikos (2/16), mentre dall’altra parte Micic non sbaglia: 5-0 e timeout Pana (48-59). E’ l’ultima chance per i padroni di casa: Feldeine trova finalmente la segnatura pesante, Raduljica colpisce nel pitturato  (53-61), ma lo 0/2 di Diamantidis in lunetta suona come una sentenza per gli uomini di coach Djordjevic. Kinsey vola a rimbalzo in attacco, guadagnandosi due liberi: il 2/2 vale il 53-66 con 3’ sul cronometro. Ci prova Gist con il cuore, ma non basta. Vince la Stella Rossa 63-74.

 

PANATHINAIKOS: Pavlovic, Charalampopoulos ne, Jankovic 3, Fotsis, Raduljica 12, Feldeine 12, Diamantidis 5, Gist 15, Calathes 7, Papagiannis 4, Lountzis ne, Kuzmic 5.

CRVENA ZVEZDA: Kinsey 9, Rebic ne, Dangubic 6, Lazic 11, Simanic ne, Micic 5, Simonovic 5, Guduric 2, Jovic 9, Miller 4, Zirbes 12, Stimac 11.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy