EUROLEGA, TOP 16: colpaccio del Real a Mosca

EUROLEGA, TOP 16: colpaccio del Real a Mosca

Il Real Madrid chiude il girone di andata di queste Top 16 con un importante successo esterno sul campo di un Khimki Mosca che si blocca nell’ultimo quarto e perde la partita.

Commenta per primo!

È stata una bella partita quella che ha visto opporsi Real Madrid e Khimki Mosca, una partita in cui entrambe le squadre hanno avuto alti e bassi rendendo lo spettacolo molto apprezzabile. Nonostante l’assenza di capitan Reyes, il Real ha colto un’importantissima occasione per continuare a inseguire l’obiettivo quarti di finale. Decisivo il 41% al tiro da tre punti del Real Madrid e il blackout finale del Khimki.

LA CRONACA – L’avvio di partita non è straordinario dal punto di vista dello spettacolo: infatti, il Khimki si affida solamente ai suoi singoli mentre il Real offre maggior gioco di squadra ma non incontra una grande resistenza da parte della difesa avversaria. Gli ospiti trovano il +4 (11-7) grazie alla seconda tripla di giornata di Trey Thompkins che costringe la panchina avversaria a chiedere un immediato timeout. La tripla di Augustine prova a dare la carica ai russi, ma il problema del Khimki è in difesa e perciò l’opertazione rientro fa fatica ad andare in porto. Il Real Madrid, grazie all’ennesima tripla di questo quarto, trova il +6 sul 22-16, ma il Khimki non molla e in un amen trova il 7-0 di parziale che ribalta il risultato portando i moscoviti in vantaggio per 23-22. Dopo il timeout voluto da Pablo Laso, Ayon e Rodriguez colpiscono gli avversari, ma alla fine del primo quarto il punteggio è di 26-26.

In avvio di secondo quarto si segna praticamente a tutti i possessi e l’equilibrio continua a farla da padrone. A un certo punto il ritmo si alza ma è il Real a prendere la testa della partita trovando il +5 (36-31) con la schiaccita di Hernangomez, ma a essere alla base del vantaggio dei blancos è la loro precisione nel tiro da tre punti. Il Real Madrid inizia ad affidarsi troppo al suo tiro da tre mentre il Khimki attacca il canestro con continuità e con buoni risultati ricucendo lo scarto e trovando il vantaggio con a tripla di Monia che vale il 42-41. L’assist straordinario di Rice per Augustine costringe la panchina madrilena a un timeout, ma al rientro in campo l’attacco dei campioni d’Europa fa fatica a ritrovare la fluidità dei tempi migliori. Nel finale di quarto, grazie soprattutto alle magie di Rice, il Khimki dilaga e chiude il primo tempo in vantaggio per 50-43.

Il long two di Shved apre il secondo tempo, ma è la tripla di Monia, dopo il canestro di Ayon, a dare la doppia cifra di vantaggio al Khimki sul 55-45. È sempre Ayon a tenere a galla il Real che però vede gli avversari restare saldamente al comando della partita. Sono Llull e Carroll a consentire ai blancos di riavvicinarsi a -4 sul 59-55, prima della tripla di Maciulis che vale il -2 sul 60-58. Dopo il timeout voluto dalla panchina moscovita, Thompkins mette a segno la tripla del sorpasso prima del gioco da tre punti concretizzato da Carroll che porta i suoi a +4 sul 64-60. Dopo il canestro del +6 (66-60) firmato da Llull, il Khimki trova finalmente la via del canestro grazie a Rice , Dragic e Koponen che sono artefici di un parziale di 9-0 che vale il 69-66 in favore dei padroni di casa. Llull e la tripla sulla sirena di Rivers portano all’ennesimo sorpasso che fissa il punteggio alla fine del terzo quarto sul 71-69 in favore del Real.

In avvio di quarto periodo non si assiste a uno spettacolo esaltante, ma l’equilibrio continua a mantenere vivo l’interesse sul match. Il Real Madrid prova strappare, ma la tripla di Monia riaccorcia le distanze fino al -4 (76-72). Il Khimi fa fatica a mostrare un buon basket mentre il Real gioca abbastanza bene di squadra e, con un ottimo Ayon, trova il +10 sull’82-72. Il linguaggio del corpo dei giocatori del Khimki non promette nulla di buono per i tifosi moscoviti che vedono anche il loro idolo Shved non mostrare nulla di buono, uscendo per falli a poco meno di tre minuti dalla fine. Il vantaggio del Real si mantiene sempre intorno ai dieci punti finché Monia, sfruttando l’attenzione che la difesa avversaria riserva a Rice, trascina i suoi fino al -6 sull’85-79. Ayon fa 1 / 2 dalla lunetta e da respiro ai suoi, ma il Khimki vive l’ennesimo blackout della sua partita e alla fine il Real vince per 93-82.

KHIMKI MOSCA 82-93 REAL MADRID (26-26; 50-43; 69-71)

Khimki Mosca: Rice 12, Shved 17, Dragic 5, Augustine 20, Koponen 5, Vyaltsev ne, Ilnitskit ne, Monia 14, Todorovic ne, Honeycutt 2, Davis 7, Sheleketo ne

Real Madrid: Rivers 10, Ndour, Doncic ne, Maciulis 11, Rodriguez 7, Ayon 24, Carroll 8, Llull 17, Thompkins 11, Hernangomez 2, Taylor 3

MVP Basketinside: Gustavo Ayon (24 pt +12 rimbalzi)

CLASSIFICA

CSKA Mosca 4-2

Laboral Kutxa 4-2

Khimki Mosca 4-3

Real Madrid 4-3

Bamberg 3-3

Olympiakos 3-3

Barcellona 2-4

Zalgiris Kaunas 1-5

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy